Domenica , 12 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesco Pullia. Bersani e i radicali
30 Ottobre 2009
 

Le bocce nel mondo della politica sono tutt’altro che ferme. La designazione, uscita dalle primarie, di Pier Luigi Bersani a segretario del PD, al di là del fatto che abbia avuto, soprattutto nelle regioni rosse, il sostegno dei maggiorenti del partito, merita rispetto e attenzione.


Sicuramente la fuoriuscita di Francesco Rutelli, da tempo covata e annunciata, è prematura e mancante di fondamento. È vero, infatti, che, sempre nelle regioni rosse e non solo, chi ha espresso la propria preferenza per avere come leader l’ex ministro (tra l’altro uno dei migliori della vecchia compagine governativa) lo ha fatto perché convinto che poco o nulla sarebbe cambiato degli assetti interni (ed esterni). Ma non è detto che, per forza, debba andare così e che, in realtà, il neosegretario non possa rivelarsi, a dispetto delle apparenze, una sorpresa.

È un bel rebus e l’unico modo per risolverlo sta nel non pronunciare giudizi affrettati e/o preconcetti.

 

Intanto, l’idea di concentrarsi su un programma anziché sul trito e perdente antiberlusconismo, è significativa e non può che essere accolta positivamente. La decisione di non partecipare alla manifestazione del “No Cav Day” può essere intesa, in questo senso, come un buon inizio, così come la possibilità di candidare Emma Bonino alla guida della Regione Lazio in una sfida nient’affatto facile con una contendente capace e di tutto rispetto come Renata Polverini. Naturalmente, vedremo se e come alle intenzioni seguiranno i fatti.

 

Anche l’incontro con Di Pietro non può che ricevere apprezzamenti soprattutto perché è stato rimarcata l’autonomia, pur nel parallelismo, delle due visioni. Ci si aspetta adesso di verificare come Bersani si comporterà nei confronti dei radicali, con cui, come è noto, il PD ha avuto finora un rapporto senza dubbio travagliato, teso, conflittuale, di certo non per colpa della compagine di via di Torre Argentina ma a causa del protrarsi di inconcepibili, vergognose, pregiudiziali antipannelliane.

 

Al di là del dato numerico, non si può negare che la vera spina nel fianco del PD siano proprio i radicali e questo perché non hanno mai cavalcato ondate emotive e populistiche ma da oltre cinquant’anni perseguono con fermezza una linea propositiva, riformatrice, non partitocratrica, che travalica gli angusti confini nazionali per caratterizzarsi come alternativa globale, trasnazionale, allo stato delle cose presenti. Nella politica radicale s’incardinano e inanellano perfettamente i diritti civili alla lotta contro lo sterminio per fame e sete nel mondo, le problematiche ambientali, oseremmo dire ecosofiche, cioè di conoscenza adeguata dell’oikos, dell’abitare in modo consapevole, rispettoso, nel pianeta, del prendersi cura della componenti animali, vegetali, persino fossili del pianeta, a quelle di natura economica. Per non parlare delle battaglie per porre fine alle mutilazioni genitali femminili o alla barbarie della pena di morte. L’ultima, poi, per scongiurare che presidenza dell’Unione europea finisca nelle mani di Tony Blair è emblematica.

 

«Abbiamo tentato di documentare» ha tuonato Marco Pannella «che non solo Bush, ma se possibile ancora peggio di lui, c’è stato un personaggio che ha tradito il proprio Paese ed il proprio giuramento reiteratamente, che è stato corresponsabile di una politica assassina, negata e nascosta al proprio Paese, malgrado quei documenti interni scritti dei propri diretti collaboratori, e questo è Tony Blair. Abbiamo cercato, anche con Emma Bonino, nei mesi che precedettero l’inizio della guerra in Iraq l’unica alternativa possibile. Ebbene io accuso, imputo Blair di tradimento e responsabilità di aver permesso a Bush di scendere in guerra, non permettendo la soluzione dell’esilio di Saddam. Vigliaccamente Blair è stato il principale, silenzioso e obbediente, collaboratore del Presidente americano. Dietro il volto bello di questo personaggio c’è qualche realtà shakespeariana indegna, del traditore umano ed istituzionale».

 

Che farà, a questo proposito, il PD di Bersani?

 

Il centro intorno a cui ruota la politica radicale, che senza alcuna enfasi risulta essere l’unica ad affrontare le questioni in una prospettiva di medio e lungo termine e non quindi secondo una chiave episodica, è dato dalla legalità.

 

Non è un caso che il partito di Pannella abbia via via incontrato nella sua strada un numero davvero straordinario di esperti, studiosi, premi Nobel, come l’economista bengalese Amartya Sen che ha insistentemente affermato il nesso tra diritto e sviluppo. Il progresso non è cioè misurabile soltanto dal livello di pil ma dall’indice di democrazia interna, dalla capacità di comunicazione e di trovare, nel confronto, rimedi e correttivi alla sperequazione. Senza libertà, senza benessere individuale, senza garanzie relative alla qualità della vita, non è neanche lentamente concepibile alcun miglioramento economico generale.

 

Tra qualche giorno, precisamente dal 12 al 15 novembre, i radicali si riuniranno in congresso a Chianciano. Occasione migliore non può esserci per Bersani per dire con franchezza se il suo PD vorrà fare a meno o no del contributo radicale e soprattutto se finalmente si potrà lavorare insieme per un’alternativa di governo, un’alternativa, non un’alternanza, credibile perché programmatica e non basata sulla perdente vaghezza antiberlusconiana.


Francesco Pullia

(da Notizie radicali, 30 ottobre 2009)


Articoli correlati

  Piero Cappelli. Dopo il successo di Bersani&D’Alema
  Roberto Fasoli. Proposta di scaletta per la presentazione della mozione di Pier Luigi Bersani
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Valter Vecellio. Qui ci sono i radicali, e qui Bersani dovrà saltare…
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Congresso PD. Vittorio Angiolini a Morbegno, sabato 3 ottobre
  Luciano Canova. Mariniamo il PD!
  All'ultimo voto l'elezione di domenica. Angelo Costanzo confermato segretario provinciale PD
  Primarie PD. Ultimo round domenica 29, con le elezioni per segretario e assemblea provinciali
  Luciano Canova. Per Marino: “Sento la responsabilità, come cittadino, di provarci”
  A Rovagnano e Milano
  Ignazio Marino si candida alle primarie del Partito Democratico
  Congresso PD. Costituito in provincia il “comitato Bersani”
  Congresso PD. Ecco il “comitato Franceschini” per la provincia di Sondrio
  Primarie del Partito Democratico. Domenica 25 ottobre 2009
  Valter Vecellio. Perché no al PD (per ora, almeno). Appunti per una discussione
  Il PD va a congresso, in Valtellina e Valchiavenna
  Primarie Pd: Radicali fiorentini votano Marino, l'unico vero primario
  Gaspare Serra. Caro PD (“meno L”): dì qualcosa (o almeno qualcosina…) di sinistra!
  Lecco. Otto radicali espulsi dal PD
  Congresso PD. Il commento di Ignazio Marino sul voto nei primi 587 circoli
  Valter Vecellio. PD: quali idee, quali progetti? E soprattutto, quali regole?
  'L GAZETIN nella mischia delle Primarie
  VIII Congresso di Radicali Italiani: Relazione della segretaria Antonella Casu
  L'asse Berlusconi-D'Alema è quello della mozione Pd-Pdl al Parlamento europeo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy