Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pillola del giorno dopo. Una volta le leggi le faceva il Parlamento, ora le fanno le Asl... 
Lo scandaloso provvedimento di Pisa
24 Ottobre 2008
 

Un medico dell'Asl di Pisa qualche mese fa aveva affisso sulla porta del suo ambulatorio il diniego alla prescrizione della pillola del giorno dopo; il caso aveva avuto un notevole clamore grazie alla denuncia di una giovane coppia incappata in questo divieto. Il collegio dell'Asl aveva aperto un'inchiesta che ora si è conclusa con una sanzione pecuniaria nei confronti di questo medico perché aveva affisso il cartello senza però creare particolare danno perché poi la prescrizione del farmaco era avvenuta all'interno della struttura sanitaria, pur se con alcune difficoltà da parte dei richiedenti.

Vicenda chiusa qui? Per niente! Infatti l'Asl ha sanzionato l'affissione del divieto e non il fatto che un proprio medico si rifiutasse di prescrivere un farmaco in ordinaria distribuzione ovunque. L'Asl, probabilmente glissando sulla questione, con questa omissione ha stabilito che esiste il diritto all'obiezione di coscienza nella prescrizione di questo farmaco.

Una volta le leggi le faceva il Parlamento, ora le fanno le Asl? Dove è stabilito che esista il diritto all'obiezione di coscienza per la prescrizione di questo farmaco? Da nessuna parte! Ma è invece ben scritto sulle leggi che la pillola del giorno dopo è un farmaco che fa parte della farmacopea ufficiale e, con i dovuti accorgimenti sanitari e non di coscienza, deve essere prescritto. Accorgimenti che non sono quelli utilizzati nel nostro caso. Il diritto all'obiezione di coscienza può esistere ma deve essere normato dalla legge, com'è nel caso, per esempio, dell'interruzione di gravidanza e com'era per il servizio militare quando questo era obbligatorio e non c'era la legge specifica: chi diceva di essere obiettore di coscienza finiva in galera e non continuava a circolare come il medico pisano. Che noi non vogliamo mandare in galera, ma che vogliamo invitare a smettere di fare il medico se ha questi problemi e, eventualmente, darsi civilmente da fare per vedere il proprio diritto riconosciuto dalla legge. In caso contrario, se invece, da medico in forza ad una Asl, pretende di far valere il proprio diritto in dispregio alla legge vigente, commette il reato di omissione di soccorso e di atti d'ufficio.

In uno stato di Diritto la legge è uguale per tutti. Quando si ritiene che qualche legge non soddisfi la praticità e la coscienza, ci si assume le proprie responsabilità e ci si dà da fare per modificarla, anche eventualmente pagando di persona se si decide di civilmente disobbedire.

È preoccupante, però, che in questo piccolo riassunto di educazione civica che abbiamo fatto, l'Asl, invece di rispettare la legge si arroghi il diritto di stabilire l'esistenza di un diritto inesistente che, per essere tale, viola un altro diritto, questa volta esistente e normato: il farmaco in vendita e distribuzione nei presidi sanitari.

Facciamo appello, quindi, perché la giovane coppia pisana che ha sollevato il caso, vada avanti e veda la violazione del proprio diritto sanzionata così come prescrive la legge. In caso contrario ci faremo noi carico della denuncia.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

Qui puoi sottoscrivere la petizione
“pillola del giorno dopo senza ricetta”

E puoi esprimere la tua opinione anche

con il sondaggio di Tellusfolio


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Moratoria aborto: ma di che stiamo parlando?
  A quando il test di gravidanza per l'aspirina?
  Contraccezione d'emergenza. Il Paese di Pulcinella
  Pillola del giorno dopo alle parlamentari: grazie, e che serva per abolire la ricetta!
  Marco Cappato. Il voto contro l'aborto è quello alla lista Bonino-Pannella
  Teramo. Pillola del giorno dopo: ancora vincono le resistenze dogmatiche vaticane
  Mozione per la procreazione cosciente e responsabile
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Pillola del giorno dopo e Ru486. Obiezione coscienza e farmacisti
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Pillola del giorno dopo. A Udine medici obiettori non vogliono rispettare la legge
  Domattina, conferenza stampa su consultori e “pillola del giorno dopo” a Roma
  Libertà della donna secondo Ruini
  Aborto. La contraccezione è l'unica moratoria
  Il presidente di Laziosanità ignora clamorosamente la differenza fra pillola del giorno dopo e pillola abortiva
  Poretti e Rovasio: «Inserire anche la pillola del giorno dopo tra i medicinali senza ricetta»
  Pillola del giorno dopo. Potrebbe presto divenire illegale?
  Contraccezione e procreazione responsabile. Bene la campagna della Puglia
  Pillola del giorno dopo. Aduc a Movimento per la vita: «Ecco perché fate disinformazione»
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Pillola del giorno dopo e obiezione di coscienza. Bene la Toscana
  Valter Vecellio. Il Vaticano impazzito
  Radicali Roma. Pillola del giorno dopo: soddisfazione per no ad archiviazione
  Mirella Parachini. Una proposta che contenta tutti
  Pillola del giorno dopo. Sempre più difficile riuscire a farsela prescrivere
  Pillola del giorno dopo. Ancora boicottaggi e reati penali da parte dei medici
  Vincenzo Donvito. Contraccezione emergenza: Ok Ue per pillola 5 giorni dopo senza ricetta
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Legge 194. Guerra ai diritti delle donne
  Obiezione di coscienza e farmacisti. Solo in un mercato libero si può pensare di scegliere i prodotti da mettere in vendita
  Pillola del giorno dopo. Guida pratica contro il fondamentalismo religioso
  Benvenuta anche alla Federazione degli ordini dei medici sulla pillola del giorno dopo!
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy