Venerdì , 29 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Coordinamento contro l’inceneritore di Albano Laziale. E la lotta continua
21 Aprile 2015
   

Iniziative a raffica organizzate dal Coordinamento No Inc in vista della sentenza che sarà emessa il prossimo 8 maggio dal T.A.R. Lazio, in merito a quel mezzo miliardo di euro di fondi pubblici cui sta appeso tuttora il progetto del Co.E.Ma. (Consorzio Ecologico Massimetta costituito da Cerroni, Acea e Ama) dell’inceneritore a Roncigliano nel comune di Albano Laziale. Progetto inqualificabile che potrebbe decadere una volta per tutte se il Tribunale Amministrativo Regionale decidesse di rendere nulli tali finanziamenti – per un’opera mai cantierizzata e non più prevista dal Piano rifiuti regionale – procedendo alla cancellazione definitiva di tale convenzione la cui richiesta fonda su illeciti accertati.

Dopo l’assemblea pubblica che si è svolta venerdì 17 aprile nel pomeriggio in piazza San Pietro ad Albano, domenica 19 aprile in mattinata è stato allestito il banchetto informativo in Piazza Tommaso Frasconi a Genzano di Roma. In quest’ultima occasione abbiamo raccolto commenti e pareri su tanto attivismo e il motivo che lo determina, sia da parte degli organizzatori che da parte della popolazione, tutti cittadini castellani.

Paolo: “Dopo tanti anni di mobilitazione forse l’inceneritore non sarà più costruito, ma i fondi potrebbero arrivare ed essere dirottati su altri progetti che le aziende Cerroni propongono, e non solo nel Lazio: potrebbe essere a Viterbo come a Latina, come a Malagrotta. Ipotesi che ci viene suggerita dalle voci di corridoio che girano tra i palazzi. L’azienda Cerroni potrebbe aver diretto i fondi pubblici richiesti dalla società Co.E.Ma per la costruzione dell’inceneritore, ormai carta straccia, atti nulli perché è stato dichiarato il falso, il cantiere non è mai partito, con Scajola (Claudio Scajola, ex Ministro dell’Interno iscritto nel registro degli indagati, accusato tra l’altro di concorso esterno in associazione mafiosa, ndr) che li ha coperti. L’8 maggio al Tar si capirà dove vogliono andare a parare. Il finanziamento pubblico per gli impianti d’incenerimento è stato interdetto dalla Comunità Europea dal 2008”.

Andrea: “Sia venerdì che oggi c’è un buon passaggio di gente, sono stati distribuiti diverse centinaia di volantini. La gente è molto interessata sotto l’aspetto dei fondi pubblici”.

P.: “Rispetto all’utilizzo dei fondi pubblici: è una questione di giustizia, sono soldi delle nostre tasche, usati per produrre danni ambientali ed economici al Paese. A Velletri penso si sia riusciti a intervenire in maniera tempestiva facendo emergere anche i danni delle discariche già esistenti, la cava è sotto sequestro e il progetto biogas al vaglio della Commissione. E i tempi si allungano”.

Simone: “L’alternativa a discariche e inceneritori è la differenziata, arrivare a rifiuti zero. Ad Ariccia e Genzano sta funzionando ma ci vuole più spinta. C’è molta confusione e disorganizzazione negli altri comuni di bacino. Dovrebbero essere serviti da un’unica Ditta, non cercare clientelismo. Sono abbastanza positivo, il modo di pensare e di agire delle persone sta cambiando, la mentalità sta cambiando”.

Anna: “Da qui la discarica non si vede, anche se quando tira il vento arriva la puzza. Poi i politici ci dicono che tutto va bene, che la raccolta differenziata funziona, ma allora a che serve la discarica, a che serve l’inceneritore? Uno si sforza di capire, vorrebbe pure collaborare, ma tra l’inciviltà della popolazione e le barzellette del Municipio uno si disamora, sì, è vero, si diventa pure menefreghisti, e intanto le patologie aumentano”.

Virgilio: “Da sempre contrario a discariche e inceneritori, sia sul territorio che in generale. Non è quella la soluzione. Ci vorrebbe maggiore coinvolgimento dei comuni. Si aspetta la sentenza del TAR, mi auguro che si chiuda in tempi rapidi questo fronte in termini positivi. Sono per la gestione pubblica del settore rifiuti. Nessun interesse privato, finché ci saranno privati all’interno si avranno problemi”.

 

E la lotta continua.

Sabato 2 maggio alle ore 16,

in Piazza Mazzini ad Albano Laziale,

Corteo No Inc:

– per la chiusura e la bonifica della discarica di Roncigliano

– per fermare definitivamente il progetto dell’inceneritore

– per non vanificare lo sforzo della raccolta differenziata.

 

Maria Lanciotti


Foto allegate

Articoli correlati

  Roncigliano. Discamping 2016 per chiusura definitiva discarica
  Roncigliano. Prosegue fuori dai termini di legge la discarica
  Maria Lanciotti. Sei sindaci al 13° corteo di Albano
  Roncigliano e dintorni. Ancora in Regione venerdì mattina
  Maria Lanciotti: Roncigliano, settimo invaso. Madonna che silenzio…
  Notificati tre avvisi di garanzia per il VII invaso di Roncigliano
  No Inc. Post-incendio all’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti. Pane e puzza 'condendo'
  Maria Lanciotti. Albano Laziale: Convegno No Inc sul nuovo Piano Rifiuti regionale
  Albano Laziale. Cancellare l’inceneritore, chiudere e bonificare la discarica di Roncigliano
  Albano Laziale. No Inc: sabato nuovo presidio per chiusura discarica Roncigliano
  Maria Lanciotti. Tutto il fiato di Roncigliano, Albano e Montagnano
  No Inc sull’incendio di Roncigliano
  Maria Lanciotti. Roncigliano: Il punto della situazione al presidio del 21 marzo
  No Inc. Un'altra notte movimentata ai Castelli Romani
  Maria Lanciotti. Discarica di Roncigliano: “Sorgerà un’altra montagna?”
  Albano. 21 nuovi refertati al pronto soccorso dell’Ospe­da­le San Giuseppe
  Maria Lanciotti. Gonfia e tronfia e trasudante veleni...
  Albano Laziale. Discarica di Roncigliano, si torna in piazza
  Maria Lanciotti. La collina, là dove prima c'erano vigneti e uliveti...
  Maria Lanciotti. Rifiuti Lazio. La terra dei fuochi spenti
  Daniele Castri. Miasmi dalla discarica di Roncigliano: in 35 al pronto-soccorso
  Maria Lanciotti. Si teme la nube tossica
  Discamping al Villaggio Ardeatino. Contro le aggressioni al territorio e le nocività diffuse
  Emergenza rifiuti Lazio: “Guai a voltarsi dall’altra parte”
  Maria Lanciotti. Perché ancora un presidio
  Maria Lanciotti. Buongiorno a tutti
  Maria Lanciotti. Roncigliano di Albano, “Per quanto tempo dovremo stare ancora all’erta?”
  Maria Lanciotti. Miracolo a Roncigliano
  Albano. Un altro sabato di lotta
  Discamping alla 6ª edizione per Roncigliano
  Maria Lanciotti. Una notte in camera a gas...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy