Mercoledì , 19 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Contro il finanziamento pubblico ai partiti. Non mollare!!
26 Maggio 2012
 

È stato ufficialmente reintrodotto il finanziamento pubblico ai partiti. Lo ha votato la Camera dei deputati e, a tavolino, ci sono i numeri perché il testo approvato sia anche licenziato dal Senato. Una reintroduzione che fa piazza pulizia dell'ipocrisia su cui si basava la spartizione dei soldi fino ad oggi, ufficialmente erogati come rimborso elettorale dopo che gli italiani avevano bocciato con referendum il finanziamento di per sé. Infatti lo chiamavano rimborso, ma erano molti più soldi di quanto i partiti avessero speso in campagna elettorale, e quindi un finanziamento di fatto.

Grazie ai partiti si governa e amministra il Paese, ma non è obbligo da nessuna parte che questi partiti debbano essere finanziati per il fatto stesso di esistere. I risultati di questo metodo sono sotto gli occhi di tutti, ed è ridicola la famosa chiacchiera a cantilena che ci viene ripetuta: se non ci sono i soldi pubblici ci sarebbero quelli privati e chissà cosa farebbero i partiti per averli. Ridicola perché i soldi pubblici i partiti li hanno avuti ed hanno fatto lo stesso le porcherie di cui sono piene le cronache giudiziarie dei nostri media. Quindi, tanto vale, che se le porcherie comunque ci sono, si risparmino almeno i soldi dei contribuenti e, magari, se c'è volontà politica in questo senso, si mettano limiti e regole stringenti per i finanziamenti e condizionamenti dei privati (Usa docet). Inoltre si potrebbero prevedere agevolazioni per “il fare” ma non per “l'essere”: costi minori per sale dibattiti, per le spedizioni postali, per l'Iva, etc.

Ma quello che diciamo è fantapolitica. La realtà è quella che oggi tutti conoscono. E non se ne viene fuori. Per cui, prendiamo atto e cerchiamo di aiutare noi stessi e chi riesce ad ascoltarci a farsi meno male.

Lo diciamo noi Aduc che non percepiamo alcun finanziamento pubblico e non partecipiamo al CNCU (Consiglio nazionale consumatori e utenti, presso il ministero dello Sviluppo Economico) dove la maggior parte delle associazioni siede e si spartisce le prebende dello Stato, oltre a quelle che prendono da regioni, comuni, banche, gestori di grandi servizi, etc.

Certamente saremo in prima linea quando e se verrà lanciata la raccolta firme per un referendum abrogativo della nuova legge in divenire, ma non ci facciamo grandi illusioni. Altri referendum ci sono stati in passato e i risultati sono quelli che oggi non impediscono agli attuali padroni dei partiti e del Parlamento di fare ciò che credono. L'importante è non-mollare, costruire con chi è disponibile, a partire dalle teste di coloro che domani potrebbero amministrarci non come quelli di oggi.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Cesare Maffi. Si può mettere a dieta la casta
  Carlo Forin. Finanziamento di (quali) partiti
  Primarosa Pia. Sul finanziamento ai partiti
  Mauro Del Barba. Abolizione rimborsi elettorali ai partiti
  Alessandro Gallucci. Finanziamento pubblico ai partiti. Effetti collaterali indesiderati ma prevedibili
  Finanziamento pubblico ai partiti. La patacca del dimezzamento rivenduta in piazza
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Emma Bonino. 25 aprile marcia per una nuova liberazione: dalla partitocrazia
  Mario Staderini. Finanziamento Partiti: Governo mantiene parola ma sostanza non cambia
  Valter Vecellio. Finanziamento pubblico, riforme: Game over
  La partitocrazia salva il finanziamento pubblico
  Mario Staderini. “Questo paese è in bancarotta perché i referendum ogni volta vengono traditi”
  Finanziamento pubblico ai partiti. Inizia il conto alla rovescia...
  Luigi Fioravanti. La vera antipolitica
  Spending Review. Intervenire finanziamento pubblico ai partiti. Se non ora quando?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy