Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il Comune di Monte San Savino in campo contro le discriminazioni 
La Giunta savinese aderisce alla Rete Re.A.Dy.
24 Gennaio 2013
 

Soddisfazione del comitato provinciale Arcigay Arezzo per l’adesione alla Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere

 

 

La Giunta Comunale di Monte San Savino aderisce a Re.A.Dy., la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, su iniziativa dell’assessore alle Pari Opportunità Erica Rampini (foto) e su proposta del Comitato Arcigay Arezzo “Chimera Arcobaleno”.

La Rete, nata nel 2006 durante il “Torino Pride”, ha come obiettivo principale quello di mettere in sinergia l’azione delle pubbliche amministrazioni per promuovere sul piano locale politiche che sappiano rispondere ai bisogni delle persone lgbt, contribuendo a migliorarne la qualità della vita e creando un clima sociale di rispetto e di confronto libero da pregiudizi, in quanto in Italia, lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender (lgbt) non godono ancora di un pieno e reale diritto di cittadinanza e spesso vivono situazioni di discriminazione nei diversi ambiti della vita familiare, sociale e lavorativa a causa del perdurare di una cultura condizionata da stereotipi e pregiudizi.

«Monte San Savino è il primo comune della provincia di Arezzo ad aver aderito a RE.A.DY.», dice con orgoglio l’Assessore Erica Rampini. «È la prima volta in Italia che gli enti locali e regionali si mettono in rete per promuovere culture e politiche delle differenze e la Giunta savinese vuol approfittare di questa opportunità per mettere in campo azioni di contrasto alle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere come hanno già fatto altri comuni più grandi».

Cristina Betti, presidente di Arcigay Arezzo, accoglie con soddisfazione la notizia e invita tutti gli altri enti locali della provincia di Arezzo ad aderire al gruppo di amministrazioni che intende avviare politiche per favorire l’inclusione sociale delle persone omosessuali e transessuali, sviluppando buone prassi e promuovendo atti e provvedimenti amministrativi che tutelano tutt* dalle discriminazioni.

 

Per contatti e informazioni:

arcigay.arezzo@gmail.com

 

Arcigay Arezzo


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy