Lunedì , 26 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L. Canova. Diario albanese – 6. Parentesi dantesca. Prima di Globalizzazione e Strategie di sviluppo
14 Agosto 2007
 

giovedì, 09 agosto 2007

Parentesi dantesca?

 

Che c'entra Dante con l'Albania?

Forse niente. Forse, ad uno sguardo più attento, molto.

Ruppemi l’alto sonno ne la testa

un greve truono, sì ch’io mi riscossi

come persona ch’è per forza desta

Ogni tanto rileggo volentieri qualche canto o ascolto l'audiolibro di Vittorio Sermonti: la Divina Commedia è davvero un pozzo di meraviglie e di insegnamenti. Il quarto canto dell'Inferno sembra didascalico e innocuo: è quello dove Dante incontra gli spiriti magnanimi intrappolati nel limbo. I grandi del passato, insomma, che non possono essere accolti in Paradiso solo perché non ebber battesmo.

Tra di essi, Ettore, Enea, Socrate, Platone, Lucrezia, i Gracchi... Per non dirne che alcuni.

Quello che, però, mi preme dire qui è che Dante ci mette, in bella posizione, anche Avicenna e Averroè, filosofi arabi che ebbero il merito di rendere disponibili le opere di Aristotele per l'allora nascente società occidentale.

Ma il mio stupore sta tutto in questo verso

...e solo, in parte, vidi ’l Saladino

Il Saladino era il temibile condottiero, già sultano d'Egitto, che seminava il panico in Europa per diffondere la fede in Maometto.

Ieri parlavo con Ilir ed Etleva, sua moglie: lui è ortodosso, lei musulmana. Un grande rispetto vige tra le tre principali religioni, in Albania: i cattolici sono minoranza (il 10% circa della popolazione), ma chiese cattoliche, ortodosse e moschee crescono vicine l'una all'altra, in grande armonia.

Le uniche liti, mi dice Ilir, sono le classiche scaramucce tipiche del buon vicinato (piuttosto comprensibili, a dire il vero, se si pensa che alle 4 il muezzin col megafono urla le sue preghiere litaniche mentre la città, ancora, dorme serena – immagine d'apertura, ndr).

Tornando a Dante, trovo semplicemente ammirevole che un poeta conservatore (come Dante era), in una società integralista, quale quella cattolica di allora, divisa dalle mille dispute tra guelfi bianchi e neri, conceda con la massima tranquillità sommo onore a tre figure della civiltà islamica. Civiltà che i cristiani condannavano pubblicamente.

Il tutto per dire che dovremmo fermarci a pensare. A sospendere la nostra distratta tolleranza, che nasconde (in realtà neanche troppo) un'insofferenza irrisolta per tutto ciò che non siamo noi.

Non mi sorprende che 2 milioni di persone scendano in piazza a celebrare la famiglia, mentre impunemente lascia indifferenti l'incendio di una piccola moschea a Segrate.

E il papa nomina come rappresentante un sacerdote polacco antisemita...

Scusate, ma per me questo è arabo.

 

 

venerdì, 10 agosto 2007

Tutto il mondo è paese...

Dicesi globalizzazione...

 

Una nuova forza politica, giovane e intraprendente, sta facendo breccia nel cuore degli abitanti di Tirana: il suo simbolo è semplice a accattivante. (in calce, foto1)

Tirana Ndes significa Tirana Accesa... Nasce dall’unione di audaci commercianti, capitanati (così pare) dal noto venditore di tessuti, Il Bagashir, uomo dalle mille risorse e dalle sagaci intuizioni.

Il programma della nuova formazione politica è conciso quanto trasparente:

- un’urbanistica al passo coi tempi, all’insegna del cambiamento tecnologico (foto2)

- recupero delle tradizioni e dell’identità attraverso la storia (foto3 e 4)

- mobilità sostenibile, per prendere di petto il futuro (foto5)

- città più pulita e rispettosa dell’ambiente (foto6)

- promozione dei veri valori della città (foto7)1

 

Accendi la città coi tuoi sogni; Tirana Ndes illuminerà il futuro con la luce che nasce dall’energia.

 

Ora scusate, perché è andata via la corrente.

 

Dunque, dicesi globalizzazione... Quel processo per mezzo del quale è maledettamente semplice dare del cretino a G.W. Bush e semplicemente maledetto fare la stessa cosa col presidente della tua banca.

 

 

1 Lo sviluppo nasce non solo dalla partnership pubblico-privato, ma dalla vera e propria fusione dei loro interessi. Tirana Ndes crede ciecamente nel brillante progetto di Melashnik, presidente di Banka Popullore (la Banca al centro dei Balcani) per la creazione di una biblioteca sovraccomunale che raccolga gli scritti di Tèlomet Inculerovic.

 

 

sabato, 11 agosto 2007

Strategie di sviluppo

 

Poche settimane fa G.W. Bush ha fatto una sortita in Albania, trascorrendo ben 6 ore a Tirana. Accolto trionfalmente dalla popolazione, ha ricordato che gli Stati Uniti prestano molte attenzioni allo sviluppo di questo piccolo Paese, promettendo grossi investimenti in un settore che arranca: produzione e distribuzione alimentare.

C'è da credere a Giorgione? (foto8)

Io penso di sì: in effetti, a Tirana non c'è Mc Donald's. (foto9)

 

Luciano Canova


Foto allegate

foto1
foto2
foto3
foto4
foto5
foto6
foto7
foto8
foto9
Articoli correlati

  NNI 19. Luciano Canova
  L. Canova. Diario albanese – 5. Interpretazione Simbolica del Capitale
  Sondrio Veg. “L'autore è reale” al Ri-Circolo di Morbegno
  L. Canova. Diario albanese – 3. Ballata, YinYang, armadiRom... 'Thka problema!'
  L. Canova. Diario albanese – 11. Folliria, una ‘città invisibile’
  Roberto Bonzi. Uscire dalla gabbia della solitudine, per un’economia della felicità
  L. Canova. Diario albanese – 7. In quella città
  Luciano Canova. Inizia la Battaglia Navale
  L. Canova. Diario albanese – 9. Babele maliziosa...
  L. Canova. Diario albanese – 10. Hole is a hole is a hole is a hole...
  L. Canova. Diario albanese – 2. Democrazia (compiuta), relatività (assoluta). Nomi. Mirempershe
  Luciano Canova
  Congresso PD. Vittorio Angiolini a Morbegno, sabato 3 ottobre
  Cassani, Di Scalzo, Canova: Letterature d’oggidì. Sabato 13 a Morbegno
  Una serata da favola. “OSPITO” 7. Venerdì 6 a Morbegno
  Luciano Canova. Diario albanese – 1. La questione balcanica, bar, trasporti pubblici
  Della Battaglia navale di Luciano Canova e Inge Padovani
  L. Canova. Diario albanese – 4. Porta Ludovica, Black out, Fran...
  L. Canova. Diario albanese – 8. Il ponte della discordia
  Prende il largo... il Diario albanese di Luciano Canova
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy