Lunedì , 22 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spinus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Caccia. Assurdo esame Ddl oggi in Senato 
Senza la relazione attesa da 13 anni impossibile cambiare le leggi
22 Ottobre 2008
 

Oggi all'ordine del giorno in Commissione ambiente al Senato è previsto l'esame di alcuni Ddl sulla regolamentazione della caccia. Ci sembra una cosa assurda e inconcepibile: su quali basi si può procedere alla discussione di una nuova legge se ancora da 13 anni si attende dal Ministero una relazione dettagliata sugli effetti che ha avuto la legge 157 del '92?

Secondo la legge vigente è stabilito che al termine dell'annata venatoria 1994/1995 si sarebbe dovuto procedere alla stesura della prima relazione sul suo stato di attuazione. Tutto ciò è rimasto lettera morta. Nessuna relazione sullo stato di applicazione della legge è mai stata prodotta. Si tratta di una mancanza determinante rispetto ad ogni pretesa di comprensione della norma, della sua applicazione, del modo in cui essa ha potuto svolgere funzioni prioritarie di conservazione della fauna selvatica e gestione del territorio. Purtroppo, ad oggi, non si dispone di alcuna conoscenza del numero di capi di fauna selvatica abbattuti ogni anno, così come niente si sa sullo stato di conservazione delle specie cacciabili e le minacce a cui esse sono sottoposte.

Non si dispone di un quadro sul fenomeno del bracconaggio, che risulta ancora diffuso e del quale abbiamo notizia tramite le operazioni del Corpo Forestale dello Stato. Non ci sono informazioni e organizzate sulle attività di conservazione della natura e gestione del territorio che la legge rimanda alle regioni, nonostante siano decisive sugli obiettivi che il legislatore ha posto.

Inoltre esistono già numerose contestazioni che la Commissione europea ha trasmesso all'Italia tramite il parere motivato alla procedura di infrazione n. 2006/2131, causata dal cattivo o incompleto recepimento di parti persino centrali della direttiva 409/79/CEE. A tali contestazioni, fatte salve alcune pur importanti eccezioni tra cui il decreto per la tutela delle Zone di protezione speciale, la Repubblica italiana non ha ancora risposto.

 

Per queste ragioni, insieme ai senatori Marco Perduca, Adriana Poli Bortone e Franca Chiaromonte, abbiamo presentato un'interrogazione al Ministro delle Politiche agricole e forestali e al Ministro Ambiente e tutela del territorio e del mare, per sapere se il Governo intenda dare urgente applicazione e attuazione a ogni procedura prevista o che si ritenga necessaria affinché si possa produrre in tempi brevi e in modo esaustivo la relazione sullo stato di applicazione della legge n. 157 dell'11 febbraio 1992, secondo quanto disposto dall'articolo 35 della stessa, e come il Governo intenda rispondere alle contestazioni espresse dalla Commissione europea, al fine di evitare che il contenzioso sfoci in una condanna della Repubblica italiana da parte della Corte di Giustizia europea.

 

Donatella Poretti, Senatrice Radicale - Partito Democratico

Bruno Mellano, Presidente di Radicali Italiani


Articoli correlati

  Milano. Impallinata la caccia in deroga!
  Neve e gelo: centinaia di migliaia di animali selvatici sono morti
  Contro la caccia. Manifestazione nazionale a Torino il 17 settembre
  Riapertura caccia: 3 morti e 3 feriti, riprende a scorrere il sangue di animali e umani
  Roma. Martedì 3 febbraio, ore 14 conferenza stampa al Senato dell'Associazione Vittime della caccia, con Poretti, Perduca e Mellano
  Contro la caccia e per il rispetto della proprietà privata
  Caccia. Consegnate al Senato 14mila firme per abolizione
  Donatella Poretti e Alessandro Rosasco. Lezione di caccia a scuola?
  Stagione venatoria. Le vittime della caccia, morti e feriti non solo animali
  Michele Usuelli. Caccia in deroga in Lombardia
  AVC: Nella più totale indifferenza delle istituzioni...
  Caccia e accesso ai fondi privati
  Elisabetta Zamparutti. Caccia: prima vittoria contro deregulation. Serve mobilitazione
  Caccia. 23 morti e 47 feriti in tre mesi non sono una notizia?
  Caccia. Contro l'accesso ai fondi privati per i cacciatori
  Caccia. L'Italia non può più ignorare la sentenza della Corte Europea
  Vincenzo Donvito. E siamo nel 2016 non nel 1816!!
  Caccia. Presentato rapporto associazione vittime, stagione 2010/2011. Una strage
  Caccia. Piena soddisfazione per l’impugnazione del calendario venatorio ligure
  Caccia. Rosasco a Veneziano: “La soluzione equilibrata esiste già. È la piena applicazione della legge 157/92”
  Sen. Poretti. Milleproroghe: No a deroghe a favore dei cacciatori per ammazzare più animali
  Vittime della Caccia - stagione 2010-2011
  Anna Maria Ori / Primarosa Pia. Abolizione caccia e spam
  Lezioni di caccia a scuola: Caso di Rocchetta Vara solo la punta di un iceberg?
  Centro Ricerche per la Pace Viterbo. Proposte. Una campagna contro il commercio delle armi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.5%
NO
 30.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy