Lunedì , 06 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
08 Novembre 2008
 

Tellusfolio mi ha dato la lettura del caso Obama proposto come modello da Bruna Spagnuolo e mi ha fatto sentire responsabile.

Di che cosa?

Del fatto che sono obbligato ad esporvi il mio punto di vista sociologico sulla società italiana che stiamo vivendo: un sistema che sta precipitando negli abissi del terzo mondo. Sono obbligato perché pende sulla mia mente un’ipotesi personale di abisso, ma ho luce per vedere bene ancora la follìa che mi circonda. Nel caso che la mia luce si spenga mi preoccupo della vostra!

Un presidente del Consiglio che si arrabbia perché il suo popolo non ride alla battuta sull’abbronzatura di Obama non è solo un capo deficiente così abituato all’ossequio dei suoi da non avvertire la pesantezza della gaffe e non ammetterla, ma è uno che ha ragione a giudicare deficienti coloro che non gli dicono di andare subito a casa e non metter fuori più il naso!

Siamo in un club bizzarro dove l’intelligenza è assente, un insieme che precipita e quasi non se ne accorge.

La nostra società ha investito su di me che ho avuto la fortuna di arrivare a 60 anni. Mi ha dato una delle scuole migliori del mondo (una laurea in sociologia ed una in economia). La riprova della sua bontà sta nel numero dei laureati italiani che vengono accettati e premiati fuori d’Italia oggi.

Mio nipote Alberto ha appena vinto alla Sorbona in un concorso con dodici altri studenti francesi dove hanno dato il verdetto dodici professori francesi.

Lode ai professori francesi e vergogna ai governanti italiani!

Perché hanno fatto andar via Alberto e perché mettono nello scoramento i laureati con lui che sentono di non avere sbocchi?

Di più! Vergogna sulla mini-Gel, capace di far legge all’abbattimento della scuola elementare dai primi posti al mondo: anche se è mini di intelligenza il suo gel è mortale perché si aggiunge a tanti alti spruzzi gelati, i tagli fatti dai Governi precedenti. Tre-monti di follìa le ha detto –taglia – e lei ha tagliato i fondi là dove non c’era ormai più nulla da tagliare. Tutta qua la sua scienza insipiente.

Non siamo più da molto tempo al 6° posto nel mondo in fatto di economia, ma al 46°; non siamo più competitivi e mini-Gel aggiunge un razzo nella nostra strada verso l’abiezione! Abbiamo ricevuto una spinta per concorrere per l’ultimo posto nel mondo: questo è il record alla nostra portata, quello della stupidità! A che posto finirà nel mondo la nostra scuola con quest’ultimo taglio?

Non siamo più la patria del diritto, ma al 55° posto, secondo l’Onu.

Non siamo più neanche i primi in chiacchiere, anche se siamo i primi con i telefonini, ma siamo al 35° posto come giro delle informazioni. Coniugate le due cose: primi con i telefonini, 35° come giro delle informazioni. Un po’ come dire: zombi in comunicazione con zombi, e non vale neppure aggiungere la desinenza plurale, perché fa solo paura.

 

Che cosa si può fare e si deve?

Si deve lanciare una raccolta di firme per tagliare via le province dalla carta costituzionale! Questo è il maxi-taglio che tira via la zavorra che sta inabissando la nostra società nel nulla. Chi ascolta questa mia proposta reagisce con un “giusto, ma troppo grosso. Non è realistico”.

E allora arrendetevi al precipizio!

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Il patriarcato gentile di Obama
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
  Costi della politica. Quando si vede il fuscello e non la trave
  Marco Cappato. Governo: proposte Dini-D’Amico buona base
  Finanziaria. Passa ordine del giorno D'Elia e Pettinari sui costi della politica
  Consulenze. Non è questo il problema, ma la lottizzazione partitocratica
  Costi della politica. I conti non tornano
  Sondrio Liberale: «Buona la proposta di soppressione dei BIM»
  Politica, quanto ci costi
  Giovanni Bettini. Apriamo una discussione su tutta la marmellata istituzionale
  Enti locali. Alla giusta denuncia di Pietro Ichino va aggiunto il malcostume degli straordinari
  Filippo Mancanelli. Perché abolire i BIM?
  Costi della politica. Fassino si dimetta da deputato
  Pier Paolo Segneri. Combattiamo gli sprechi e aboliamo le Comunità montane
  Gino Songini. E non mi si venga a dire che non ci sono soldi
  'L GAZETIN con TELLUSfolio lancia la proposta di aggregazione dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Comunità montane: ecco i costi della "politica". Diminuire le spese, come dice Draghi
  Abolire le Comunità montane? Sì, ma figurarsi se Lorsignori ce lo lasceranno fare!
  Un roveto burocratico inutile e deleterio
  Comunità montane e nuove province
  Abolire gli enti inutili; il loro emblema sono le Province!
  Abolizione Comunità montane. Lettera di Enrico Iemboli a Sergio D'Elia
  CCCVa. La montagna italiana manifesta a Roma il 24 ottobre
  Paolo Grifagni. Abolire le Comunità montane?
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Abolire le Comunità montane, aggregare e fondere i Comuni. Nuovo sondaggio di Tellusfolio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy