Sabato , 27 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Finanziaria. Passa ordine del giorno D'Elia e Pettinari sui costi della politica
22 Dicembre 2006
 

La Camera dei Deputati ha approvato ieri un ordine del giorno sulla finanziaria presentato da Sergio D'Elia (Rosa nel Pugno) e Luciano Pettinari (Ulivo) che impegna il Governo a porre rimedio ad alcune previsioni contenute nella finanziaria che incidono particolarmente sui costi della politica.

Il primo firmatario dell'ordine del giorno Sergio D'Elia, dopo aver rigettato la proposta del Governo di accoglierlo come raccomandazione, ne ha chiesto la messa ai voti. A quel punto, il Governo ha espresso parere favorevole all'ordine del giorno eccetto che su un punto del dispositivo relativo alla soppressione delle scuole di formazione di vari ministeri a seguito della istituzione prevista dalla finanziaria della scuola nazionale della pubblica amministrazione (comma 581). Nel voto per parti separate anche questo punto del dispositivo è stato approvato dalla Camera con il concorso di una parte dell'opposizione e di una parte della maggioranza.

I primi due firmatari D'Elia e Pettinari hanno dichiarato quanto segue:

«Di fronte ad una legge finanziaria particolarmente pesante è indispensabile porre fine a sprechi, costi impropri, spese ingiustificabili o, peggio, funzionali all'acquisizione e al consolidamento di consensi clientelari, di potere e di sottopotere dei partiti. È il problema che hanno posto Cesare Salvi e Massimo Villone con il loro saggio I costi della politica e che i radicali hanno portato all'attenzione del paese già nel 1977 e poi, di nuovo, con il referendum contro il finanziamento pubblico ai partiti vinto con il 90,3% dei voti degli italiani».

 

Sull'approvazione avvenuta ieri alla Camera dei Deputati dell'ordine del giorno sulla finanziaria che impegna il Governo a porre rimedio ad alcune previsioni contenute nella finanziaria che incidono particolarmente sui costi della politica, Rita Bernardini ed Elisabetta Zamparutti, rispettivamente segretaria e tesoriera di Radicali Italiani hanno dichiarato:

«Di fronte ad una finanziaria "lacrime e sangue" sarebbe stato per noi inaccettabile che alcune previsioni contenute nella legge finanziaria aumentassero considerevolmente la spesa pubblica e i costi della politica, a vantaggio di particolari gruppi di potere. L'ordine del giorno D'Elia–Pettinari rappresenta un ottimo punto di partenza per rilanciare iniziative volte a contenere ulteriormente i costi della politica e a segnare un'inversione di tendenza rispetto al tradimento della volontà popolare che nel 1993 votò al 90,3% il referendum contro il finanziamento pubblico ai partiti».

 

(da Notizie radicali, 21 dicembre 2006)


Articoli correlati

  Marco Cappato. Governo: proposte Dini-D’Amico buona base
  Costi della politica. Quando si vede il fuscello e non la trave
  Paolo Grifagni. Abolire le Comunità montane?
  Gino Songini. E non mi si venga a dire che non ci sono soldi
  Pier Paolo Segneri. Combattiamo gli sprechi e aboliamo le Comunità montane
  Consulenze. Non è questo il problema, ma la lottizzazione partitocratica
  Filippo Mancanelli. Perché abolire i BIM?
  Enti locali. Alla giusta denuncia di Pietro Ichino va aggiunto il malcostume degli straordinari
  Abolizione Comunità montane. Lettera di Enrico Iemboli a Sergio D'Elia
  Politica, quanto ci costi
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Costi della politica. I conti non tornano
  Costi della politica. Fassino si dimetta da deputato
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Abolire gli enti inutili; il loro emblema sono le Province!
  CCCVa. La montagna italiana manifesta a Roma il 24 ottobre
  Sondrio Liberale: «Buona la proposta di soppressione dei BIM»
  Abolire le Comunità montane, aggregare e fondere i Comuni. Nuovo sondaggio di Tellusfolio
  Un roveto burocratico inutile e deleterio
  Giovanni Bettini. Apriamo una discussione su tutta la marmellata istituzionale
  Comunità montane e nuove province
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Abolire le Comunità montane? Sì, ma figurarsi se Lorsignori ce lo lasceranno fare!
  Comunità montane: ecco i costi della "politica". Diminuire le spese, come dice Draghi
  'L GAZETIN con TELLUSfolio lancia la proposta di aggregazione dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy