Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Giornalisti del Mediterraneo”. Ad Asmae Dachan il premio della giuria 
Per il reportage da Moleenbek (“Panorama”, aprile 2016)
04 Settembre 2016
 

Una nota Ansa diffusa da Ancona il 2 settembre rende noto che la giornalista italo-siriana Asmae Dachan ha vinto il Premio della Giuria al prestigioso Festival “Giornalisti del Mediterraneo” di Otranto per il suo reportage da Bruxelles “Nella tana degli uomini bomba”, sugli attentatori di Moleenbek, pubblicato da Panorama all'indomani dei tragici atti terroristici della scorsa primavera. La premiazione è fissata a Otranto per l'11 settembre prossimo. Marco Imarisio (Corriere della Sera) è il vincitore della sezione “terrorismo”; Luigi Politano (Roundrobin Editrice) e Paolo Butturini (Fns) i vincitori della sezione “libertà di stampa”.

«A Dachan», prosegue la nota, «era già stato assegnato dall'Ordine dei giornalisti delle Marche il Premio “A passo di notizia” per i suoi servizi in zona di guerra nelle città siriane devastate dal conflitto. Quest'estate ha firmato, sempre su Panorama, un reportage sulla Turchia all'indomani del fallito golpe di luglio e sul Fatto Quotidiano un servizio sui bambini siriani sfollati nelle tendopoli e ricoverati in ospedali e orfanotrofi di fortuna al confine tra Turchia e Siria».

La giornalista collabora da diversi anni a Tellusfolio e la redazione, in occasione di questo nuovo importante riconoscimento per il suo lavoro, l’ha intervistata per il giornale web.


A chi dedichi questo nuovo Premio?

Lo dedico a chi crede nel valore delle parole e al piacere della condivisione e del dialogo.

 

La dimensione transnazionale della tua personalità ti offre un osservatorio privilegiato nel mondo dell'informazione. Vedi particolari differenze alla 'circolazione delle notizie' in Italia rispetto ad altre aree geografiche? E quali sono i principali limiti alla conoscenza in questa nostra epoca, pur ricca come non mai di mezzi e potenzialità?

In generale, se si pensa che tutta l’informazione mondiale attinge da solo tre o quattro agenzie di stampa, si comprende che ci sono dei grossi limiti nel garantire pluralità e nel fornire notizie di prima mano.

In Italia esistono leggi che garantiscono la libertà e l’autonomia del mondo dell’informazione, diversamente da quanto accade in altri Paesi, come in Medio Oriente, dove l’informazione è imbavagliata e spesso i colleghi vengono minacciati e uccisi per il loro lavoro. Questo non vuol dire che ci possiamo adagiare sugli allori: io credo nel watchdog journalism e non nella trasformazione dei giornalisti in pet dog. Quando certe notizie non trovano spazio sui media e certi giornalisti diventano troppo accomodanti, significa che qualcosa non sta funzionando. La sfida quotidiana del giornalismo è avere il coraggio di andare contro corrente e raccontare anche quello che certa politica e certe lobby vorrebbero censurare. In Italia siamo ancora un po’ deboli sugli esteri e credo che avvalersi di giornalisti con una doppia cultura possa favorire un diverso approccio.

In quest’epoca di bulimia dell’informazione, si rischia di leggere senza capire, facendo solo una grandissima confusione. Per comprendere e conoscere certi fenomeni e certe realtà bisogna guardali da vicino, studiarli, approfondire, sentire una pluralità di pareri per poi farsi una propria idea.

 

La regione del Mediterraneo è colpita da venti impetuosi con strascico di quotidiana tragedia. Quali, se ne intravedi, le possibili vie di uscita?

Rimettere al centro delle politiche internazionali il valore e la sacralità della vita umana. Smettere di ragionare per interessi economici e strategici e smettere di finanziare operazioni di pulizia etnica che stanno cambiando gli assetti demografici del mondo. Ciò che sta accadendo in Siria ad esempio, dimostra il fallimento della diplomazia internazionale. In cinque anni e mezzo non è stata creata la no fly zone e non sono stati aperti corridoi umanitari. Questo la dice lunga sull’ipocrisia che dilaga negli ambienti della politica mondiale. Lo stallo della diplomazia ha favorito la repressione, i bombardamenti, il terrorismo e le conseguenze sono state il martirio e la diaspora del popolo siriano. Oggi l’unica soluzione è fermare immediatamente i bombardamenti e le violenze, fermare il flusso di armi e le fonti di finanziamento del terrorismo. Poi bisognerà consegnare i criminali di guerra alla giustizia internazionale. Quando ero in Siria ho visto bambini morire a causa della malnutrizione, perché manca il latte in polvere. Eppure ho visto armi di ogni tipo, provenienti da ogni angolo del mondo. Questa vergogna è sintomatica dell’ingiustizia che detta i comportamenti degli esseri umani.


Articoli correlati

  Vetrina/ Patrizia Garofalo. A.D. 2012, Siria
  Sana, la ragazza uccisa dal padre in Pakistan
  Asmae Dachan. Hassun, la vita dopo la morte
  Un progetto poesia con “Girasoli di mare” al “Donegani” di Sondrio
  Asmae Dachan. Dall'altra parte del mare
  Video-intervista a Vanessa Marzullo di Asmae Dachan (2012)
  Onsur. La fame non aspetta
  Il dramma della Siria contemporanea nel romanzo di Asmae Dachan
  Premio giornalismo “Universum Donna” ad Asmae Dachan, ambasciatrice di pace
  Asmae Dachan. Sono un poeta che ha prestato la sua anima alla morte
  Maria Lampa. “Il silenzio del mare” di Asmae Dachan
  Asmae Dachan. “Non sono presente fisicamente, ma anche io partecipo alla giornata di ecumenica preghiera”
  In libreria/ Asmae Dachan. Noura
  Asmae Dachan. Siria, la favola vera del bimbo e l’uva
  Asmae Dachan. Il mio incontro con Papa Francesco
  Asmae Dachan. Da cosa fuggono i civili siriani?
  Asmae Dachan. Partenza da Ancona: cos’è un confine?
  Asmae Dachan. Siria, otto anni dopo
  Asmae Dachan. Di armi chimiche, di bombe a stelle e strisce e di gattini orfani
  A Patrizia
  Asmae Dachan. La vita da incubo di una giovane in una tendopoli siriana
  Asmae Dachan. Il klashen e il triciclo nello stesso baule
  Asmae Dachan. La nebbia, una buona compagna di viaggio
  Eventi/ “Girasoli di mare” a Macerata, sabato 18 giugno
  Asmae Dachan. Il terrorismo spiegato a mio figlio
  Asmae Dachan. “Allah, la Siria, Bashar e basta?”, recensione dell’opera di Alberto Savioli
  Asmae Dachan “nella tana degli uomini bomba”
  Eventi/ Whats Art. Poesia e musica sulla migrazione
  Vetrina/ Asmae Dachan. Farò del mio dolore inchiostro
  Ordine Giornalisti Marche. Il premio "A passo di notizia" ad Asmae Dachan
  Asmae Dachan. Siria: Dipingere sulla morte, la storia di Akram
  Onsur. Poesia e musica a sostegno del popolo siriano
  Asmae Dachan. “Ho l’obbligo di rispondere alle affermazioni dell’on. Giorgia Meloni”
  Asmae Dachan. Uno studente mi ha chiesto…
  Siria, tra macerie e speranza: incontro a Recanati
  Asmae Dachan. Lettera a Mohamed Bouazizi da un’attivista siriana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy