Domenica , 05 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
19 Febbraio 2016
   

L'ultima volta che un presidente degli Stati Uniti si è recato in visita a Cuba il Campidoglio dell'Avana non era stato inaugurato, moriva il famoso lanciatore di baseball El Diamante Negro e mia nonna era una bambina dai capelli arruffati e lo sguardo vivace. Non è rimasto nessuno che ricordi quel momento per poterlo raccontare in prima persona, perciò l’arrivo di Barack Obama sull'isola sarà un avvenimento inedito per tutti i cubani.

Come reagirà la popolazione? Con gioia e sollievo. Per quanto poco possa fare il presidente di un altro paese per cambiare una nazione in cui noi cittadini abbiamo permesso una dittatura, la sua visita avrà un forte impatto simbolico. Nessuno può negare che l'inquilino della Casa Bianca risulti ai cubani più simpatico e popolare che l'anziano e poco carismatico generale che è salito al potere per eredità di sangue.

Quando l'aereo presidenziale toccherà terra sull'isola, la barricata che tanto abilmente ha innalzato il Governo cubano per più di mezzo secolo subirà un colpo irreversibile. Non è lo stesso vedere Raúl Castro e Barack Obama che si stringono la mano a Panama, rispetto a questo incontro nel territorio che fino a poco tempo fa era fitto di barriere contro “l'impero” e scherno ufficiale nei confronti dello zio Sam.

Il governatore statunitense non potrà cambiare Cuba ed è meglio che nemmeno ci provi, perché questo torto nazionale è responsabilità nostra

La stampa del Partito Comunista dovrà fare i salti mortali per spiegarci l'accoglienza ufficiale al comandante in capo delle forze armate del “paese nemico”. I militanti più riluttanti si sentiranno traditi e sarà evidente che, dietro una supposta ideologia, ci sia solo la determinazione di aggrapparsi al potere con le strategie tipiche dei camaleonti politici.

In strada, la gente vivrà con entusiasmo questo avvenimento inaspettato. Per la popolazione nera e meticcia, il messaggio è chiaro e diretto in un paese in cui una gerontocrazia bianca ha il controllo del potere. Coloro che possiedono una maglietta o un poster con la faccia di Obama lo esibiranno in questi giorni, approfittando del permissivismo ufficiale. Fidel Castro morirà ancora un po' all'interno del suo sorvegliato rifugio dell'Avana.

La birra Presidente verrà esaurita nei bar, dove si sentirà dire a voce alta la frase “dammi ancora due Obama”, e non c’è da escludere che questa settimana gli uffici di stato civile registrino svariati neonati con il nome Obamita de la Caridad Pérez o Yurislandi Obama. Pepito, il ragazzino delle nostre barzellette popolari, darà vita a un paio di battute per l’occasione e i venditori di cianfrusaglie tireranno fuori prodotti con la sagoma dell’avvocato e le cinque lettere del suo nome.

Ciononostante, una cosa è chiara, oltre le fronde dell'entusiasmo, il governatore degli Stati Uniti non potrà cambiare Cuba ed è meglio che nemmeno ci provi, perché questo torto nazionale è responsabilità nostra. A ogni modo, il suo viaggio sarà un colpo a effetto duraturo e dovrà cogliere l'occasione per lanciare un messaggio forte e chiaro davanti ai microfoni.

Le sue parole si devono rivolgere a quei giovani che proprio in questo momento stanno armando nelle loro teste la zattera della disperazione. A loro c'è da far sapere che la povertà materiale e morale che li circonda non è responsabilità della Casa Bianca. Il modo migliore in cui Barack Obama può entrare nella storia di Cuba è chiarire che i colpevoli del dramma che viviamo si trovano a Piazza della Rivoluzione dell'Avana.

 

Yoani Sánchez

(dal blog GeneraciónY su 14ymedio.com, 18 febbraio 2016)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  Nuove relazioni Cuba-Usa. I commenti dei vignettisti
  Wendy Guerra. E arrivarono gli americani a Cuba… senza colpi d’arma da fuoco né missili
  Come il vignettista Pong vede la nuova amicizia Cuba - USA
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Pong. Cuba-Stati Uniti: Colloqui sui Diritti Umani
  Garrincha. Il perdono e la jama
  Obama e Raúl Castro: incontri e disincontri
  Garrincha e Santana. Il dialogo Usa-Cuba al nodo dei Diritti Umani
  Jardim. Castro e la popolarità
  Zunilda Mata. L’arte della convivenza tra paesi
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Il patriarcato gentile di Obama
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
  Raúl Castro apre al lavoro privato ma non parla di libertà
  Le riforme di Raúl non si fermano
  Yoani Sánchez. La presenza di Fidel unica sorpresa del Congresso
  Cuba, 26 luglio. Raúl Castro non parla
  Raúl Castro riapre il settore dei trasporti ai privati
  Lula paragona i dissidenti cubani ai delinquenti comuni brasiliani
  Yoani Sánchez. Il peccato originale
  Gorki Águila. “El general”. Arrestato mentre la registrava
  A Cuba reimpasto nel governo
  Cuba senza Castro. L'ottimo libro di Giorgio Ferrari
  Garrincha. Il cambiamento di Raúl
  Cuba. Meno detenuti politici, ma situazione diritti non migliora
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Breve analisi economico-politica del 2009 di Raúl Castro
  Valter Vecellio. La situazione. Cuba, come prima, peggio di prima
  Domenico Vecchioni. “Raúl Castro”
  Yoani Sánchez. Che cosa fa un presidente?
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Iniezioni di libero mercato e campi da golf per l'economia cubana
  Yoani Sánchez. Mi dimeno nell’Olimpo
  A. Torreguitart. Speedy Gonzales e il socialismo realista
  Cuba. Liberato Lázaro González Adán, in carcere dal 2004
  Raúl Castro: “Il futuro è nel privato! Ma siamo ancora socialisti...”
  Yoani Sánchez. Assenza di colori
  Reinaldo Escobar. Te l’avevo detto
  Yoani Sánchez. Il sermone di José Conrado nella chiesa di legno
  Yoani Sánchez. Cuba. Il numero 1.5
  Cuba. Stato sociale, forse cade un tabù
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  Omar Santana e la situazione cubana
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy