Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Andrea Panerini. Una riflessione sui DICO (ovvero i Pacs all’italiana) e la religione
11 Febbraio 2007
 


Un popolo morale trova sempre un governo degno di sé”

G. Mazzini


Inizio questo breve intervento segnalando innanzitutto la gretta provincialità dei nostri politici, che li porta a ribattezzare ogni cosa, compresi i Pacs, un acronimo che poteva rendere benissimo anche in italiano (Patti civili di solidarietà, definizione che delimitava in maniera molto più appropriata la regolamentazione delle coppie di fatto). No, i nostri politici hanno la presunzione di insegnare agli altri e in tutto il mondo ci ridono alle spalle (pensiamo a Rutelli che vorrebbe i socialisti europei in un Partito democratico continentale per esportare e giustificare quello nostrano che deve ancora nascere - se mai nascerà e in quali condizioni). E allo stesso modo la nostra classe dirigente fa una pessima figura con questa bozza abbastanza informe che dovrebbe dare diritti civili.

Apprezzo moltissimo lo sforzo - veramente encomiabile - delle ministre Pollastrini e Bindi, che hanno mediato tra le mille anime della coalizione di centrosinistra e sono state assediate da una campagna mediatica violentissima orchestrata dal Vaticano che denunciava “lo svilimento della famiglia”. La povera Rosy Bindi quasi scomunicata e attaccata dai giornali clericali mi ha fatto una enorme tenerezza.

Non ripeterò qui il mio concetto di laicità, che ho già molte volte espresso sulla stampa e nella rivista che mi onoro di dirigere, ma al non possumus del clero cattolico romano, noi dobbiamo rispondere con il possumus della libertà dei figli del Padre che credono in Gesù il Cristo, colui che ha detto che «Ebbene, vi assicuro che le prostitute e i pubblicani vi passano avanti ed entrano nel regno di Dio» (Mt 21, 31). E tutti, credenti e non credenti, possiamo in questo caso ripararci dietro la croce di Gesù nel ribadire la separazione tra Stato e religione. «Date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio» (Mc 12, 17).

D’altronde le coppie di fatto non sono per nulla “l’eclisse di Dio” come annunciato in maniera apocalittica dal Papa, ma sono una realtà sociale ben presente nel nostro paese e regolamentarle seriamente significa mettere al riparo molti cittadini da gratuite discriminazioni e valorizzarli come elemento di stabilità sociale. Semmai “l’eclisse di Dio” è lo scandalo di uomini che pretendono di dire ciò che è giusto e ciò che è sbagliato a tutti, non tenendo conto dell’amore verso i propri fratelli proclamato dal Risorto. Un cristianesimo davvero singolare, quello della Curia vaticana.

Non voglio entrare nel merito specifico del disegno di legge, ma noto l’ennesima ipocrisia nel punto della dichiarazione che è presentata “congiuntamente” ma non in maniera congiunta dai contraenti e in dichiarazioni separate che si possono notificare, con una espressione che è una mostruosità giuridica, per raccomandata con ricevuta di ritorno. Si accusava le coppie di fatto di fuggire dai doveri e quindi di non potergli dare dei diritti, il che è giusto, oserei dire mazzinianamente giusto. Ma qui si impedisce a queste coppie, che siano etero o omosessuali, di prenderseli questi doveri, umiliando il loro rapporto d’amore per mezzo di una raccomandata, invece di potersi assumere, in coppia, diritti e doveri davanti allo Stato (e io aggiungo anche davanti a Dio, almeno nel loro cuore, se sono credenti). Aggiungo pure che i restanti diritti previsti dal disegno di legge (previdenziali, per gli affitti, per l’assistenza sanitaria) implicano lunghi periodi di convivenza che non esistono in nessun altro paese occidentale e sono formulati in maniera vaga ed equivoca.

Facile quindi dire, che si tratta di un brutto compromesso al ribasso all’italiana. Nonostante questo, penso non siano possibili, vista l’attuale situazione politica e parlamentare, grossi cambiamenti alle Camere. Pur brutto e pasticciato, preoccupiamoci di farlo passare questo provvedimento, perché in caso contrario si profila una grossa sconfitta per tutto il movimento laico del nostro paese e per tutti i cristiani che non si riconoscono nel Vaticano (e sono tanti, molti di più di quello che le statistiche dicono). Una volta approvata questa brutta legge, se cambierà il clima politico e le formazioni laiche avranno numeri maggiori alle prossime elezioni, potremo pensare di migliorarla, ma serve un chiaro cambiamento culturale e civile non solo di tutti i cittadini ma anche e soprattutto della nostra avvizzita classe dirigente.

 

Andrea Panerini

Direttore de Il libro volante


Articoli correlati

  Manuale di sopravvivenza alla nuova sinistra. È uscito Il libro volante 2
  Le persecuzioni razziali in Val di Cornia nell'ultimo libro di Andrea Panerini
  “Pacs, unioni civili, equalmarriage…”
  Amore civile. Roma, 10, 11 e 12 maggio 2008
  «Un errore molto grave che va corretto» la mancata chiarezza sui Pacs e «Chi vuole la scuola privata se la paghi da solo»
  Boom di violenza sulle donne. La famiglia è un luogo ideale?
  Presepe e statuine gay: niente di cui pentirsi, anzi...
  Pietro Yates Moretti. Unioni civili e Family Day
  Diego Sabatinelli. È necessario dirsi anticlericali?
  Pacs, De Lucia. Sull’art. 7 della Costituzione Napolitano sbaglia
  14 FEBBRAIO. SAN VALENTINO PER MOLTI MA NON PER TUTTI
  Una famiglia “normale” a piazza Farnese
  Carlo Troilo. I parlamentari: facciamoci i PACS nostri
  Un milione e mezzo di italiani attendono i PACS
  "Dico" bene o male? Bene!
  Unioni civili, Bernardini. Il disegno di legge del Governo non soddisfa Radicali Italiani
  Presepe Camera. Insultata in Trasatlantico da Gasparri (An)
  Nuovo Comitato Nazionale di Bioetica: e ora buon lavoro, non mancano i temi da affrontare a partire da Piergiorgio Welby
  www.matrimoniodirittogay.it
  Maria Bonafede: «Preoccupante il tono usato dai cardinali. Dov'è l'amore di Dio?»
  Benedetto Della Vedova. Coppie di fatto
  Benedetto Della Vedova. Finanziaria e temi “eticamente sensibili”
  Pacs. «Anche due coppie gay nel presepe di Montecitorio»
  Vizi e virtù “cardinali”. Il “capriccio” e la “prudenza”
  Clara Comelli. Che succede in questo paese? Qualcuno mi aiuti a capire
  L’articolo 29 e le assai libere interpretazioni dei vari Giovanardi
  Pacs. Il papa è male informato
  Unioni di fatto. Intromissioni del vaticano per condizionare? Question time al Governo
  Il concubinaggio
  Vaticano/Italia. Interferenze nella nostra politica o un dialogo costruttivo?
  Enea Sansi. Alchimia della famiglia
  Dico/pedofilia. Ecco smascherato finalmente il diavolo!
  Diritti ora: Dico? Faccio! Tutti a Roma il 10 marzo
  Dico. Una lezione in parlamento per illuminare su una realtà di fatto!
  Coppie di fatto
  Il Centrosinistra fa sparire i PACS e l'Italia laica
  Giovanni Climaco Mapelli. I “DiDoRè” di Brunetta e Rotondi non passeranno, dice il presidente dei senatori del Pdl...
  Diritti ora...
  È uscito il primo numero de “Il libro volante”
  Laicità e diritti civili
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy