Sabato , 19 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Contro la repressione giudiziaria dei cittadini indigenti che recuperano oggetti nelle discariche 
Appello di EveryOne Group
09 Settembre 2013
 

Prelevare in una discarica assi per costruire una baracca, una vecchia pentola o un videoregistratore rotto può comportare, nei tribunali italiani, una condanna da 1 a 6 anni di carcere, oltre a pesanti multe. “Furto aggravato”, spesso “in concorso”, il reato configurato.

Il Gruppo EveryOne si appella alle istituzioni italiane, all'Unione europea, all'Alto Commissario delle Nazioni Unite e a Papa Francesco

 

 

Milano – «La giustizia italiana sembra ormai accanirsi contro i poveri, i senzatetto, i migranti emarginati e soprattutto i rom». Lo afferma Roberto Malini, scrittore e leader del Gruppo EveryOne. «La nuova frontiera di questa tendenza a reprimere le minoranze in difficoltà umanitaria», spiega Malini, «è rappresentata dagli arresti, le denunce e le condanne che fioccano in tutto il Paese in relazione ai 'furti in discarica'. Per costruire una baracca, rom e senzatetto si recano – e chi non lo farebbe, nelle loro condizioni di estreme indigenza? – presso le discariche, dove recuperano assi, vecchi mobili, pentole ammaccate. Se poi, rovistando fra la spazzatura, trovano un videoregistratore o un televisore dall'apparenza non troppo malandata, lo recuperano, magari per tentare di ripararlo. Molti direbbero che è lodevole recuperare beni dismessi dalla società consumistica per prolungare la loro utilità. In Italia, invece, prelevare beni in discarica è considerato dalla giurisprudenza un grave reato e chi lo fa viene denunciato e spesso condannato per 'furto aggravato' (aggravato perché avviene entro 'stabilimento pubblico', come prevede l'articolo 625 comma 1 n. 7 del codice penale). La pena prevista per coloro che prelevano qualcosa dai mucchi di spazzatura? Da 1 a 6 anni di reclusione, oltre a una multa da 103 a 1.032 euro. Il fatto che l'oggetto sia stato abbandonato non migliora la condizione giuridica di chi lo preleva, perché secondo le nostre leggi, accogliendolo in discarica, il comune ne diviene il nuovo possessore. Neanche il valore infimo del bene scagiona chi lo raccoglie, perché nella nostra giurisprudenza è sufficiente il dissenso da parte del comune per trasformare il raccoglitore in un ladro».

Il Gruppo EveryOne sta cercando di assistere, in una località delle Marche, undici giovani rom sorpresi dalle forze dell'ordine con alcuni apparecchi elettrici rotti prelevati da una discarica. «I rom recuperano da secoli gli oggetti che noi abbandoniamo», spiega Malini. «Essi sono convinti che un bene non sia esaurito finché qualcuno possa trovare in esso utilità. Non a caso, sono quasi sempre rom gli artigiani – in via di estinzione, ormai – che riparano pentole e sedie, ripristinano posate, aggiustano ombrelli. I ragazzi che stiamo cercando di aiutare di fronte a leggi palesemente repressive e ingiuste, non si rendono neanche conto di essere colpiti da un'accusa tanto grave. È inimmaginabile, per loro, che recuperare una radiolina bruciata potrebbe condurli in carcere per anni. La loro giustizia, il 'Romani Kris', non considera in alcun caso come una cattiva azione il recupero di un bene dismesso, che anzi è un'azione civilmente lodevole. Ma questo le nostre autorità, i nostri sindaci, i nostri giudici non lo sanno e le carceri italiane si riempiono, giorno dopo giorno, di uomini e donne innocenti che cercano poveri materiali per costruire i loro miserabili rifugi, vecchie padelle per cucinare quel poco cibo che la questua consente loro di acquistare, oggetti senza più vita, nella speranza di ripararli».

I difensori dei diritti umani del Gruppo EveryOne, di fronte a tanti casi giudiziari drammatici che toccano famiglie rom e senzatetto, ha inviato un appello al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al Ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, al Consiglio Superiore della Magistratura, al Consiglio d'Europa, alla Commissione europea, all'Europarlamento, all'Alto Commissario Onu per i Diritti Umani e a Papa Francesco. L'appello chiede alla istituzioni italiane e internazionali di adoperarsi affinché alla repressione contro i rom siano sostituite politiche di solidarietà, come prevede il Quadro dell'UE per le strategie nazionali di integrazione dei Rom. L'organizzazione umanitaria rileva inoltre come «l'atteggiamento di severità giuridica che esiste in Italia nei confronti di coloro che recuperano – a causa della loro indigenza –oggetti dismessi nelle discariche si discosti dagli ideali di civiltà e umanità che sono alla base della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea nonché della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani».


Articoli correlati

  Preghiera laica del Gazetin per il 7 settembre
  La violenza sulle donne Rom
  Roberto Malini. Ancora uno sgombero a Nocera Inferiore. È pulizia etnica
  Il Rapporto ECRI denuncia l'intolleranza che in Italia colpisce Rom e Sinti
  Il vento della poesia nelle corde dei violini
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Alberto Figliolia. Tiziana Maiolo e i Rom
  Rom in Toscana: repressione dell'arte, della musica e della poesia
  Rom a Milano. Appello internazionale per le famiglie colpite dal rogo di via Bonfadini
  Radicali Milano. Da domani parte la mobilitazione per il riconoscimento di Rom e Sinti
  Roberto Malini. Quanti amici dei rom, in Italia!
  Roberto Malini. Sgomberi: disumanità made in Italy
  Radicali Sondrio riprende la raccolta firme
  Roberto Malini. L’Italia che sgombera gli insediamenti di emergenza durante giorni di gelo
  Domanda di grazia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per l'anziano Rom Toma Ciuraru, incarcerato senza colpa
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Parma. Carteggio Malini-Pizzarotti a proposito delle famiglie Rom
  Radicali Sondrio in piazza a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Gruppo EveryOne. Le ordinanze anti-Rom
  EveryOne: Abbiamo tentato di proteggere Leonarda in Italia...
  Milano. Prosegue l'incubo per la famiglia Covaciu, cui le autorità hanno strappato i quattro bambini
  Roberto Malini. Estate tragica per i Rom in Italia
  Roberto Malini. Rom nel vortice dell'intolleranza
  Rom: per superare i campi serve il cervello, non le ruspe
  Il sindaco di Legnano sostiene la comunità rom della sua città
  Roberto Malini. Il diritto... al campo
  Giornalismo e razzismo: commento alle Linee guida sulla Carta di Roma
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Primo Mastrantoni. Rom: Quando non si vuole risolvere un problema
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  Roberto Malini. Cornigliano e i Rom: ha prevalso l'odio
  Roberto Malini. Perché il Comune di Milano vuole chiudere il campo Rom di via Idro?
  Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom
  Patrizia Garofalo. Al parroco di Cornegliano
  Pesaro. “Hanno preso mio marito e sono rimasta sola”
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Milano. Una maestra di via Rubattino: “Gli sgomberi? Nuova pulizia etnica”
  16 maggio 1944: Rivolta nello Zigeunerlager
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Marianna Mascioletti. Addio a Paolo Pietrosanti, l'uomo della pioggia
  Roberto Malini. A cosa servono i Rapporti sui Rom?
  Genova. Un altro ponte è crollato
  Bologna. Il giudice conferma detenzione per Brenda, mamma Rom
  Roberto Malini. Gli sgomberi di famiglie povere ed emarginate sono atrocità istituzionali
  Svizzera. Copertina razzista criminalizza il popolo Rom
  EveryOne: Roma, città chiusa ai Rom
  Roberto Malini. Combattiamo il razzismo, non i campi Rom!
  Rom e Gagi: abitare insieme la città
  Erveda Sansi. Barò porrajmos e… altre storie “zingare”
  EveryOne: Amnesty International è accanto al popolo Rom
  Immigrazione e rom. Il genocidio culturale del ministro Maroni?
  Roberto Malini. Come è difficile difendere i diritti dei Rom!
  “Via Rubattino n. zero”. Milano, 10-20 maggio 2010
  Roberto Malini. La leggenda del Rom che denunciò la polizia
  Mauro Garofalo. Alla fine di ogni cosa, romanzo di uno zingaro
  Vetrina/ Roberto Malini. Dal diario di Veta, bambina Rom
  Il poeta Roberto Malini al Festival Internazionale di Poesia di Genova nel giorno che ricorda l'Olocausto dei Rom
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy