Martedì , 31 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
PierVincenzo Uleri. Abolire le Province? Come e perché?
Ugo La Malfa (1903 - 1979)
Ugo La Malfa (1903 - 1979) 
08 Gennaio 2009
 

«La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato»

(Costituzione della Repubblica, art. 114, comma 1°)

 

 

Due interventi pubblicati su Notizie Radicali attorno alla metà di dicembre hanno riproposto il tema dell’abolizione delle Province: giovedì 11 dicembre è intervenuto Giorgio Ragazzini, poi Michele Bortoluzzi il 15 dicembre. Non escludo vi siano stati altri interventi.

Da alcune settimane, forse da mesi, il quotidiano Libero conduce una campagna giornalistica per abolire le Province. Non so dire con che tipo di argomentazioni. In passato per l’abolizione delle Province sono stati pubblicati articoli su Il Sole 24 Ore. La questione non è nuova e la proposta di abolizione non è certo originale: è per questo una proposta invecchiata, inutile o, perfino, deprecabile in quanto manifestazione di qualunquismo e antipolitica? Non lo credo.

 

Un fatto è certo: il Direttivo dell’Unione delle Province Italiane (UPI) è alquanto preoccupato ed ha convocato per il 30 gennaio 2009 una giornata di mobilitazione nazionale in difesa del ruolo delle Province. Nel comunicato di convocazione i dirigenti dell’UPI scrivono: «Pensare di abolire le Province - sostiene il Consiglio Direttivo dell'Upi - sarebbe dannoso e antieconomico. Piuttosto bisogna proseguire con la riorganizzazione dello Stato, la definizione delle funzioni di ciascuna istituzione, l'eliminazione degli enti strumentali e la semplificazione del sistema».

 

In questo intervento mi occupo soprattutto del perché abolire le Province.

Com’è noto, alla questione delle Province hanno dedicato un capitolo del loro libro Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella.1 Rizzo e Stella ricordano che l’ipotesi dell’abolizione delle Province era stata discussa e proposta nel corso dei lavori dell’Assemblea Costituente e riproposta dal leader del Partito Repubblicano Ugo La Malfa nel momento in cui entravano in vigore le Regioni a Statuto di autonomia ordinaria (1968-70). In effetti l’ipotesi di abolire le Province è stato spesso il pendant dell’idea regionalista. Rizzo e Stella citano il Prof. Augusto Barbera che ricorda come l’idea fosse già presente nel progetto di Stato regionale formulato da Marco Minghetti dopo l’Unità d’Italia.2

 

Fatto sta che, attuate le Regioni le Province non sono state abolite. Accade invece che il loro numero sia in costante aumento nel corso degli ultimi decenni: al momento sono 107. I senatori Sergio Salvi e Massimo Villone, ne Il Costo della Democrazia (2005), scrivevano che sette Province erano state istituite tra il 2003 e il 2004 (di cui ben quattro in Sardegna) e che era prevista l’istituzione di 28 nuove Province. Salvi e Villone scrivono che l’ipotesi di abolizione delle Province era stata seriamente discussa nella Commissione bicamerale per le riforme istituzionali presieduta dall’On. Massimo D’Alema. I due senatori suggerivano che i costi per l’istituzione di nuove Province fossero coperti da un’apposita tassa a carico dei cittadini residenti nei comuni interessati all’istituzione delle nuove Province.

 

Le campagne giornalistiche per l’abolizione delle Province sono solo il frutto di un vento di qualunquismo e antipolitica? È possibile che almeno in parte una vena di qualunquismo e antipolitica serpeggi tra le fila di quanti vorrebbero per l’abolizione delle Province. Questo è forse inevitabile considerato una certa sordità prevalente tra i governanti rispetto alle esigenze di «buon governo» che sono in primo luogo esigenze di sobrietà, di buona amministrazione della res publica, di riduzione degli sprechi di denaro e risorse pubbliche.

Tuttavia le ragioni più vere e profonde potrebbero essere ricercate in quella che è stata definita la mancata razionalizzazione territoriale del sistema politico-amministrativo italiano. Secondo Ettore Rotelli la «razionalità territoriale» è da intendersi come «riduzione generalizzata del numero delle istituzioni locali sulla base di determinati criteri e nella formazione di entità più ampie sotto il profilo territoriale e demografico».3 A differenza di quanto accaduto negli ultimi decenni del XX secolo in alcune democrazie europee, in Italia non vi è stata alcuna razionalizzazione territoriale.4

Agli inizi del XXI secolo, un contesto di crescente competizione globale, dovrebbe disporre secondo Rotelli di unità politico-amministrative del governo locale dotate di «consistenza demografica, territoriale, funzionale, finanziaria» adeguate per partecipare al gioco del ‘federalismo competitivo’.4

Basti in proposito un esempio semplice ed elementare. In Lombardia, la seconda Provincia dopo Milano (che conta circa 3 milioni e 700 mila abitanti su una superficie di quasi 2.000 kmq. e 188 Comuni), è quella di Brescia: ha circa un milione e 100 mila abitanti, su una superficie di quasi 4.800 kmq. e 206 Comuni. La Provincia lombarda più piccola è quella di Sondrio: conta circa 177.000 mila abitanti su una superficie di 3.200 kmq. e 78 Comuni. La Provincia sarda più piccola è quella dell’Ogliastra: ha poco più di 58.000 abitanti, su una superficie di oltre 1.800 kmq. e 23 Comuni. Il testo unico sulle autonomie locali (l. n. 267 del 2000) indica in 200.000 abitanti la soglia demografica minima per la istituzione di nuove Province: 18 Province tra le 107 già istituite sono al di sotto di quella soglia.

 

La razionalizzazione territoriale non riguarda solo le Province ma anche le Regioni e i Comuni. Ad esempio, se e come occorra ridurre il numero dei Comuni e quale dovrebbe essere la loro dimensione ottimale è questione antica ma sempre attuale, almeno a partire dal dibattito in vista dell’approvazione della legge del 1865 sull’ordinamento dei Comuni e delle Province e dalle posizioni espresse in merito da Carlo Cattaneo.

Le Regioni non sembrano godere di buona salute se un costituzionalista, riflettendo su quell’esperienza, si è chiesto: «Chi ha ucciso le Regioni?»5 e se un altro autorevole studioso delle istituzioni regionali ha parlato non più di una ventina di giorni fa di «regionalismo sgangherato».

Che dire poi delle Città metropolitane di cui anche all’art. 114 della Costituzione. Di Aree Metropolitane si parlava nella importante legge n. 142 del 1990, poi nella legge del 1999 e nel testo unico del 2000, poi … poi … infine nello schema del disegno per la delega al Governo della nuova disciplina delle Città metropolitane (25 novembre 2008).

 

Questi semplici riferimenti per dire quale sia il problema evocato dall’ipotesi di abolizione delle Province: un’ipotesi che non può essere semplificato con argomenti, pur condivisibili, del tipo “lotta alla Casta” e riduzione dei “costi della democrazia” (semmai si dovrebbe parlare di costi delle oligarchie).

L’abolizione delle Province quindi dovrebbe essere parte di un progetto necessariamente più articolato e complesso di disegno delle istituzioni di governo regionale e comunale.

 

L’intervento certamente inadeguato a illustrare la complessità del problema è comunque già troppo lungo e quindi termino qui. Solo due parole sul “come fare”. Non mi sembra che vi siano partiti o movimenti motivati e attrezzati alla bisogna. Michele Bortoluzzi, in maniera esplicita, Giorgio Ragazzini, in maniera indiretta, rivolgono la proposta a Radicali Italiani. La mia convinzione è che si tratta di una estranea al “discorso politico” dei Radicali. Peraltro non mi sembra verosimile l’emergere di un autonomo movimento di cittadini espressione della c.d. “società civile”.

Giorgio Ragazzini, in vista delle prossime elezioni provinciali, propone la presentazione di Liste per l’abolizione delle Province. La proposta è certamente paradossale nel senso migliore del termine anche se può apparire poco convincente rispetto alla realizzazione dell’obbiettivo. Occorrerebbe tuttavia accogliere la provocazione e discuterne.

Occorrerebbe cominciare con la costituzione di comitati cittadini per discutere e approfondire le ragioni per l’abolizione delle Province come passo iniziale per valutare il possibile consenso dell’opinione pubblica più sensibile e avvertita per una iniziativa politica non estemporanea e di non breve durata.6

 

PierVincenzo Uleri

(da Notizie radicali, 8 gennaio 2009)

 

 

1 S. Rizzo – G.A. Stella, La Casta, Milano, 2007, pp. 220-231 e, in Appendice, la tabella sul personale delle Province per Regione.

2 La prima legge dell’Italia unita in tema di amministrazione locale è del 1865; la prima legge generale della democrazia repubblicana è la l. 142 del 1990.

3 E. Rotelli, Il martello e l’incudine – Comuni e Province tra cittadini e apparati, Bologna, il Mulino, 1991, capitolo secondo «L’Europa: Razionalità Territoriale», pp. 33-50.

4 E. Rotelli, Amministrazione e Costituzione. Storiografie dello Stato, Bologna, Clueb, 2007.

5 R. Bin, Capire la Costituzione, 2008, p. 151.

6 Ringrazio Giorgio Ragazzini per la paziente lettura e per i pertinenti commenti ad una stesura provvisoria di questo intervento.


Articoli correlati

  Valter Vecellio. L’interrogazione: 34mila enti che non dovrebbero esistere
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Senato. La tenia partitocratrica. Quando una poltrona, anzi due, fanno l'unanimità
  Primo Mastrantoni. Riforme istituzionali. Diminuire i parlamentari e aumentare i consiglieri?
  Costi della politica. «I conti di Formigoni non convincono, si faccia commissione di indagine»
  Comunità montane e nuove province
  Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto. Diminuire lo stipendio ai parlamentari è il fumo, vediamo l'arrosto
  Francesco Pullia. Province: abolirle, mantenerle o rivedere l’intero assetto amministrativo statale? Discutiamone
  Sondrio Liberale: «Buona la proposta di soppressione dei BIM»
  CCCVa. La montagna italiana manifesta a Roma il 24 ottobre
  Paolo Grifagni. Abolire le Comunità montane?
  Politica, quanto ci costi
  Enea Sansi. I comuni hanno bisogno di avvocati?
  Abolire le Comunità montane, aggregare e fondere i Comuni. Nuovo sondaggio di Tellusfolio
  Mario Staderini. Stipendi parlamentari: la vera truffa è il finanziamento dei partiti
  Costi della politica. I conti non tornano
  Gino Songini. E non mi si venga a dire che non ci sono soldi
  Primo Mastrantoni. Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto
  Comunità montane: ecco i costi della "politica". Diminuire le spese, come dice Draghi
  Piero Cappelli: Soldi, potere e arroganza. Le nefandezze dei partiti italiani.
  Enti locali. Alla giusta denuncia di Pietro Ichino va aggiunto il malcostume degli straordinari
  Costi della politica. Fassino si dimetta da deputato
  Carlo Forin. Aboliamo le province!
  Finanziaria. Passa ordine del giorno D'Elia e Pettinari sui costi della politica
  Pier Paolo Segneri. Combattiamo gli sprechi e aboliamo le Comunità montane
  Costi della politica. Quando si vede il fuscello e non la trave
  'L GAZETIN con TELLUSfolio lancia la proposta di aggregazione dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Primo Mastrantoni. Province. Non dovevano essere abolite?
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  BIM. Sondrio Liberale ne propone la soppressione
  Tremonti e le tasse. Come mettere le mani nelle tasche degli italiani
  Marco Beltrandi. “Approfittiamo della crisi anche per modernizzare l’Italia”
  Un roveto burocratico inutile e deleterio
  Abolire le Comunità montane? Sì, ma figurarsi se Lorsignori ce lo lasceranno fare!
  “Libero”, campagna per l'abolizione delle Province. Aderiamo all'appello
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Abolire gli enti inutili; il loro emblema sono le Province!
  Abolizione Comunità montane. Lettera di Enrico Iemboli a Sergio D'Elia
  Marco Cappato. Governo: proposte Dini-D’Amico buona base
  Giovanni Bettini. Apriamo una discussione su tutta la marmellata istituzionale
  Filippo Mancanelli. Perché abolire i BIM?
  Gaspare Serra. Aboliamo le province!
  Consulenze. Non è questo il problema, ma la lottizzazione partitocratica
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Pd Sondrio. Domani in Consiglio Regionale la Riforma delle Autonomie
  Luca Vitali. Quale autonomia?
  Luca Vitali. Salviamo la Provincia... E dopo?
  Milano. Approvata la riforma del sistema delle autonomie in Lombardia
  Alberto Frizziero. La questione Province: Muoiono o no?
  Guido Viale. Quanto sono utili le Province
  Province. Bossi: se toccano Bergamo scoppia la guerra civile
  Periscopio valtellinese: “Vale la pena salvare questa Provincia?”
  Luca Vitali. Il tempo sta per scadere
  Primo Mastrantoni. Penati, ovvero dell'inutilità delle Province
  Tre iniziative di Angelo Costanzo e del gruppo consiliare PD in Regione Lombardia
  Luca Vitali. Abolizione province: l'appuntamento del 31 gennaio
  “Province, preparatevi a far fagotto!” Intervista del Gazetin a Mauro Del Barba
  Giorgio Gemmi. Sondrio provincia autonoma, governata con logiche diverse
  L'abolizione delle Province (Joshua Held, www.aduc.it)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy