Domenica , 13 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Elisabetta Brizio: Sulla "Trilogia" di Paolo Ruffilli, sulla lettura di Patrizia Garofalo
Paolo Ruffilli
Paolo Ruffilli 
30 Marzo 2009
 

Pregevolissimo l’approfondimento di Patrizia Garofalo delle gradazioni della parola ruffilliana, orientata verso una com-prensione centralizzante, totalizzante: dapprima l’autrice pone l’accento sulla onnicomprensività e sulla onnipervasività della parola nella sfera spirituale, successivamente sulla sua capacità di includere in sé i dati sensoriali, e quindi nella sfera fisica. Dalla icasticità e dalla forza espressiva della parola la Garofalo passa alla sottolineatura dell’insufficienza della lingua e della tendenza ruffilliana a delegare la parola ai corpi e al loro eloquentissimo silenzio, che è implosione irredimibile, “fisicità compressa”. E si volge alla ricerca del senso del ruffilliano ribaltamento della condizione dell’umana costrizione, da ”oggetto dell’indifferenza a soggetto dell’indifferenza”: per quella acclarata superiore umanità che qualifica il poeta, il soggetto lirico sperimenta e verbalizza con “una poesia di pensiero” anche ciò che è infigurabile e indefinibile. Attraverso una forma di comprensione empatica la Garofalo (poeta ella stessa, che con l’altrui poesia mostra di intrattenere un rapporto non unicamente estrinseco, ma al contrario denota una intensa partecipazione, un eccesso “creativo” di immedesimazione) insegue lungo tutto il testo l’instabile equilibrio della ruffilliana “ossessione della libertà”, il dibattersi nella speranza suprema, già pressappoco montaliana, di un “varco”, della “libertà, il miracolo, / il fatto che non era necessario”, circostanza che si riflette sulla costruzione dello stile di Ruffilli e che implica una finzione – ma non per questo una mistificazione, nota la Garofalo – quale chance di un oltre intriso di indefinitezza e di ineffabilità. Laddove per finzione si intenda, come la Garofalo sottolinea, “plasmare, creare”, la raffigurazione, in altre parole di un “altrove”, approdo o deriva, in quanto, per Ruffilli, la scrittura “dichiara meno timore della morte che del possibile vuoto della vita”.


Elisabetta Brizio


Articoli correlati

  Elisabetta Brizio: La dichiarazione d’amore e morte di Hans Castorp
  Elisabetta Brizio: La poesia di Sergio Corazzini dagli esordi in romanesco a La morte di Tantalo. Esistenza, mistero, scrittura 1
  Elisabetta Brizio: Frontiera. Ricordando Vittorio Sereni. Foto della Domenica 4
  Elisabetta Brizio: Esistenza, mistero, scrittura 2. Toblack e Spleen di Sergio Corazzini
  Elisabetta Brizio. Romanzo sul Serchio. "La morte del fiume" di Guglielmo Petroni
  Elisabetta Brizio: I Novissimi tra poetica e poesia
  Elisabetta Brizio: “Sonetto nella neve” di Sergio Corazzini. Poesia e fotografia 1
  M. Veronesi, E. Brizio. Su “Ipotesi di donna” di Patrizia Garofalo
  Elisabetta Brizio: Il ritorno di un viandante dello spirito. Ferretti Lindo Giovanni
  Patrizia Garofalo: Mare D’anime (1)
  Patrizia Garofalo: "Forse anch'io scriverò..." Foto della Domenica 1
 
 
Immagini correlate

  Elisabetta Brizio - Neve per l’orto di Corazzini - Poesia e foto
  Jack Kerouac - Desolation angel 2
  Neal Cassady - Desolation angel 1
  Venezia
  Paesaggio invernale
  Ricordando Remo Pagnanelli
  Giovanni Lindo Ferretti 3 - Potenza Picena (MC) III 2005
  Parvenze
  Karl Michelstädter - Utopia del libero mare
  L'immagine di me voglio che sia... - Gozzano
  L'arcano dell'arca di ‘Ndrja Cambrìa - Stefano D'Arrigo
  Giovanni Lindo Ferretti 1 - S. Benedetto del Tronto.VII 2008
  Giovanni Lindo Ferretti 4 - Potenza Picena (MC) III 2005
  Ilaria del Carretto - Pier Paolo Pasolini
  Il sonno di Ilaria
  Giovanni Lindo Ferretti 2 - Ancona. Giugno 2007
  La notte tra Michelangelo e Campana
  “Complainte d’un certain dimanche”
  Elisabetta Brizio - Mare di nebbia senza viandante
  Giovanni Lindo Ferretti - L'ora che il cielo s'indora
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy