Sabato , 22 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini 
Note a margine di Patrizia Garofalo
27 Gennaio 2014
 

Un solo spazio compenetra ogni essere:

spazio interiore del mondo. Uccelli taciti

ci attraversano. Io che voglio crescere,

guardo fuori e in me ecco, cresce l’albero.

Rainer Maria Rilke

Guardai me e te

E guardai gli altri

E non bastava ancora

Inge Muller

 


Religiosità di una condivisa rinascita nel ciclo inesauribile che, dalla terra, genera nuove foglie e apre le gemme e s’abbuia nell’ora oscura che veste l’inverno. E nei confronti della terra, l’avvertimento della meraviglia simile alla verginità della primavera e dell’aurora sia nei greti dei fossi che nel camminare cittadino che riporta voci e ricordi e infanzia e primi passi. Essi, subito dopo il distacco dalle braccia materne, lasceranno vuoto, abbandono, nostalgia. Da quel momento, gli inesausti tentativi di abitare il mondo nella ricerca di una totalità e composizione dell’essere. «Nella scrittura poetica è inestricabile il legame che viene a crearsi tra spazio e tempo, da questo legame apprendiamo quanto breve sia il volo terreno e quanta energia esso riesca ad esprimere» scrive Flavio Ermini (Anterem, 64, Giugno 2002).

Sono meraviglia e nostalgia i sentimenti più richiamati nell’ultimo lavoro di Duccio Demetrio sulla spiritualità della terra che, a mio avviso, rimandano allo scritto che segue del poeta Flavio Ermini «ad un incontro sempre rinviato, sempre annullato, cancellato a mai dimenticato». E nell’auroralità della parola, viva è la ricerca di «rompere l’isolamento dell’io… che si curva inesorabilmente in un dire all’altro, in un portare e porre la domanda, nello scuotere il minaccioso dogmatismo del logos paterno con l’antipensiero. Il tu è chiamato a dire questo nuovo sapere, che implica un sovvertimento dei sensi: recuperare sulla terra i tesori che erano dispersi nei cieli». Il “tu”, tanto variamente interpretato dai critici, è un riavvicinarsi alla nostra dimensione originaria fatta emergere e rinascere ogni giorno, è «un abitare poeticamente il mondo» come scriveva Hölderlin. Dare voce alla natura che tanto ci offre è un dovere di noi mortali, un segno di gratitudine, un dovere dell’esistenza, un bene e un patto che non va tradito. Nel tempio di Apollo, dove l’oracolo, ascoltando la terra, traeva vaticini che vendeva ai mendicanti, a Delfi, nelle radici della nostra storia, da lì inizia la scrittura dell’ultimo lavoro di Duccio Demetrio.

 

la vastità della pianura non porta all’orizzonte lo sguardo, né implica il desiderio di collocare altrove le nostre radici. Non sono più immaginabili luoghi sostitutivi dell’antro ed è caduta l’ossessione di impossibile ritorno

(Flavio Ermini, Il matrimonio del cielo con la terra)



Articoli correlati

  Anghiari. Convegno nazionale “Per una ecologia narrativa”
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Scrivere di sé: la scrittura come resistenza
  Scrivere un diario per conoscersi: è l’invito della “Green autobiography” di Duccio Demetrio
  Duccio Demetrio. L'econarrazione
  Patrizia Garofalo. “La religiosità della terra” di Duccio Demetrio
  La Barbagianna: XXV Rassegna internazionale “Incontri d’Arte” - prima parte
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  Duccio Demetrio. La religiosità della terra
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Impensato
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
  Sulla danza
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy