Sabato , 04 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
21 MARZO: GIORNATA IN RICORDO DELLE VITTIME DELLE MAFIE
21 Marzo 2006
 

Oggi, a Torino, è di scena la giornata in memoria delle vittime di tutte le mafie.

Saranno settecento le bandiere che sventoleranno nei cortei previsti, ognuna a portare il nome di una vittima della mafia.

Ad accompagnarle, le parole del procuratore generale Giancarlo Caselli: «Li hanno uccisi perché non siamo stati abbastanza vivi». Dura frase da dire, dura da sentirsi dire. Ma vera nel richiamare l'attenzione di noi tutti ad una presa di coscienza, ad un riconoscimento di corresponsabilità. A ognuno la scelta di far assumere a questa corresponsabilità una caratteristica positiva: quella dell'impegno sul terreno della legalità e della giustizia, quella di organizzarsi affinché si affermino i diritti di una società civile e libera. La Giornata del 21 marzo come pungolo quotidiano del lavoro di istituzioni e di coscienze.

Alle manifestazioni previste oggi, cortei - conferenze - incontri con studenti e con Don Luigi Ciotti, presidente di Libera* - parteciperanno i familiari di molte vittime (Fortugno, Antiochia, Borsellino, Chinnici, Siani...) perché da ferite non risanabili possa comunque scaturire il seme di una nuova sensibilità fatta di civile partecipazione.

Per Torino è l'occasione della memoria di tanti suoi caduti nella lotta contro la mafia: il procuratore Bruno Caccia, Mauro Rostagno, l'agente Montaldo, Carlo Alberto Dalla Chiesa.

L'organizzazione della Giornata a Torino è di Libera, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Torino, della Regione Piemonte, del Parlamento Europeo, della Direzione regionale Miur, della Consulta provinciale Studenti.


Annagloria Del Piano



* Libera nasce il 25 marzo del 1995 con l'intento di sollecitare l'impegno della società civile contro tutte le mafie, coordinando le tante realtà delle associazioni aderenti, operanti con questi fini. Tra le attività di Libera: il sostegno a realtà dove è più presente la penetrazione mafiosa con progetti tesi a realizzare percorsi di legalità e ad incentivare le risorse; la formazione e l'aggiornamento sulle mutazioni del fenomeno mafioso al fine di conoscerne i meccanismi e prevenirli; l'educazione alla legalità nelle scuole e fra i giovani; la riutilizzazione a fini sociali dei beni confiscati ai mafiosi. Libera è presente su tutto il territorio nazionale, attraverso le sue sedi regionali e i coordinamenti provinciali.


Articoli correlati

  Mafia anche in Lombardia?
  Livio Pepino: La mafia che si trasforma in potere
  Roberto Malini. La mafia è un mostro dalle cinque teste
  Narcomafie: Inchiesta sulla mafia-massoneria. Perquisita la Cassazione
  Attilio Doni. “È inguaribile la mia malattia, oppure è incapace il medico?”
  Che fine hanno fatto i beni confiscati alle mafie?
  Punto Pace / Arci. Con Libera, alla giornata della memoria. Milano 20 marzo 2010
  Gianmario Lucini. Un libro contro la mafia scritto dagli studenti italiani
  UNA PASSIONE INESTINGUIBILE: LA STORIA DI PEPPINO IMPASTATO
  Milano dice NO. Mobilitazione Generale Contro le Mafie
  Carovana antimafie 2009. La tappa di Morbegno di domenica 15 e altro ancora...
  Primo Mastrantoni. Corruzione. Quando si legifera sull'emergenza
  Giovanna Corradini. Intorno alla mafia, prima e dopo l'unità
  Marco Lombardi. A Roma nessun Robin Hood
  Grazia Musumeci. Vent’anni. Ricordando Falcone nel ricordo di Norman
  Giuliano Luzzi. MAFIA?! Da noi no!
  Roberto Malini. Come reagiremo allo scan­da­lo Roma Capitale?
  Mostra fumetti antimafia a Lacchiarella (MI)
  Gianmario Lucini. A Napoli contro tutte le mafie
  Fa tappa a Morbegno la Carovana antimafie 2009
  Milano dice NO. 13-14-15 novembre
  Scuola Antonio Caponnetto. A Firenze, con “LIBERA”
  Rita Bernardini. Tre o quattro finanziarie ogni anno per la criminalità organizzata
  Gordiano Lupi. I “Giudici di frontiera” di Roberto Mistretta
  I.T.C.G. “P. Saraceno”, Morbegno. “A cento passi... da casa nostra”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy