Lunedì , 21 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pietro Yates Moretti. Responsabilità civile dei magistrati, bene il voto alla Camera dei Deputati
11 Giugno 2014
   

In tempi di grandi inchieste giudiziarie sulla corruzione dilagante, è facile far passare l'idea che la decisione della Camera dei Deputati di approvare una norma sulla responsabilità civile dei magistrati sia una “vendetta” dei politici cattivi e corrotti contro l'eroica magistratura.

Ma la norma approvata dalla Camera quasi per sbaglio va nella giusta direzione, peraltro già richiesta dagli italiani con un referendum del 1987, ovviamente aggirato da politici impauriti da una apparente opinione pubblica forcaiola.

Ebbene, la disperata sete di giustizia che esprime l'opinione pubblica è perfettamente in linea con una norma seria ed efficace sulla responsabilità civile dei magistrati.

Contrariamente a qualsiasi altro dipendente pubblico o professionista privato, il magistrato non risponde mai dei danni provocati ai cittadini dai propri errori anche quando sono gravissimi e manifestamente in violazione di legge.

Anche la magistratura, come qualsiasi altra categoria, è formata di persone fisiche, di esseri umani, alcuni bravissimi e scrupolosi, altri poco preparati.

La responsabilità civile dei magistrati, come quella già esistente per i medici, dipendenti pubblici, professionisti, poliziotti, etc., non punisce una categoria, ma responsabilizza l'enorme potere che pubblici ministeri e giudici hanno sui cittadini.

Dare a migliaia di persone fisiche, anche se in partenza tutte oneste e specchiatissime, un potere così ampio come quello di privare un cittadino della libertà personale o di decidere le sorti della sua attività commerciale, senza che ne rispondano civilmente neanche di fronte a gravissime violazioni di legge e di principi costituzionali, è una ricetta che porta dritti dritti a situazioni di abuso e ingiustizia.

Molto probabilmente, anche questa volta tutto finirà in caciara politica tra berlusconiani e anti-berlusconiani, tra politici “onesti” e politici “corrotti”. Ma chiunque abbia avuto modo di vivere sulla propria pelle lo stato pessimo della giustizia italiana e l'arroganza di taluni magistrati che si sentono intoccabili e onnipotenti anche quando violano la legge che dovrebbero applicare, non potrà che concordare con la necessità di responsabilizzare tutte le categorie. Nessuna esclusa.

 

Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc


Articoli correlati

  Roberto Giachetti: «Ho votato sì a responsabilità civile magistrati»
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Rita Bernardini. Legalizzazione ad uso terapeutico della cannabis
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Benedetto Della Vedova sottoscrive a Caorle i 12 referendum radicali
  Quartu Sant’Elena. Il Sindaco firma i referendum radicali
  Claudia Osmetti. Le cose che ho imparato ai tavoli referendari
  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Referendum radicali 2013. A Chiavenna l'ultima occasione per Valtellina e Valchiavenna
  Valter Vecellio. Condanna di Berlusconi
  Radicali Sondrio. 15.000 firme da 1.300 cittadini
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Anche Beppe Grillo a sostegno dei referendum radicali?
  RadicaliSondrio. Referendum 2013, a Bormio sabato 3 agosto...
  Dodici firme per salvare questa Democrazia
  Marco Gentili. Ospitalità (mancata) alla Festa Democratica di Trieste
  Si firma a Sondrio, sabato in piazza e domenica nel carcere
  Riprende l'iniziativa referendaria: si firma nei comuni e, sabato, in piazza a Morbegno
  Nichi Vendola firma i referendum radicali
  Referendum days 14 e 15 settembre: in piazza a Sondrio, Morbegno e Bormio
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  Referendum Days e limitazioni alle iniziative referendarie
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
  Fabrizio Ferrante. Droghe, il governo Letta conferma la linea Serpelloni
  Enrico Borg. Giustizia: Se il Pd continua a fare spallucce sui referendum
  Valter Vecellio. Referendum: Il paradosso di una sinistra che c’è (ma non c’è)
  Referendum in Comune: “Rai e Tv informino i cittadini”
  Referendum/PD. Staderini alla Festa democratica nazionale di Genova...
  Piero Sansonetti. La chance di chiudere i conti col vero berlusconismo
  28-30 agosto: Referendum in Comune. Firma e fai firmare!
  RadicaliSondrio. 12Referendum: Domani a Chiesa in Valmalenco
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy