Sabato , 14 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Tutto il fiato di Roncigliano, Albano e Montagnano  
Un nuovo sabato di lotta a disturbare chi nel silenzio trama
27 Ottobre 2015
 

Finché se ne parla, c’è ancora fiato. Ma di fiato ce ne vuole tanto in mezzo a tutto questo frastuono di fanfare e tromboni che tenta di sovrastare ogni altra voce. E comunque si va. Via Ardeatina chilometro 24,650, non si può sbagliare. “Discarica, discarica!” laddove banchettano corvi e gabbiani e la puzza di morte ti accora.

Sabato 24 ottobre, una bella giornata di sole, ancora un presidio dinanzi ai cancelli della discarica di Roncigliano nel comune di Albano Laziale, organizzato dal Coordinamento No Inc. Passano gli anni, i bimbi crescono, le mamme imbiancano, i nonni muoiono, poltrone saltano e si riassestano intanto che il Gatto e la Volpe – avversi e associati – vivacchiano fra inganni e raggiri e Mangiafuoco “comanda e muove i fili fa ballare i burattini”, e in tutto questo putiferio, che come diversivo funziona a meraviglia, restano sempre loro, i No Inc, il solo punto fermo a fronteggiare una questione che NON SI VUOLE RISOLVERE.

Se non c'è una soluzione perché ti preoccupi?” è il messaggio subliminale indirizzato al popolo e che il popolo, stufo e stremato ma anche menefreghista facilmente recepisce, e il gioco sarebbe fatto e tutto cadrebbe nel dimenticatoio, o nel mai acquisito, se non ci fosse chi regolarmente dà la sveglia, mentre con incredibile determinazione e tenacia porta avanti una battaglia impari attingendo forza dalla stessa incrollabile motivazione. Una motivazione che nasce nel 2007, quando si vociferava di un settimo invaso e della costruzione di un inceneritore, il più grande d’Europa, che avrebbe sopperito alla discarica di Malagrotta giunta a saturazione. Otto anni di lotta e tutto resta ancora nell’incertezza.

I vari interventi rifanno il punto di una situazione che non sembra offrire spiragli positivi. “Con i rifiuti che arrivano da fuori presto il settimo invaso sarà esaurito. Si continuerà con l’ottava buca, visto che gran parte della provincia di Roma non saprebbe dove battere la testa? Gli sfaldamenti acquiferi non si contano, nei pozzi della zona, non servita da acquedotto comunale, l’acqua non serve nemmeno per farsi la doccia. Siamo qui per mettere un punto: costruzione acquedotto comunale, chiudere la discarica, tombare gli invasi. Tutto il quadrante qui è sotto attacco, le incentivazioni per progetti folli partono dalle nostre tasche, caricate sulle bollette dell’energia elettrica. Questo sistema fa profitto e questo Cerroni adotta, a fronte di ciò dovrebbe cambiare l’atteggiamento istituzionale”. Sul biogas si sofferma l’esperto, evidenziando come la sostanza organica che occorre per produrlo non venga sciaguratamente separata dal resto e debitamente stabilizzata, causando la puzza tremenda ormai nota a tutto il circondario. “Sentire la puzza significa essere consapevoli che una quantità di sostanze organiche che non andavano smaltite in discarica – tra cui contenuti di espurgo, sversamento di pozzi neri – stanno emettendo gas respirati da noi, dai nostri figli”. E seguita l’esposizione di un quadro spaventoso, “non rimediabile”, un disastro di dimensioni incalcolabili. Sempre presente la minaccia della costruzione dell’inceneritore. “Con l’A.I.A. largamente scaduta erogata ai tempi di Piero Marrazzo persiste la possibilità tecnica per riaprire la questione inceneritore. Il comune deve farsi sentire, qui ogni giorno muore una persona”. Toccante la voce di un residente: “Mi rammarico per questo nostra borgata. Non è la puzza che uccide, è quello che non si vede. Quello che fa male non è visibile”.

Un nuovo Comitato si è aggiunto al Coordinamento, presidente Elvira Marinelli: “Il Comitato Ribelli di Montagnano nasce a gennaio del 2015. Capiamo che dobbiamo intervenire per coinvolgere gli altri Villaggi, oltre a quello Ardeatino: Valle Gaia, Montagnano e via Montagnanello. Non abbiamo fogne, non abbiamo acqua corrente, non abbiamo mezzi di trasporto, non abbiamo illuminazione stradale. Vivo qui da 15 anni, solo dopo mi sono accorta della discarica, nessuno mi aveva detto niente. Quando sono arrivata qui ho visto solo vigneti di qualità, non c’era ancora il settimo invaso”.

Intanto Regione e Comune accordano l’aumento della TA.RI (Tariffa Rifiuti) alla Pontina Ambiente, a partire dal 2011. Aumento applicato in vista della raccolta differenziata da tempo annunciata e mai effettivamente decollata.

Colazione ai cancelli, dopo che l’evaporazione allontana il fetore e l’aria si fa respirabile. E il barattolo a offerta libera per le spese legali: il 16 novembre si terrà la seconda udienza del processo a 15 cittadini, per aver protestato il 3 febbraio 2012 davanti alla discarica. “I motivi di quella protesta rimangono tutti in piedi” ribadisce il No Inc, ricordando che “sono ormai trascorsi i 180 giorni concessi dalla direzione regionale alla Pontina Ambiente di Manlio Cerroni per sanare le decine di violazioni dell’autorizzazione del 2009 certificate dell’ARPA nel 2014. Eppure, a parte l’intenzione della Regione di convocare un’apposita conferenza all’interno della discarica (ma quando non è dato sapere) tutto tace”.

E come sempre accade nelle segrete stanze, nel silenzio complice si trama. Manlio Cerroni, Regione e Comuni lo sanno, ancora potrebbe dirigere la partita.

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Albano Laziale. Discarica di Roncigliano, si torna in piazza
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Convegno No Inc sul nuovo Piano Rifiuti regionale
  Roncigliano. Prosegue fuori dai termini di legge la discarica
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  Discamping alla 6ª edizione per Roncigliano
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Maria Lanciotti. Si teme la nube tossica
  Maria Lanciotti. Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale. E la lotta continua
  No Inc. Un'altra notte movimentata ai Castelli Romani
  Emergenza rifiuti Lazio: “Guai a voltarsi dall’altra parte”
  Maria Lanciotti. Roncigliano: Il punto della situazione al presidio del 21 marzo
  Albano. 21 nuovi refertati al pronto soccorso dell’Ospe­da­le San Giuseppe
  No Inc sull’incendio di Roncigliano
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  No Inc. Post-incendio all’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. Gonfia e tronfia e trasudante veleni...
  Daniele Castri. Miasmi dalla discarica di Roncigliano: in 35 al pronto-soccorso
  Maria Lanciotti. Roncigliano di Albano, “Per quanto tempo dovremo stare ancora all’erta?”
  Maria Lanciotti. Perché ancora un presidio
  Maria Lanciotti. La collina, là dove prima c'erano vigneti e uliveti...
  Maria Lanciotti. Buongiorno a tutti
  Roncigliano. Discamping 2016 per chiusura definitiva discarica
  Roncigliano e dintorni. Ancora in Regione venerdì mattina
  Maria Lanciotti. Discarica di Roncigliano: “Sorgerà un’altra montagna?”
  Maria Lanciotti. Miracolo a Roncigliano
  Albano. Un altro sabato di lotta
  Discamping al Villaggio Ardeatino. Contro le aggressioni al territorio e le nocività diffuse
  Maria Lanciotti: Roncigliano, settimo invaso. Madonna che silenzio…
  Maria Lanciotti. Una notte in camera a gas...
  Notificati tre avvisi di garanzia per il VII invaso di Roncigliano
  Maria Lanciotti. Pane e puzza 'condendo'
  Maria Lanciotti. Rifiuti. Pillole avvelenate dispensate dal presidente Cremonesi
  Maria Lanciotti. Malaffare rifiuti laziali al capolinea?
  Roma. Processo Cerroni. Le testimonianze dei tecnici
  Cerroni tenta il colpo gobbo: il No Inc denuncia il magnate della monnezza
  Processo Cerroni. Regolari le intercet­tazioni: saranno tutte utilizzabili
  Daniele Castri. Sabato Albano risponde con un corteo alle pressioni del re della monnezza
  Facce nuove, vecchie ricette
  Maria Lanciotti. Regione Lazio, emergenza rifiuti. Assolti Manlio Cerroni e tutti i suoi uomini
  Maria Lanciotti. Rifiuti: Un eccidio mascherato che non regge più il trucco
  Maria Lanciotti. Auguri a Cerroni
  Cerroni invitato dal No Inc ad Albano, per un dibattito pubblico
  Massimiliano Iervolino: “Chiedo pubblicamente a Manlio Cerroni di poter vistare Malagrotta”
  Aprilia Colli del Sole. Eco “sicura”: basta con le discariche
  Due parole: NO INC! È partito, davvero, il “Processo Cerroni”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy