Mercoledì , 05 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A tre anni dalla legge 40: ripartiamo dalle linee guida
17 Ottobre 2007
 

Donatella Poretti, parlamentare radicale della Rosa nel Pugno, segretaria della Commissione Affari sociali, ci invia l'appello presentato nel corso della conferenza stampa - “A tre anni dalla legge 40: ripartiamo dalle linee guida” - tenutasi oggi presso la Sala stampa della Camera dei Deputati.

 

 

APPELLO DEI PARLAMENTARI

A tre anni dalla legge 40: ripartiamo dalle linee guida

 

A tre anni dall'approvazione della legge 40/04, e dalle relative linee guida, risultano evidenti gli aspetti avversi della normativa per le coppie che devono ricorrere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita. Alla luce dei dati emersi dalla relazione del 2007 al Parlamento del ministro della Salute sugli effetti dell'applicazione della legge, si conferma l'inadeguatezza della normativa e tutti i danni che sta producendo alla salute delle donne e del nascituro.

 

Risulta infatti che:

 

- Le percentuali di gravidanze su prelievo di ovociti sono diminuite dal 24,8% del 2003 al 21,2% del 2005 causando una ipotetica perdita di 1041 gravidanze.

- Il numero dei trasferimenti con un solo embrione (non selezionato, quindi con basse probabilità di attecchimento) è aumentato dal 13,7% al 18,7%.

- Il numero di trasferimenti con 3 embrioni (a rischio gravidanza trigemina) è aumentato dal 44% a più del 50%.

- La percentuale dei parti plurimi è aumentata dal 22,7% al 24,3%.

- Sono aumentati dal 23,4% al 26,4% gli esiti negativi delle gravidanze correlati al trasferimento obbligatorio di tutti gli embrioni ottenuti.

 

Per l'aggiornamento delle linee guida ai sensi dell'art. 7 comma 3 L. 40/04, il Consiglio Superiore di Sanità, ha espresso su richiesta del ministro della Salute, il parere di considerare le coppie con soggetti portatori di virus hiv come affette da “infertilità funzionale” e come tali possono rientrare nelle categorie previste dalla legge 40.

Il CSS nella stessa occasione con “un voto su base personale”, non comparso quindi nel parere ufficiale, si è dichiarato contro l'impianto obbligatorio di tre embrioni e si è espresso anche a favore della diagnosi pre-impianto.

 

Le Società Scientifiche Italiane, gli operatori del settore, sull'aggiornamento delle linee guida, hanno congiuntamente inviato documento al Ministro della Salute, dove chiedono: la possibilità di fecondare più di tre ovociti per le coppie che corrono maggiori rischi di insuccesso e la possibilità di crioconservazione gli ovociti a due pronuclei, quindi di utilizzare tutti gli ovociti prodotti dalla paziente in caso di necessità.

 

Le associazioni di malati di sterilità e infertilità hanno sottoscritto il documento delle Società Scientifiche e degli operatori. Hanno inoltre, formulato nuove richieste per l'aggiornamento delle linee guida al ministro della Salute: il riconoscimento della sterilità e infertilità come malattia (ciò ne consentirà l'inserimento nei DRG Nazionali); l'accesso alle tecniche per i portatori di patologie genetiche e/o virali e malattie sessualmente trasmissibili.

 

CHIEDIAMO al ministro della Salute, alla luce delle sue competenze in merito all'aggiornamento delle linee guida sulla legge 40 del 2004 per la tutela della salute di tutti i soggetti coinvolti nelle tecniche di fecondazione assistita:

- che sia data risposta alle fondamentali richieste formulate dal mondo scientifico e dai pazienti;

- di ammettere la diagnosi preimpianto, alla luce della sentenza del tribunale civile di Cagliari che, nel pieno rispetto del principio intangibile della tutela della salute - articolo 32 della Costituzione italiana - ha accolto l'istanza di una donna, portatrice sana di betatalassemia, per la diagnosi preimpianto nel suo embrione congelato, disponendone l'esecuzione in un centro ospedaliero.

 

CI IMPEGNIAMO inoltre ad attivare tutti gli strumenti idonei alla revisione della legge 40 del 2004, affinché siano calendarizzati per la discussione tutte le proposte di legge di modifica della norma sulla procreazione assistita.

Questo al fine di rientrare nei parametri Comunitari, nella tutela del diritto alla salute del malato sterile, e per riaprire un dibattito sui punti più contestati della legge: il divieto di fecondazione eterologa, l'impianto obbligatorio dei tre embrioni, il divieto di congelamento degli embrioni e il divieto di destinazione degli embrioni alla ricerca.

 

Giuseppe Astore (Italia dei Valori)

Luigi Cancrini (Comunisti italiani)

Daniela Dioguardi (Rifondazione Comunista)

Tommaso Pellegrino (Verdi)

Donatella Poretti (Rosa nel Pugno)

Emanuele Sanna (Ulivo)

Katia Zanotti (Sinistra Democratica)


Articoli correlati

  Legge 40. Bene l'appello delle associazioni dei pazienti sterili per la revisione delle linee guida
  8 marzo. Donne si appellano a Ministro Turco su linee guida legge 40
  Corte costituzionale boccia la legge 40 che ha condannato per 5 anni le donne a parti a rischio
  Legge 40: interpretazioni scorrette del ministro della salute. È necessario riscriverla!
  Procreazione assistita. L'oblio della sottosegretaria sulle linee guida
  Simona Maggiorelli. Legge 40: Risarcimento anni
  Associazioni pazienti sterili e Associazione Luca Coscioni scrivono una lettera aperta al Ministro Livia Turco
  Sanità: “Incontriamoci per affrontare insieme Nomenclatore, legge 40/04, nomine Asl”
  Fecondazione. Subi­to linee guida e cam­pa­gna infor­mativa su dona­zio­ne gameti
  Diagnosi preimpianto e legge 40 illegittima?
  Filomena Gallo: TAR Veneto annulla deli­be­ra regionale su età accesso eterologa
  Simona Borgatti. Il miracolo delle P.A.V. (Primipare Attempate Vip)
  Fecondazione eterologa. Il Parlamento rimetta mano alla legge 40
  Legge 40. Dopo 8 anni di sentenze anche il Parlamento faccia la sua parte
  Legge 40, linee guida vietano diagnosi preimpianto: è polemica
  Filomena Gallo. Embrioni: “Intervenga il Governo”
  Marco Cappato. Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi
  Il diritto di provare ad avere un figlio
  Associazione Coscioni. Petizione al Parlamento
  “Subito un referendum interno al Partito democratico sulla Legge 40”
  Procreazione. Ministro Turco adotta nuove lineee guida. Associazione Coscioni: speriamo eliminino le proibizioni
  Procreazione assistita e sottosegretaria Roccella. Suburra di regime
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Legge 40 a due anni dal referendum. Questa sera a Milano
  Legge 40 fecondazione assistita. Le linee guida già scadute... Il ministro della salute le vuole fare o che?
  Turismo procreativo. Lo stato italiano delega la sanità all'estero
  Relazione annuale legge 40: il Parlamento la metta subito in calendario
  Legge fecondazione assistita. Subito le nuove linee guida. Interpellanza
  Legge 40: più che di riflettere c'è bisogno di agire!
  Mozione su legge 40 presentata ieri al Sento
  La legge 40 dopo la decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo
  Simona Borgatti. L'ignoranza è molto prolifica
  Roma, 8 aprile: Convegno “Staminali e fecondazione assistita”
  Nobel Medicina a Robert Edwards
  Turismo sanitario. In Spagna anche per la diagnosi preimpianto per salvare i fratellini malati
  Marco Cappato. Ministro Turco ultima chiamata
  Legge 40. Attenzione ai facili entusiasmi!
  Ministro della Salute... del Governo o dei cittadini?
  Incontro con Prodi. Bioetica, fine vita e droghe: uscire dall'immobilismo
  Linee guida legge 40. Cancellata l'illegalità ma permangono vari problemi
  Legge fecondazione assistita. Subito le linee guida!
  Valter Vecellio. L’interrogazione: 34mila enti che non dovrebbero esistere
  Legge 40 fecondazione. Chiusura politica a Castellana Grotte (Ba)?
  Associazione Luca Coscioni. Fecondazione: inviata lettera a Napolitano
  Riforma legge 40. Al ministro Turco appuntamento a settembre
  Legge 40: basta con i finanziamenti alla ricerca per il congelamento degli ovociti
  Simona Borgatti. Vi presento Lisa Corva, già “giornalista finto glam”
  Fecondazione. Divieto di eterologa contrario alla giurisprudenza europea, mozione al Senato
  Fecondazione, sentenza Corte Costituzionale su legge 40. Vittoria dei malati, fine della discriminazione
  Legge 40 - caso Cutolo. Discriminazione nei confronti di tutte le coppie non sterili e non fertili non sottoposte al 41 bis
  Simona Borgatti. Il mondo delle aspiranti madri
  Procreazione medicalmente assistita. Come complicare le cose... complicate
  Legge 40: ancora una sentenza per cancellare una legge ingiusta e contro il diritto alla salute
  Primo Mastrantoni. Legge 40: un'infamia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy