Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marcia Perugia-Assisi: raccogliamo l'appello per la pace e la democrazia del governo birmano in esilio 
I radicali aderiscono all'iniziativa dedicata a lotta guidata dai monaci buddisti
(foto la Repubblica.it)
(foto la Repubblica.it) 
06 Ottobre 2007
 

Il 28 settembre il Governo birmano in esilio, legittimamente eletto nel 1990 e guidato da Aung San Suu Kyi e poi deposto con un colpo di stato dall’attuale giunta militare, ha diffuso un appello “per la pace e la democrazia in Birmania” con il quale ha chiesto di sostenere la lotta nonviolenta guidata dai monaci buddisti; lotta che in queste ore sta subendo una violentissima repressione con l’uccisione di decine di manifestanti inermi.

Tra le richieste del Governo birmano in esilio vi è quella di «far pressione su Cina e Russia affinché sostengano a pieno una chiara dichiarazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che condanni l'uso brutale della forza in Birmania e chiedere al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di incaricare il Segretario Generale delle Nazioni Unite di avviare un'azione al fine di agevolare la riconciliazione nazionale e una transizione alla democrazia in tale paese».

Inoltre, il Governo birmano in esilio invita ad aderire e a partecipare vestiti di rosso a manifestazioni come la marcia della Pace Perugia-Assisi.

Il Partito Radicale, Radicali Italiani e Nessuno Tocchi Caino, da anni impegnati a sostenere la lotta di Aung San Su Kyi e del movimento democratico birmano in tutte le sedi internazionali, dal Parlamento Europeo alle Nazioni Unite, aderisce pertanto alla Marcia Perugia-Assisi dove sarà presente una delegazione radicale.

 

Partito Radicale, Radicali Italiani, Nessuno tocchi Caino

 

 

DOCUMENTI. Di seguito l’intervento fatto dal Partito Radicale Transnazionale un anno fa, nel settembre del 2006, alle Nazioni Unite a Ginevra, e rimasta inascoltata da parte del Consiglio sui Diritti Umani dell’ONU.

 

27 settembre 2006

Seconda Sessione del Consiglio sui Diritti Umani del consiglio sui Diritti Umani dell’ONU

Intervento del Partito Radicale Transnazionale sulla situazione dei diritti umani in Birmania


Il Partito Radicale Transnazionale deplora il fatto che lo Special Rapporteur sulla Birmania sia stato impedito di portare avanti in numerose occasioni il proprio mandato dal Governo Birmano. La visita del Sottosegretario ONU Gambari non deve essere usata da nessun Governo per coprire questo comportamento inaccettabile; e il Consiglio sui Diritti Umani dovrebbe adottare delle azioni concrete per convincere Rangoon a cooperare con gli inviati dell’ONU e, cosa ancora più importante, per assicurare il rispetto delle norme internazionali in materia di diritti umani.

Ma accanto a questo, ciò che preoccupa di più è che, nonostante il tono conciliatorio usato oggi dal rappresentante del Governo Birmano qui a Ginevra, l’assalto contro i militanti e i politici democratici continua senza pausa. La continuata detenzione e le restrizioni operate nei confronti del Premio Nobel per la Pace Aung San Su Kyi, una leader che è stata eletta democraticamente e illegalmente deposta nel 1990, dimostra chiaramente la volontà del Governo Birmano di non ristabilire il processo e le istituzioni democratiche in quel paese.

Tutti i Governi democratici presenti in questo Consiglio dovrebbero agire per sostenere le forze democratiche, in Birmania e all’estero, per risolvere una crisi che è ormai tropo lunga, e che il Governo Birmano non ha la volontà di affrontare.

L’adozione di risoluzioni che si occupano specificamente di Paesi, ha aiutato a fermare le violazioni dei diritti umani in molte parti del mondo, e il Consiglio Sui Diritti Umani non deve cedere alle richieste dei paesi non democratici che vogliono impedirne la possibilità di agire.

Dal rapporto presentato dallo Special Rapporteur Pinhero, e da numerose altre fonti indipendenti e credibili, è evidente che le violazioni dei diritti umani contro i popoli indigeni, gli attivisti che si battono per il rispetto dei diritti umani e gli oppositori politici, richiedono l’adozione di una risoluzione sulla Birmania da parte del Consiglio sui Diritti Umani. Ci auguriamo che lo Special Rapporteur la voglia sostenere pienamente.

 

Matteo Mecacci

Rappresentante all’ONU del Partito Radicale Transnazionale

 

(da Notizie radicale, 4 ottobre 2007)


Articoli correlati

  Peter Popham. Birmania. “Vincere i cuori”
  I blogger cinesi parlano di Birmania
  Cynthia Boaz e Shaaka Beyerle. La rivoluzione color zafferano
  Mao Valpiana. Il metodo nonviolento dei monaci buddisti birmani
  Tutti contro la dittatura che opprime la Birmania. Però gli affari sono affari
  Myanmar. Un appello di Amnesty International
  Guido Biancardi. Sangue e democrazia
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Valter Vecellio. Punti e appunti per un possibile dibattito. Due
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Bernardini, Zamparutti, Farina Coscioni. Dove eravamo rimasti?
  Mao Valpiana. Dopo la Perugia-Assisi. Facciamo a noi stessi l'appello per la pace
  Marcia Perugia-Assisi per la pace. Domenica 7 ottobre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy