Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. Io sono anaffettivo 
Compagnia teatrale “Gente Assurda”, sceneggiatura e regia Gianluca Moiser
16 Marzo 2015
 

 Il riso chiede una sorta di sospensione del legame di simpatia che ci lega a colui di cui ridiamo”

(Bergson, Il riso)

 

 

La preparazione della scena avviene al momento, montata quasi per caso, improvvisata; un bancone di quelli da bar, gli sgabelli alti e strane scatole di cui è sconosciuto il contenuto, gli attori indossano pantaloni neri e maglietta bianca con la scritta “IO SONO ANAFFETTIVO”. Le luci solo e sempre sul personaggio, sull’attore, sull’uomo e sulla donna, sul volto in particolare, quasi ad uno specchio che trattenga luce e verità. E, dall’incipit: “Malgrado le apparenze non sono uno di voi” al finale: “Io non ci casco, io sono an-naf-fet-ti-vo”, la tensione attoriale è alta, mentire non è facile e far ridere ancora meno. Eppure ci si diverte, si ride e di gusto ad una realtà denunciata sottoriga dalla serietà dei protagonisti fortunatamente affetti dai non-affetti “…l’anaffettivo vive bene, vive libero, è realizzato”. Che caspita! Cosa se ne farà mai un morto dei fiori? E …profondamente commossi? Ma quale commozione! ci vedevamo sì e no per dirci buongiorno! “I colleghi prendono atto del decesso… sobrio pulito e sincero. Proprio così”. E così il primo monologo inizia dalla morte e lentamente ma con fierezza ne seguono altri ad indicare il percorso dell’anaffettivo… liberazione dall’odio e dall’amore, l’allontanamento dalle passioni. Oscurare il cannocchiale suggerisce l’autore… allontanarlo dalla realtà che, se vicina, fa male… suggeriva Pirandello. E intanto scorrono notizie, dai bambini soldato ai diritti violati dei minori… voce forte, fuori campo, un’eco metallica, alla fine imbarazzata… “I bambini hanno sempre giocato a fare la guerra”.

Chi parla inforca un paio di occhiali scuri.

Per l’intera rappresentazione lo sguardo dei personaggi non è mai scambievole, nessuno guarda l’altro neanche quando si passano i libri delle fiabe, piuttosto riflettono con troppo ostentata convinzione sul percorso liberatorio che dovrà compiere l’anaffettivo. E così diventano oggetto di riso sia il povero e “affettuoso” pastore che nutrì Edipo sia il grido disperato di Andromaca e le fiabe, castelli creati a suggerire pianti e commozioni e a scomodare cacciatori contro i lupi cattivi, ad assolvere i sette nani che custodivano “un ricercato dalle massime autorità” e il tutto in nome della condivisione, dell’empatia; e gli psicologi la curano pure quest’emotività quando non c’è ma… accidenti! Il tempo delle battute, dei brevi monologhi è dosato con sapienza e gli attori convincono nel loro appropriarsi della scena e smantellare la demarcazione tra teatro e vita, quella del pubblico coinvolto dai braccialetti rilevatori che verranno distribuiti; una recitazione da professionisti, empatica nell’anaffettività oserei dire, e così, semplicemente, viene da abbracciarli e dire che no, non è vero quello che dicono e che la verità è lì dentro gli scatoloni, e guardarne con loro, il contenuto. Viene da dire grazie delle risate e delle loro parole che smitizzando l’affettività ed esaltando il suo contrario si è fatta carico della sofferenza del mondo e del suo non-detto.

 

Patrizia Garofalo

(da 'l Gazetin, febbraio-marzo 2015)

 

 

(Lo spettacolo verrà rappresentato a Morbegno, sabato 28 marzo 2015, al Mulino Bar Ristorante con inizio alle ore 17:30. Vedi locandina nell'immagine)


Articoli correlati

  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Scorre la parola del dio...
  Roberto De Devitiis e Gianluca Moiser. Tra i banchi un palcoscenico
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Caterina Falcone. Dal carbone e dai cristalli: Sara Rudini e Gianluca Moiser
  “Teglio Teatro Festival Valtellina 2016”
  Sara Rudini, Gianluca Moiser: Dal carbone e dai cristalli
  Annagloria Del Piano. Eventi: Teglio Teatro Festival Valtellina 2010
  Gianluca Moiser. Imitando Baudelaire...
  Tresivio. La Madonna del soldato disperso
  Patrizia Garofalo e Gianluca Moiser. Buio di parole e nido di colore
  Gianluca Moiser: Guido Gozzano
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Gianluca Moiser. Alla madre di un eroe
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. È carne la poesia...
  sbiZZa e MicrOrchestra presentano TINAMO all’Auditorium Morbegno
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Niobe
  Morbegno, teatro e non solo per sostenere il “Gazetin”
  RICORDANDO TIZIANO TERZANI
  Annagloria Del Piano. A teatro con Gente Assurda e “Io sono anaffettivo”
  L'Anam, il Senza nome. Alla ricerca di un'armonia che diventa pace
  Con Gente Assurda, il Gazetin invita al Cabaret
  RICORDANDO PASOLINI
  Io sono anaffettivo. Invito al Cabaret
  Anteprime, laboratori, repliche/ Con “Gente Assurda” alla Centrale di Ponchiera
  Il Rinoceronte di Gente Assurda inaugura il “Festival delle Arti” 2007
  Sondrio. Gente Assurda in “Talmente bianca”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy