Mercoledì , 24 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Michele Minorita. Eutanasia: dalla Svizzera un chiaro segnale 
”In Italia si proibisce invece anche il dibattito”. Dichiarazione di Marco Cappato
16 Maggio 2011
 

Doppio NO al referendum con cui si chiedeva di vietare o comunque limitare l’assistenza al suicidio agli stranieri che fanno ricorso ad associazioni svizzere come Exit o Dignitas. L'obiettivo dei promotori, Unione democratica federale e Partito evangelico, era quello di ridurre quello che definiscono il “turismo della morte”. La legge federale attualmente permette esclusivamente l'aiuto passivo al suicidio, cioè la fornitura - su esplicita richiesta del paziente che intende porre fine alla sua esistenza - degli “strumenti” per farlo. È invece proibita l'eutanasia attiva diretta finalizzata a ridurre le sofferenze di un'altra persona. L'altra iniziativa in consultazione chiedeva invece di sottoporre alle Camere federali un'iniziativa cantonale per rendere punibile l'istigazione al suicidio; e c’è chi subito si è esibito nell’ennesima speculazione. Il sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella, per esempio, che ha voluto commentare da par suo l’esito dei referendum svizzeri: «È urgente», ha detto, «approvare al più presto, in Italia, la legge sul fine vita, in modo da evitare di lasciare aperte strade per arrivare all’eutanasia». Fanaticamente proibizionista la sottosegretaria Roccella, è in significativa sintonia con le gerarchie vaticane pensa di risolvere il problema decretando il divieto. La maggioranza degli italiani è però di opinione opposta: secondo i dati di un recente Rapporto Eurispes, infatti, sei su dieci sono favorevoli all'eutanasia.

L’agenzia Adnkronos ci informa che sono una trentina in tutto gli italiani andati in Svizzera per non fare più ritorno. Connazionali, li definisce Emilio Coveri, presidente di Exit Italia, centro studi e documentazione sull’eutanasia, «andati a morire in esilio. Nell'ultimo anno sono stati due-tre al mese, con un trend in aumento, complice una maggiore informazione sull'argomento».

Secondo Coveri molti italiani «ora sanno che c'è un modo per morire dignitosamente quando la malattia ti aggredisce togliendoti ogni dignità, fino a che ti spegne tra atroci sofferenze». I connazionali che nell'ultimo anno hanno scelto e percorso la strada della 'dolce morte' si sono rivolti a due associazioni, entrambe svizzere, che praticano l'eutanasia: «Diciotto erano stati informati di questa opzione da noi gli altri si sono mossi da soli». Si sono rivolti alla Dignitas di Zurigo o alla ExInternazional di Berna, «e qui hanno messo fine alle loro sofferenze».

Delle 400 richieste di suicidio assistito che ogni anno arrivano alla Dignitas e alla Exit International, spiega infatti Coveri, solo 120 vengono accettate, le altre 280 non rientrano nei parametri dalle norme svizzere. Ma cosa accade a quei malati terminali che scelgono l'eutanasia? «La Dignitas» spiega Coveri riportando un esempio concreto «ha una graziosa casa immersa nel verde, nelle campagne di Pfaffikon. Qui si arriva solo dopo aver avuto l'ok alla propria richiesta di suicidio assistito e dopo aver stabilito il giorno. A questo punto, si giunge nella struttura e ci si confronta con medici e volontari: per legge sono tenuti a convincerti di non farlo, tentano in ogni modo di farti desistere. Ma se il paziente è deciso a farla finita, dopo varie visite che ne attestano le condizioni, si procede con l'eutanasia. Il posto è confortevole, si sceglie la musica che deve accompagnare alla fine, si sta con i propri cari, si ha il conforto dei medici e dei volontari». Materialmente si prendono due pasticche anti-vomito, dopo dieci minuti, se si è ancora convinti, viene somministrato un composto chimico contenente un barbiturico e un sonnifero potentissimo che addormenta profondamente. Impiega tre minuti a far chiudere gli occhi, nei successivi cinque sopraggiunge l'arresto cardiaco. Non si prova alcun dolore naturalmente».

Attualmente sono tre i paesi europei che hanno legalizzato la “dolce morte”: Olanda, Belgio e Lussemburgo, mentre in Svezia l’autorità sanitaria nazionale nel maggio 2010 ha dato il suo via libera all’eutanasia. In Svizzera è in vigore una legge che consente l’aiuto al suicidio se prestato “senza motivi egoistici”, mentre in Germania nel giugno 2010 la Corte di Giustizia si è espressa a favore dell’eutanasia “passiva”. In Spagna, infine, nel marzo 2010 è stata approvata una legge sulla 'morte degna', che consente al paziente di rifiutare un trattamento che prolunghi la sua vita in modo artificiale e proibisce in questo caso l'accanimento terapeutico. Negli Stati Uniti, lo stato più tollerante è l'Oregon, che ha ammesso l’eutanasia.

 

Michele Minorita

(da Notizie Radicali, 16 maggio 2011)

 

 

Sul risultato svizzero, Marco Cappato, segretario dell'Associazione Luca Coscioni e capo Lista Bonino-Pannella a Milano, ha rilascio la seguente dichiarazione

 

Zurigo conferma l'eutanasia legale

mentre l'Italia proibisce anche il dibattito

Dichiarazione di Marco Cappato (15/05/2005)

 

«Il fallimento del tentativo referendario di fermare l'eutanasia legale nel cantone di Zurigo ci conferma che quando la gente può informarsi e dibattere su un tema così delicato sceglie la legalità e il controllo invece della illegalità e della clandestinità
E' una bella lezione per il potere italiano, visto che da noi non è solo proibita l'eutanasia, ma lo stesso dibattito sull'eutanasia. Così mentre Zurigo prosegue, con il consenso popolare, la politica dell'eutanasia legale, a Milano c'è un sindaco uscente come Letizia Moratti che si agita per provare a far rimuovere i manifesti dell'associazione Luca Coscioni per la legalizzazione dell'eutanasia». (milano.boninopannela.it)


Articoli correlati

  Eutanasia: Cuperlo, Civati, Morra e Galan favorevoli
  Eutanasia. Le inutili audizioni e la sepoltura dell'indagine su quella clandestina
  Eutanasia. Ass. Coscioni: "Saviano dà il via alla nostra campagna virale #LiberiFinoAllaFine"
  Rocco Berardo, Associazione Coscioni. Per Eluana, 17 anni dopo
  Renato Pierri. Il diritto di morire è un falso diritto?
  Eutanasia. Questo pomeriggio a Pavia un interessante Convegno
  Sondrio. I Radicali iniziano la raccolta firme
  Eutanasia Legale: aiutaci ad iniziare la campagna!
  Eutanasia legale: firma anche Debora Serracchiani
  Carlo Troilo. Sulla eutanasia Cuperlo e Civati non sono di parola
  Alessandro Barchiesi. PD oltretevere
  Carlo Troilo. Eutanasia: “Sospendo il digiuno: qualcosa si sta muovendo”
  Cappato e Mainardi. Eutanasia: ci vediamo a Sondrio per Max Fanelli
  Eutanasia e testamento biologico. È necessario che i parlamentari abbiano i piedi per terra
  Marco Cappato. Eutanasia: da Kung lezione laica e tollerante
  Ass. Coscioni. Eutanasia: “Iniziative popolari ignorate per 60 anni. Boldrini ha mancato occasione per segnale discontinuità”
  Sabato 4 maggio: mobilitazione straordinaria per l'eutanasia legale
  Ass. Coscioni. Eutanasia: ottomila firme in meno di 24 ore [VIDEO]
  Sabato gazebo radicale a Morbegno
  Eutanasia / Olanda. I casi di eutanasia in forte diminuzione grazie alla legge che l'ha legalizzata
  “Lasciatemi morire”, di Piergiorgio Welby
  Ass. Coscioni. Eutanasia: “155 parlamentari chiedono la calendarizzazione”
  Filomena Gallo. Quota 15.000 per eutanasia legale
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (1)
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 9
  Diritti: “Il parlamento si riscatti con la legalizzazione dell'eutanasia”
  M.A. Farina Coscioni. Sia coerente il sottosegretario Roccella, e proponga la modifica della Costituzione
  Marco Gentili. Ospitalità (mancata) alla Festa Democratica di Trieste
  Mina Welby. Chiediamo una legge sull’eutanasia: il Parlamento risponda
  Associazione Coscioni: Nuova linfa per tutte le iniziative
  300 firme in un giorno: prosegue anche in Valtellina l'iniziativa dei radicali
  Claudia Osmetti. EutanaSIAlegale, una scelta di libertà
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (2)
  Eutanasia a Firenze. Regione Toscana: la fiera delle ipocrisie. La lezione di Giorgio Conciani
  Eutanasia/Ass. Coscioni: salgono a 237 i parlamentari a favore di una discussione e di una decisione
  Testamento biologico: dell’eutanasia si può parlare solo per vietarla!
  Immigrazione – ZeroRifiuti – Eutanasia: “Subito la discussione delle leggi di iniziativa popolare!”
  Valter Vecellio. Commenti in nome della vita (e senza misericordia)
  Marco Cappato. Caso Binetti
  Giovedì 23 maggio si firma nei comuni
  A favore dell'eutanasia? No, ma contro quella clandestina
  “Laiche intese”: A Orvieto, il X congresso dell’Associazione Luca Coscioni
  La morte di mia madre. E quella di Seneca
  Eutanasia. Benedetto Della Vedova: «Un confronto scevro di pregiudizi ideologici»
  “Euthanasia and Law in Europe”. Un libro e un convegno a Bologna
  Eutanasia. Stragrande maggioranza di italiani chiede legalizzazione da oltre dieci anni
  Eutanasia: “Intervenga per garantire dibattito in Parlamento”
  Vuoi far qualcosa per legalizzare l'eutanasia?
  Claudia Osmetti. EutanaSIAlegale, continua la mobilitazione dei sondriesi
  Eluana. Il Parlamento strappa la toga al giudice per indossarla in nome dello Stato etico
  Testamento biologico/Eutanasia. Presentato disegno di legge
  Bruna Spagnuolo: Vita di serie B? No Grazie. Suicidio - omicidio - eutanasia (3)
  Incognite del voto, bullismo e 194
  Eutanasia clandestina. Lo scandalo che non c’è
  Associazione L. Coscioni: Sui diritti civili la Rai non informa o disinforma
  Renato Pierri. Risposta a Giuliano Ferrara
  Eutanasia clandestina. Le istituzioni hanno deciso di non voler sapere
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy