Domenica , 03 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucio De Angelis. All’India in ‘Molto rumore per nulla’ Lorenzo Lavia è diretto dal ‘padre regista’
26 Settembre 2008
 

Ha debuttato con successo l’altra sera al Teatro India di Roma Molto rumore per nulla, in scena fino al 19 ottobre, la celebre commedia shakespeariana, che è l’esito di un laboratorio teatrale tenuto da Gabriele Lavia con una ventina di giovani attori, fra cui il figlio Lorenzo.

Affidare l’apertura della stagione ad un’esperienza laboratoriale è il primo segno dell’attenzione alle nuove generazioni e al teatro di domani che il programma di India si è dato come direttrice della sua programmazione.

 

In Lorenzo Lavia, figlio dell’attore - regista, la passione per il teatro discende “per li rami”, cosicché già da qualche anno è riuscito a farsi accettare in teatri di tutto riguardo ed ora ha avuto l’arduo compito di aprire quale protagonista la stagione con quest’opera.

Gli fa da regista il papà, che quando si trova uno Shakespeare tra le mani, non esita a dissezionarlo e ad approfondirlo alla sua maniera. Così come ha fatto appunto anche stavolta con questo laboratorio, ponendo in risalto come nella trama siano evidenziati alcuni temi chiave quali il dilemma esistenziale tra l’essere e l’apparire.

 

«Non sospirate più, donne. Non sospirate;

Da sempre gli uomini sono ingannatori.

Con un piede in due staffe,

A nulla rimangono costanti.

Cessate dunque di lamentarvi così

E lasciateli andare.

Siate serene e felici

Mutando i vostri canti di dolore

in un gioioso trallallerollalà».

(Estratto della canzone di Badassarre, Atto II, scena III)

 

Il testo è stato arricchito con tanta musica, appositamente composta da Andrea Nicolini, e da tante canzoni, nell’esecuzione di due pianoforti, di un flauto e di tre chitarre ed è tutta musica dal vivo. I costumi di Andrea Viotti vengono a volte indossati, o spesso solo appoggiati da attori in abiti di tutti i giorni, a seconda degli stati d’animo. Piero Sperduti ha firmato il light design.

Con Lorenzo Lavia si inseriscono con vivace disinvoltura nei loro ruoli: Pietro Biondi, Giorgia Salari, Francesco Bonomo, Salvatore Palombi, Andrea Nicolini, Gianni De Lellis, Luca Fagioli, Alessandro Riceci, Alfredo Angelici, Tamara Balducci, Faustino Vargas, Viviana Lombardo, Alessandro Cangiani, Daniele Sirotti, Silvia De Fanti, Andrea Trovato, Claudio Crisafio.

 

L’opera narra che, nella solare città di Messina, il ricco Lionato accoglie nella sua magione il principe d’Aragona don Pedro di ritorno dalla guerra insieme ai suoi più stretti compagni. L’atmosfera gaia e leggera dell’estate mediterranea fa da sfondo agli amori tra il giovane Claudio e la dolce Ero e tra i litigiosi Beatrice e Benedetto. Nell’imminenza delle nozze di Claudio ed Ero, don Juan, geloso del favore che Claudio gode presso don Pedro, fa di tutto per screditare Ero e impedirle così di sposare il suo amato. Nulla però potrà impedire all’amore di trionfare sui cattivi sentimenti che saranno giustamente puniti.

Questa, in breve, la trama di un’opera che condensa in sé tutto il meglio delle commedie shakespeariane: finte morti, sospetti, intrighi, schermaglie amorose, scambi di persona, congiure. Un molto – per fare una sintesi estrema di questa opera – che attraverso lo specchio del rumore si riflette e diventa, o ritorna, nulla.

Il nulla evocato nel titolo della pièce: «lo scandalo, il delirio, la rabbia, la rissa, la finzione, la guerra, l’amore... sono l’esito del nulla, certo arriveranno al nulla. La vita allora non è che un’ombra che cammina per davvero, un povero attore che si agita nella scena, per la sua ora, tutto sudore, furia, temperamento... La congiura, la guerra civile che ha visto soccombere il “bastardo” Juan e vincere il “legittimo” Don Pedro, lo scambio di persona tra Ero e Margherita, la finta morte di Ero, la finta figlia di Antonio, le maschere... le maschere... le maschere... tutto questo... tutto questo “rumore” finirà nel nulla come era nato dal nulla e allora... ha ragione Benedetto... Balliamo!»

 

Commedia fortunata, quindi, che, sul versante della rappresentazione scenica, vanta un successo che nei secoli non è scemato: in Italia è stata sempre molto apprezzata sia per l'ambientazione, la città di Messina, sia per i riferimenti letterari riconducibili alla tradizione culturale italiana. È considerata all'unanimità dalla critica come una delle commedie più frizzanti e spensierate del Grande Bardo.

La locuzione «molto rumore per nulla» è entrata nel gergo comune, sia di matrice anglosassone che non, per indicare una esagerazione o una assurdità.

 

Teatro: India

Città: Roma

Titolo: Molto rumore per nulla

Autore: William Shakespeare

Traduzione: Chiara De Marchi

Regia e scene: Gabriele Lavia

Costumi: Andrea Viotti

Musiche originali: Andrea Nicolini

Light designer: Pietro Sperduti

Interpreti: Pietro Biondi, Lorenzo Lavia, Giorgia Salari, Francesco Bonomo, Salvatore Palombi, Andrea Nicolini, Gianni De Lellis, Luca Fagioli, Alessandro Riceci, Alfredo Angelici, Tamara Balducci, Faustino Vargas, Viviana Lombardo, Alessandro Cangiani, Daniele Sirotti, Silvia De Fanti, Andrea Trovato, Claudio Crisafio

Periodo: fino al 19 ottobre

 

Lucio De Angelis

(da Notizie radicali, 25 settembre 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy