Venerdì , 30 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Perduca. Sul futuro del Senato... 
Occorre una Repubblica federalista e presidenzialista con politici eletti direttamente dai cittadini
30 Marzo 2014
 

L'embrione di dibattito sul futuro del Senato della Repubblica concepito in queste ore grazie alle dichiarazioni del Presidente Pietro Grasso – era ora! – continua a far l'economia della legalità costituzionale e quindi della democrazia e della cosiddetta rappresentatività. Dà molto da pensare leggere i richiami all'ordine della neo-nominata vice-segretaria del PD Serracchiani che intima di tacere a Grasso perché eletto nelle liste del Partito democratico.

A parte, con un ulteriore conferma della peculiarità italiana, settimana prossima ci troveremo di fronte a una proposta di legge costituzionale proposta dal Consiglio dei Ministri, composto come si sa di tutto un po', e non davanti all'iniziativa di una parte politica che ha vinto le elezioni con una chiara piattaforma riformatrice relativa all'impianto costituzionale – se dovessimo stare al programma elettorale del PD del 2013 si rintraccerebbe l'evocazione di un senato federale bloccato dalle diatribe interne al centrodestra – quanto proposta è una riforma tanto quanto è una riforma quella relativa alle province, cioè l'aggirare furbescamente un problema con delle chiacchiere ben pronunciate.

La proposta annunciata più volte dal Presidente Renzi parte da un presupposto caro all'antipolitica, il Senato costa troppo, e si sviluppa facendo l'occhiolino a un modello più da Repubblica democratica tedesca piuttosto che un modello dove possano essere rappresentante in modo equo le regioni italiane, con magari cinque eletti per regione.

Siccome nei giorni scorsi è stata anche ventilata la possibilità di arrivare a prevedere una sorta di 'premierato forte' che conceda al capo del governo, che oggi si badi bene non è un 'premier', la possibilità di sostituire ministri a proprio piacimento, non si capisce perché questo benedetto Consiglio dei Ministri non prepari una riforma strutturale del Titolo III della Costituzione prevedendo un'evoluzione verso una Repubblica federale, in una prospettiva federalista europea, nonché l'elezione diretta del capo dello Stato che sia anche capo del governo legittimato direttamente dal voto popolare in modo slegato dall'elezione dei parlamentari.

Solo con questo tipo di riforme chiare si può tentare di recuperare un minimo di rispetto della legalità costituzionale dando finalmente al Senato la possibilità di una vera rappresentanza regionale e ai cittadini la possibilità di eleggere direttamente i propri rappresentanti.

Capisco che le elezioni ormai siano solo uno spreco di danaro pubblico, ma con riforme radicali potrebbero esser soldi investiti bene.

 

Marco Perduca

(dal blog @Perdukistan, 30 marzo 2014)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy