Lunedì , 20 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giulia Crivellini. Chiesa e Ici: chi ne è (davvero) esente?
06 Settembre 2011
 

Sono 140 mila gli utenti della rete che in questi giorni reclamano un taglio netto ai privilegi di cui gode il Vaticano. Abolire le agevolazioni su Ici e Ires, dimezzare dell’8xmille; per cominciare. I Radicali ne hanno fatto una battaglia decennale, culminata sabato con l’illustrazione in Senato di un emendamento volto ad eliminare l’esenzione dell’imposta comunale sugli immobili (Ici) per le attività commerciali gestite da enti ecclesiastici. Persino l’Unione Europea è intervenuta nel 2010, aprendo un’indagine contro l’Italia per violazione delle norme sugli aiuti di Stato ed esortandoci a provare l’inesistenza di un regime di distorsione nei fatti della libera concorrenza. Nel frattempo, sembriamo non esserci accorti dei moniti europei, governati peraltro da una classe politica che continua ad assistere in silenzio tanto ai moti della rete, quanto agli atti dell’Aula.

Argomento tabù, privilegi intoccabili, battaglia persa in partenza. Quando c’è di mezzo il Vaticano, queste sono le risposte. Tuttavia, siamo davvero certi che l’area di intangibilità che circonda i rapporti tra Stato e Chiesa sia davvero impenetrabile? A volte si tratta, più semplicemente, di render un po’ più chiara l’interpretazione di leggi oscure (o, meglio, di facile aggiramento!) e i termini di rispetto delle stesse. Prendiamo l’imposta ICI: chi, per legge, ha diritto al beneficio dell’esenzione? Il decreto legislativo del 1992, che ha introdotto la suddetta tassa, prevede l’esenzione totale per gli enti che esercitano esclusivamente determinate attività (di assistenza, sanità, insegnamento, ricezione, culto...). Ma è davvero sufficiente inserire una cappella nella struttura o dichiarare di ospitare studenti per vedersi l’esenzione assicurata? Certo che no, almeno per legge. In varie occasioni, infatti, la Corte di Cassazione ha chiarito come, ai fini del riconoscimento dell’agevolazione, non sia rilevante l’attività indicata dall’ente, bensì quella che viene effettivamente svolta negli immobili.

Dichiaro o indico sul sito internet di essere struttura con funzione di “accoglienza sacerdoti di passaggio” o di “pensionato studenti”? Se poi accolgo chiunque ne faccia richiesta, offrendo magari pacchetti colazione-inclusa, l’Ici toccherà pagarla. La cosa interessante, poi, è che, proprio in un periodo in cui tanto si parla di caccia all’elusione, ci si dimentica come sia sempre onere del soggetto che fa valere il diritto ad un’agevolazione tributaria fornire la prova delle condizioni concrete per godere dell’esenzione. Trattandosi di regime di eccezionalità, è l’ente interessato a dover provare che nei fatti svolge esclusivamente l’attività, ad esempio, di accoglienza sacerdoti; non il Comune a dover fare le pulci a posteriori!

Certo non è sempre facile individuare quali siano nello specifico le attività meritevoli di usufruire del regime di favore. Ma leggere le norme aiuta. Un immobile che svolge attività didattica, come un’università, ad esempio, deve garantire l’accesso a tutti alle medesime condizioni; chiedere il certificato di battesimo come requisito d’accesso (cosa che all’Università Cattolica di Milano avviene) fa, o dovrebbe far venire meno il diritto all’esenzione. Così come le attività di “housing sociale” indirizzate non esclusivamente a bisogni sociali (di studenti, di famiglie di indigenti...), ma estese ad un pubblico indifferenziato. Se il legislatore non è stato d’aiuto in termini di chiarezza, la strada dell’inganno demagogico del “sono tutte opere essenziali” è scelta peggiore. E grave. Non solo perché aggira principi di giustizia fiscale a danno della società intera (depotenziando peraltro gli enti che davvero svolgono opere di carità e assistenza), ma anche perché finisce con lo svilire quel principio di legalità dal quale ci stiamo pericolosamente allontanando. Se certe parole oggi restano un tabù, che almeno non lo diventi anche il rispetto delle regole.

 

Giulia Crivellini

(da Notizie Radicali, 6 settembre 2011)


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Graduatoria tra Papi
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  Walter Castaldo. W l'Italia!!!
  Primo Mastrantoni. Unioni civili: Voto segreto? Palese per il Conclave
  Privilegi Vaticano. Ecco le prove di attività commerciali che non pagano l'ICI
  Vincenzo Donvito. 11 febbraio 1929 – 11 febbraio 2011
  Assemblea nazionale di “Facciamo Breccia”. Domenica 14 dicembre 2008 a Firenze
  Fisco. Maurizio Turco: Rivedere il Concordato? No, c'è da abolire l'articolo 7 della Costituzione
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Doriana Goracci: San Valentino e amore laico antiautoritario. NO VAT. Facciamo Breccia
  Vaticano/giudici. Question time Camera: il Governo non riconosce la palese violazione del Concordato
  Lidia Menapace. Smemorandum
  “Noi Siamo Chiesa”. Cattolici anticoncordatari
  Vaticano/giudici. Domani question time alla Camera
  “Facciamo Breccia”. NO VAT 2009
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  “Noi Siamo Chiesa” sull'ora di religione
  Se quello islamico è «risveglio», vi prego non svegliatemi
  Convegno "Libere chiese in libero Stato - la Rosa nel pugno per il superamento del Concordato"
  Valter Vecellio. Il Vaticano impazzito
  Mario Staderini. Gli occhi dell’Europa puntati sull’Italia (e sul Vaticano)
  Emanuele Severino. Concordato e Costituzione
  Vincenzo Donvito. Crocifisso e giudice Tosti. La fiera dell'ipocrisia. Aboliamo l'art. 7 della Costituzione
  Per una nuova Breccia, un altro 20 Settembre di lotta
  Lidia Menapace. Libera chiesa in libero stato, oppure libera Chiesa nel libero Stato della Repubblica?
  Michele Dubini. ICI Vaticano: benefici costosi e distorsivi
  Privilegi vaticani. Un esempio per tutti: gli insegnanti di religione
  Gianfranco Spadaccia. Una voce anticoncordataria alla commemorazione del 25ennale della revisione del Concordato
  Vincenzo Donvito. Dimissioni papa e media
  Abolire i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici
  Enea Sansi. La confusione dell'articolo 7
  Lidia Menapace. Datemi ascolto, per favore!
  Otto per mille. Il Governo non risponde su spot Giovanardi pro Chiesa cattolica
  Terremoto. Tremonti Vs No profit
  Vincenzo Donvito. Due pesi e due misure?
  Otto per mille (Joshua Held, www.aduc.it)
  Rivedere il meccanismo dell'8 per mille alle confessioni religiose
  L’Otto per Mille per ospedali, asili nido, scuole, biblioteche, università in Abruzzo
  Otto per mille. Rivedere il diabolico meccanismo
  Otto per mille e pedofilia. I soldi di tutti i contribuenti italiani per i danni civili in Usa?
  Marco Perduca. Terremoto: non c'è bisogno di ulteriori tasse, basta l'8x1000. Che aspetta Berlusconi a chiederlo?
  Giovanardi sottosegratario del Vaticano? Da cosa dice sull'otto per mille sembrerebbe di sì
  Vincenzo Donvito. Terremoto e soldi: Tremonti senza ritegno, conferma la sudditanza al Vaticano
  Mario Staderini. Ici e Chiesa: miracolo o bluff?
  20 Settembre... 2009: Modifichiamo la disciplina dell'8x1.000!
  Valter Vecellio. Tre notizie da titolo TG!?...
  Vincenzo Donvito. Contributi di Stato. La beffa del 5 e dell'8 per mille
  Mario Staderini. Lettera aperta al presidente Monti: «Domani, al Vaticano, chieda il taglio dell'8x mille»
  Vincenzo Donvito. Otto per mille alle confessioni religiose
  Lidia Menapace. Scuole paritarie e tasse dalla Chiesa
  La grande truffa dell'otto per mille
  Iniziativa Otto per Mille “Ma forse non tutti sanno che…”
  Un miliardo per il terremoto, no, meglio per la Chiesa Cattolica. Cittadini italiani o vaticani?
  Otto per mille. Funziona bene o no? Interrogazione
  Mario Staderini. Una scossa serve: la dia per prima la Chiesa
  In libero stato! Al Teatro Vittoria di Roma lunedì sera
  Asti. Domani i Radicali iniziano raccolta firme su Pista ciclabile e 8x1000
  Mille! Otto per mille! (di Giannino - www.aduc.it)
  Terremoto. 8 o 5 per mille: la disinformazione degli zuavi delle gerarchie vaticane
  Sondrio. “La responsabilità dell’Italia in Europa”
  Manifesti abusivi? Quelli legali vanno a pedali!
  Giulia Crivellini. Mi sono appena iscritta a Certi Diritti...
  Giulia Crivellini. “Prova a immaginare la tua vita senza Europa...”
  Giulia Crivellini. Perché non temere l’amnistia
  Un po' d'aria pulita, per vivere meglio a Milano
  +Europa con Emma Bonino Sondrio: Le candidature per la Camera dei deputati
  Giulia Crivellini. Regolamentare la prostituzione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy