Lunedì , 14 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Renato Pasqualetti. La memoria di un’amicizia
27 Settembre 2014
   

L'anno ha pochi giorni perfetti.
Non ci lascia mai incolumi la divinità felpata.
Noi la subiamo come l'eccessivo caldo
o il troppo freddo.
Nel corso passano senza freno i dagherrotipi
della nuova eleganza e ci portano via
le donne e la vita.

Remo Pagnanelli

 

 

 

Remo Pagnanelli era aristocraticamente dandy e capitava spesso d’incontrarlo a sera in centro a Macerata, con il suo sguardo sorridente e ironico e il suo immancabile foulard.

A Macerata era nato nel 1955 e aveva cominciato a scrivere qualche scarabocchio in versi fin dalle scuole medie. Poi le sue poesie erano diventate più robuste durante il liceo classico, che aveva fatto nella sua città, per diventare il suo mestiere già all’Università di Macerata dove, iscritto alla Facoltà di lettere moderne, si era laureato con lode nel 1978, con una bella tesi, poi pubblicata, su Vittorio Sereni. A Urbino si era specializzato gli anni successivi in critica letteraria con il professor Mario Petrucciani e una tesi su Sandro Penna. Poeta e critico letterario fin da giovane, non nascondeva ai suoi amici più cari, che restarono sempre quelli del liceo e del quartiere, che la sua vera aspirazione sarebbe stata quella di fare il direttore d’orchestra, tanto era innamorato della musica. La poesia, la letteratura, la musica le sue grandi passioni, ma anche la storia dell’arte che aveva insegnato e che lo aveva portato negli ultimi anni della vita come docente all’Accademia di Belle Arti di Macerata. Oltre ai suoi saggi sulla letteratura, infatti, ne esiste una serie molto bella sull’arte e in particolare sugli artisti marchigiani, Licini, Scipione, Pannaggi, Peschi… che seguì sempre con interesse e ammirazione. Pagnanelli è stato un intellettuale poliedrico e anche un poeta della generazione attiva negli anni '80, che con il suo amico Guido Garufi fondò la rivista Verso, e che partecipava a convegni e appuntamenti culturali in tutta Italia, seguendo le correnti letterarie e cercando di sostenere quelle che lo convincevano di più.

Era innamorato della provincia e soprattutto del tempo che vi scorreva in maniera diversa e consentiva la contemplazione. Ma questo amore non gli evitava di essere durissimo con il provincialismo e con gli uomini che ne interpretavano gli aspetti peggiori. In questo si può trovare in lui una profonda affinità con Giacomo Leopardi, nello spirito ribelle, nella critica, anche ironica, alle classi dirigenti e allo stato presente del costume degli italiani. Famose sono restate alcune sue definizioni, coniate con gli amici al bar, che lui riteneva il luogo dove nascono le idee migliori, quali “Macerata, la più grande necropoli del Piceno” oppure “Macerata città cripto-erotica”. Espressioni ironiche e brucianti che mettevano a nudo gli aspetti dell’ipocrisia e della pigrizia delle città di provincia. Ma al bar nascevano anche definizioni geniali, come quella sulla giovane poesia marchigiana degli anni ’80, definita “un’avanguardia a ritroso”.

Oltre che autore di una poesia melanconica e ironica attraversata da una forte tensione etica, fu anche un critico letterario coraggioso e moderno, alcuni dicono forse superiore anche al poeta. Con una scrittura asciutta e elegante, si colloca senza dubbio nel filone dei grandi critici italiani, simile per temperamento e stile a Giacomo Debenedetti. Malgrado una produzione poetica e saggi di critico letterario di grande rilievo, Remo restò sempre un uomo modesto e riservato, come sanno essere i grandi talenti. Innamorato e competente di calcio, come Pasolini, non era raro vederlo felice tirare due calci nella piazzetta della stazione, dove aveva i suoi amici più cari. Poi Remo nel 1987 a 32 anni decise volontariamente di andarsene dalla vita, per cercare un riposo lontano dal frastuono del suo tempo, come era chiaramente annunciato nel titolo di una sua ultima fatica poetica: “Preparativi per la villeggiatura”.

 

Renato Pasqualetti


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.1%
NO
 23.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy