Sabato , 04 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roma. Processo Cerroni. Le testimonianze dei tecnici 
Per conto del Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale firmarono le relazioni tecniche a supporto dei numerosi ricorsi al TAR
08 Giugno 2016
    

Martedì 7 giugno 2016 al processo (rito immediato) in corso a Roma nei confronti di Manlio Cerroni, collaboratori e funzionari pubblici, accusati a vario titolo di reati che vanno dalla truffa all’abuso di ufficio, sono stati ascoltati ulteriori testimoni chiamati dal PM Alberto Galanti per rispondere a domande riguardanti l’inceneritore da 160.000 tonnellate di rifiuti urbani che il boss della monnezza, tramite il consorzio COEMA, voleva realizzare a Roncigliano.

All'udienza sono stati convocati i tecnici che nel corso degli anni, per conto del Coordinamento contro l’Inceneritore di Albano, hanno firmato le relazioni tecniche a supporto dei numerosi ricorsi al TAR, dopo che la Regione Lazio aveva ribaltato in positivo l’iniziale diniego alla realizzazione dell’impianto.

I due tecnici chiamati sul banco dei testimoni hanno chiarito le ragioni in base alle quali hanno ritenuto che le modifiche apportate al progetto (passaggio dal raffreddamento ad acqua a quello parzialmente ad aria) per aggirare il giudizio negativo dell’assessorato in sede di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale), abbiano in realtà aggravato l’impatto inquinante dell’impianto, senza risolvere il problema degli elevatissimi consumi idrici. In particolare è stato messo in evidenza che la pretesa di utilizzare esclusivamente acque piovane mediante un fantomatico bacino non aveva fondamenti sostenibili sul piano tecnico. Inoltre la decurtazione di 150 metri cubi di acqua al giorno dal bilancio dei consumi era stata operata sopprimendo passaggi essenziali (torri di raffreddamento e pulizia idrica dei fumi) tali da aggravare il rischio di emissioni nocive.

L’attivismo velenoso mostrato dagli avvocati difensori dei funzionari regionali Raniero De Filippis e Luca Fegatelli, all’epoca protagonisti del ribaltamento del giudizio di diniego all’impianto, è comprensibile visti i capi di imputazione che pendono sui loro assistiti per abuso d’ufficio, falso in atto pubblico etc.

I tentativi dei difensori dei Cerroni boys sono naufragati nella loro totale incapacità di entrare nel merito di una proposta industriale insostenibile, citando a vanvera impianti già chiusi da provvedimenti della magistratura come il caso di Verbania Val di Toce, oppure come l'impianto Enipower di Ferrera Erbognone dotato di raffreddamento ad aria, che tratta idrocarburi e non rifiuti, ma che guarda caso è inserito dall’AEA (Agenzia Europea per l’Ambiente) nell’elenco degli impianti più inquinanti d’Europa. Peggio che andar di notte, addirittura citando un inceneritore della società Lomellina che utilizza 500.000 tonnellate/anno di acqua, ovvero dieci volte di più di ciò che il fantastico gassificatore di Cerroni avrebbe consumato secondo la seconda e falsa VIA positiva dell'ottobre 2008.

L’impegno del COORDINAMENTO a maggior ragione continuerà a sostenere le proprie motivazioni a difesa della salute e salvaguardia del territorio e della popolazione.

 

Coordinamento contro l’Inceneritore di Albano 

 

 

»» Registrazione audio integrale udienza Radio Radicale


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  Cerroni tenta il colpo gobbo: il No Inc denuncia il magnate della monnezza
  Aprilia Colli del Sole. Eco “sicura”: basta con le discariche
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  Processo Cerroni. Regolari le intercet­tazioni: saranno tutte utilizzabili
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Convegno No Inc sul nuovo Piano Rifiuti regionale
  Maria Lanciotti. Tutto il fiato di Roncigliano, Albano e Montagnano
  Notificati tre avvisi di garanzia per il VII invaso di Roncigliano
  Maria Lanciotti. Auguri a Cerroni
  Maria Lanciotti. Malaffare rifiuti laziali al capolinea?
  Maria Lanciotti. Gonfia e tronfia e trasudante veleni...
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  Due parole: NO INC! È partito, davvero, il “Processo Cerroni”
  Maria Lanciotti. Buongiorno a tutti
  Facce nuove, vecchie ricette
  Maria Lanciotti. Regione Lazio, emergenza rifiuti. Assolti Manlio Cerroni e tutti i suoi uomini
  Maria Lanciotti. Rifiuti: Un eccidio mascherato che non regge più il trucco
  Massimiliano Iervolino: “Chiedo pubblicamente a Manlio Cerroni di poter vistare Malagrotta”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy