Venerdì , 16 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Riccardo Magi. +Europa è molto di più. 
Molto di più di chiunque di noi...
20 Marzo 2018
 

Quello di cui sono stato convinto sin dal primo momento è che +Europa è molto di più di una lista elettorale. +Europa è un’idea che porta nel suo nome un sogno più grande, un progetto per chiunque creda in un futuro più giusto, di libertà, diritti, pace e progresso chiamato Stati Uniti d’Europa.

Non c’è nulla di più radicale che ambire a sporcarsi le mani per far diventare maggioritarie idee e battaglie proprio nei momenti in cui quelle idee e quelle battaglie rischiano di arrestarsi o spegnersi.

Ecco perché sono assolutamente certo che ora come mai prima ci sia bisogno di noi, di tutti noi. C'è bisogno che l'analisi e le battaglie radicali vivano e non vengano messe da parte, c'è bisogno che +Europa diventi progetto politico. Su questo con gli altri componenti che hanno dato vita alla lista elettorale stiamo entrando nel vivo del nuovo statuto. Dobbiamo pensarlo non solo rivolto alle scadenze elettorali ma a dar vita ad un processo federativo e aggregativo ampio, che trovi condivisione e partecipazione a partire dalle iniziative politiche per la democrazia, per il federalismo europeo, per conquistare nuovi diritti civili, per combattere le diseguaglianze, per nuove libertà economiche.

La nostra vocazione deve essere quella di costruire un nuovo campo per chi crede nel progresso. Dobbiamo impegnarci tutti, affinché +Europa sia al centro del dibattito nella ricostruzione di questo nuovo spazio diverso da quello che abbiamo conosciuto fino a qui, capace di andare anche oltre il PD, se questo saprà e vorrà rigenerarsi davvero.

È in questa chiave che venerdì ho proposto al Comitato nazionale di Radicali Italiani di lanciare al Partito Democratico una sfida non personale, ma chiaramente politica: la richiesta di convocare primarie aperte a tutto il campo riformatore ed europeista con regole accessibili ponendo come principale obiettivo quello di una riforma pienamente maggioritaria e uninominale della legge elettorale.

Perché penso che se crediamo nel sistema maggioritario, dobbiamo farci maggioranza, mettere la storia ed il metodo radicale al servizio di un processo più ampio, maggioritario appunto.

Non c’è mancanza di rispetto per le 900mila persone che ci hanno votato e che in questo scenario rappresentano il primo successo per noi, c'è dunque il sentimento di essere investiti di una responsabilità preziosa di cui prendersi cura e far crescere. Il compito di +Europa potrà essere quello di dare loro voce in questa nuova fase che si sta aprendo, per far contare di più quel voto e quella passione, per rivolgerci ai milioni di cittadini che hanno trovato la nostra coalizione non credibile per promuovere la qualità della vita nel Paese. E hanno scelto di votare altro o di non andare a votare.

Dobbiamo interrogarci tutti sul come farlo. Perché possiamo pensarla come ci pare, ma quando quell’asse dovesse essere al comando, ci ritroveremo tutti a chiederci come contrastarlo e batterlo. E a quel punto la nostra proposta dovrà essere credibile e realmente competitiva.

Ringrazio i compagni per i suggerimenti, le critiche e i messaggi di sostegno. Ho ascoltato e fatto tesoro di tutti gli interventi, a partire da quello di Emma Bonino, e ho dato la mia disponibilità a mettere da parte la questione “candidatura” se la si ritiene dannosa. Dannosa è per me se questa distrae rispetto all'analisi e l'urgenza – che ho ribadito nella mozione finale del comitato nazionale, approvata alla larga maggioranza – e dunque la necessità di trovare insieme questo o altri strumenti adatti per incidere nel processo di completo rinnovamento del fronte comune che è uscito sconfitto dalle elezioni.

Se ieri apparentarsi con il Pd è stata una scelta obbligata per fronteggiare l’avanzata delle forze nazionaliste e antieuropee, oggi renderci nuovamente competitivi è un’assunzione profonda di responsabilità verso tutti gli elettori di +Europa e non solo. Non ha a che fare col destino di qualcuno ma con quello dell'Europa e dei nostri valori.

Se non saremo disposti a confrontarci con tutto ciò, resteremo all'opposizione per lungo tempo.

Ecco perché +Europa è molto di più di chiunque di noi, ecco perché mai come oggi ci serve +Europa.

 

Riccardo Magi

(da pagina fb RiccardoMagiRadicali, 19 marzo 2018)

 

 

Nelle foto allegate, ritagli la Repubblica e Il Foglio di oggi


Foto allegate

Articoli correlati

  +Europa con Emma Bonino. Elettori e attivisti si rivolgono al ‘comitato dei saggi’ per lo statuto
  Giulia Crivellini. “Prova a immaginare la tua vita senza Europa...”
  +Europa, Sondrio. Ultimi giorni per firme presentazione lista regionale
  Martina Scaccabarozzi. +Europa riuscirà a federare i federalisti?
  +Europa. Depositiamo Piano Calenda-Bentivogli in allegato al nostro programma
  Regionali 2018, Lombardia. Ultime chances per presentare lista completa di +Europa
  Enea Sansi. +Europa: Emma Bonino centro del ‘nuovo’ Partito democratico
  +Europa. Liste transfrontaliere alle prossime elezioni Ue
  Sì all’intesa tra Pd e +Europa con Emma Bonino. Il confronto prosegue
  Vincenzo Saligari. La mia visione locale dell’Europa: linee programmatiche per la provincia di Sondrio
  +Europa con Emma Bonino Sondrio: Le candidature per la Camera dei deputati
  Emma Bonino: Conti sotto controllo, +Europa con Germania e Francia, crisi siriana
  Benedetto Della Vedova. Più Europa con Emma Bonino per la cannabis legale
  L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e saprò chi sei
  Carlo Forin. Allargare l’anima europea
  Radicali Sondrio in piazza per raccogliere le firme per presentazione lista +Europa con Emma Bonino in Lombardia
  Il radicale Riccardo Magi eletto con Marino
  Sostegno alla Camera per la proposta Magi su riforma Dublino
  Riccardo Magi. Scopriamo le carte del Movimento 5 Stelle
  Roma. Barriere architettoniche: Approvata mozione del consigliere Riccardo Magi
  Sergio Rizzo. Quell’obolo dato ai consiglieri mentre Roma rischia il crac
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy