Sabato , 25 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucio De Angelis. All’Eliseo di Roma “Amleto” di Shakespeare 
In una lettura teatrale di Pietro Carriglio limpidamente fedele al testo
29 Marzo 2009
 

Fino al 5 aprile l’Eliseo di Roma ha in scena Amleto nella traduzione di Alessandro Serpieri per la regia di Pietro Carriglio (foto), che firma anche scene e costumi. I più che bravo protagonisti dello spettacolo – prodotto dallo Stabile di Palermo in collaborazione con il Teatro Stabile di Catania – sono Luca Lazzareschi (Amleto), Galatea Ranzi (la regina Gertrude), Luciano Roman (il re Claudio), Nello Mascia (Polonio) e Franco Barbero, Lorenzo Bartoli, Sergio Basile, Domenico Bravo, Eva Drammis, Aurora Falcone, Maurilio Giaffreda, Marco Lorenzi, Luigi Mezzanotte, Paolo Musio, Francesco Prestigiacomo, Jennifer Schittino, Simone Toni, Oreste Valente. Le musiche sono di Matteo D’Amico, le luci di Gigi Saccomandi.

 

Fin dall’inizio della sua attività registica Pietro Carriglio ha dedicato un’attenzione particolare al teatro di Shakespeare. E non solo per la sua grandezza letteraria e drammaturgica, ma anche perché costituisce la più complessa espressione di un’epoca di grandi stravolgimenti – per certi versi paragonabile alla nostra – dove si assiste al crollo di valori e certezze, dopo il trionfo del Rinascimento. Amleto, in particolare, è il simbolo della crisi dell’uomo moderno di fronte al destino e alle proprie responsabilità, ma è anche una esemplare metafora del teatro come visione del mondo.

Dopo un primo studio, presentato al festival delle Orestiadi di Gibellina nell’estate del 2006, il Teatro Biondo Stabile di Palermo propone la versione definitiva del capolavoro di Shakespeare, nella traduzione di Alessandro Serpieri, con la regia, le scene e i costumi di Pietro Carriglio, le musiche originali di Matteo D’Amico, le luci di Gigi Saccomandi.

«Con una magnifica compagnia di attori» precisa Serpieri «Carriglio offre una lettura teatrale molto ampia, limpidamente fedele al testo e allo stesso tempo ricca di invenzioni funzionalizzate alla esplorazione di quel ‘mistero’ che Amleto rinserra nelle sue molteplici quinte».

 

Su Amleto che dire più di quanto milioni di articoli, versioni, edizioni e riedizioni non abbiano già detto: il giovane principe viene a sapere dal fantasma di suo padre che questi non è morto naturalmente, ma ammazzato da Claudio, colui che ora gli usurpa regno e moglie. Amleto fa finta di impazzire, dopo di che compie (non senza esitazioni e difficoltà psicologiche) una strage.

Muoiono tutti, compreso Polonio, intrigante cortigiano, e suo figlio Laerte, che nella scena finale sfida il principe di Danimarca a duello, proprio per l'uccisione del padre e per una implicita responsabilità nella morte della sorella Ofelia, innamorata del principe. E anche due ex amici di Amleto chiamati da re e regina ad aiutarlo a rinsavire: muoiono ammazzati pure loro. Scampa Orazio, l'amico fraterno. Ma per puro caso, verrebbe da dire, solo per comodità drammaturgica.

Non c'è nella storia della letteratura mondiale un personaggio così centrale, così ricco di sfumature, così complesso e sfuggente come Amleto. Alla corte di Danimarca il dubbio e l'ambiguità prevalgono. C'è incertezza tra essere e apparire, pensiero e azione. Il giovane principe sembra determinato a compiere la sua vendetta ma continuamente procrastina l'azione; l'esitazione sembra essere la sua malattia.

Anche se è basato su una struttura convenzionale, l’opera apre la via ad un moderno concetto di teatro. Muove il fulcro dell'attenzione da una vendetta privata verso un'indagine sulle basi dell'umana esistenza e sulla validità delle azioni umane. Mette sotto scrutinio un gran numero di argomenti (la legittimazione del potere, l'incesto), idee (morte, suicidio, esistenza di un mondo soprannaturale), valori (castità, onore, lealtà, amicizia), mancanza di valori (incostanza, ipocrisia, tradimento), relazioni (vincoli familiari), emozioni (amore, gelosia, odio), forme sociali (potere sovrano, gerarchia).

 

 

Teatro: Eliseo

Città: Roma

Titolo: Amleto

Autore: William Shakespeare

Traduzione: Alessandro Serpieri

Regia, scene e costumi: Pietro Carriglio

Musiche: Matteo D’Amico

Luci: Gigi Saccomandi

Personaggi e interpreti (in ordine di entrata)

Gertrude, Regina di Danimarca – Galatea Ranzi

Claudio, re di Danimarca – Luciano Roman

Cortigiano – Oreste Valente

Ancelle – Anna Banfi, Aurora Falcone, Jennifer Schittino

Bernardo – Sergio Basile

Francisco – Franco Barbero

Orazio – Paolo Musio

Marcello – Domenico Bravo

Laerte – Simone Toni

Polonio – Nello Mascia

Amleto, principe di Danimarca – Luca Lazzareschi

Ofelia – Eva Drammis

Spettro del re Amleto – Sergio Basile

Rosencrantz – Marco Lorenzi

Guildenstern – Maurilio Giaffreda

Valtemand, ambasciatore – Lorenzo Bartoli

Compagnia dei comici – Sergio Basile (Primo attore, attore re) / Jennifer Schittino (Attrice regina) / Franco Barbero (Prologo) / Lorenzo Batoli (Luciano) / Francesco Prestigiacomo (Musico) / Anna Banfi / Domenico Bravo / Oreste Valente / Federico Zanghì

Primo becchino – Sergio Basile

Secondo becchino – Franco Barbero

Prete – Lorenzo Batoli

Osric – Oreste Valente

Fortebraccio – Luigi Mezzanotte

Produzione: Teatro Biondo Stabile di Palermo in collaborazione con Teatro Stabile di Catania

Durata: 220 minuti

 

Lucio De Angelis

(da Notizie radicali, 27 marzo 2009)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy