Giovedì , 20 Gennaio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alessandra Borsetti Venier. La diaspora dei terremotati aquilani 
Rassegnazione, indignazione o rivoluzione?
27 Gennaio 2011
 

Il Centro Documentazione Artpoesia Contemporanea “Angelus Novus” dell’Aquila, presenta l’incontro-dibattito: La diaspora dei terremotati aquilani. Rassegnazione, indignazione o rivoluzione?

Giovedì 27 gennaio 2011 ore 17 (Giornata della Memoria) presso la Sala Conferenze dell’Hotel Castello (Fontana Luminosa) - L’AQUILA

 

Ruoterà attorno al caso letterario-politico dell’INDIGNEZ-VOUS!, l’incontro-dibattito “La diaspora dei terremotati aquilani. Rassegnazione, indignazione o rivoluzione” cercando di fare il punto sulla situazione etico-sociale della comunità aquilana stravolta dal catastrofico sisma del 6 aprile 2009.

Scritto dall’ultranoventenne Stéphan Hessel per le edizioni Indigène di Montpellier, è già alla decima ristampa con circa un milione di copie vendute. Questi i titoli dei capitoli: Le motif de la résistance, c’est l’indignation – Deux visions de l’histoire – L’indifférence: la pire des attitudes – Mon indignation à propos de la Palestine – La non-violence, le chemin que nous devons apprendre à suivre – Pour une insurrection pacifique.

Il pamphlet INDIGNEZ-VOUS!, non ancora edito in Italia, sarà presentato in prima nazionale da Antonio Gasbarrini che metterà in rilievo la perfetta assonanza tra l’appello all’“indignazione attiva” rivolto dall’intellettuale franco-tedesco ai giovani francesi e quella corale dei cittadini aquilani riassumibile nella parola d’ordine “Noi alle 3.32 non ridevamo”.

I continui richiami di Hessel alla Resistenza antinazista in Francia e alla Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo (alla cui redazione ha partecipato attivamente), faranno da filo conduttore all’intero incontro-dibattito.

A seguire la proiezione del cortometraggio di Luca Cococcetta Mi fa male (sceneggiatura di Bonifacio Liris, 17’ circa) in cui un cittadino aquilano terremotato, ripreso davanti a uno specchio e nella desolazione più totale, vive e rivive i momenti più acuti della sua indignazione, ma anche la speranza (Hessel insiste molto su questa parola, contrapponendola all’esasperazione), di un rinnovato rapporto dialettico tra un io perdente e un noi vincente.

Marcello Gallucci riattualizzerà il substrato etico-ideologico del libro L’Universo concentrazionario (scritto negli anni Sessanta, ma pubblicato in Italia solamente in quelli Novanta), di un altro intellettuale francese, Daniel Rousset, ampliando la portata della sua analisi condotta per i lager nazisti, ai gulag staliniani e, ai giorni nostri, alle militarizzate tendopoli aquilane.

Spetterà al giovane Federico D’Orazio ricapitolare i momenti più salienti dell’indignazione aquilana incarnata simbolicamente da il Popolo delle Carriole (abbattimento delle grate della zona rossa, rimozione delle macerie, occupazione dell’autostrada, marcia su Roma, occupazione della sede della Giunta regionale abruzzese, SOS macerie di democrazia, ecc.).

La testimonianza scritta di uno delle decine e decine di migliaia di giovani indignati, coinvolti nella rivoluzione pacifica tuttora in corso in Tunisia, sarà data con la lettura di alcuni brani della corrispondenza scambiata sul social network con la cittadina aquilana A. C., molto attiva all’interno del Popolo delle Carriole e dell’Assemblea cittadina in Piazza Duomo.

Alvaro Jovannitti e Fabio Ecca dal canto loro, riannodandosi alla tesi di fondo sostenuta da Stéphan Essel sulla stretta connessione esistente tra l’indignazione e un solidale impegno civico, parleranno rispettivamente della Resistenza antinazista a L’Aquila e dell’attualità della Costituzione italiana ai giorni nostri.

La mostra di testi e immagini che documentano le aberrazione della Shoah, curata da Alberto Aleandri, sarà un’utile occasione per i visitatori per ripercorrere una delle più orribili pagine dell’intera storia del Novecento.

A conclusione dell’incontro-dibattito, coordinato da Pina Lauria, sarà data lettura di una poesia scritta da uno dei 9 giovani martiri aquilani trucidati dai nazisti alle Casermette dell’Aquila il 23 settembre del 1943, idealmente dedicata, per la sua stringente attualità, al “coetaneo” Hessel.

 

Collaborazione ideativa e organizzativa:

Associazione Culturale onlus “Cittadini x i Cittadini”

 

Alessandra Borsetti Venier


Articoli correlati

  Terremoto Abruzzo. Ampliare le case o renderle sicure?
  Valter Vecellio. Reato di sciacallaggio: più che nuove leggi si assicuri la certezza della pena
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Primo Mastrantoni. Appello a Berlusconi
  Luciano Martocchia. Da Annozero all'annozero
  Terremoto. Tremonti Vs No profit
  Bruna Spagnuolo. La terra trema
  Renato Pierri. Scurdammece 'o passato
  Vetrina/ Paolo Ruffilli. Dalle pareti aperte
  Doriana Goracci: Terremoto a sorpresa? rilevazioni annunciavano sua presa.
  Sul terremoto
  Marco Perduca. Terremoto: non c'è bisogno di ulteriori tasse, basta l'8x1000. Che aspetta Berlusconi a chiederlo?
  L’Aquila-Ovindoli. Da domani a domenica, il Comitato nazionale di Radicali Italiani
  Terremoto. Animali domestici. Non dimentichiamoli. Raccolta fondi
  Un miliardo per il terremoto, no, meglio per la Chiesa Cattolica. Cittadini italiani o vaticani?
  L'Aquila. “Non potete restare così...”
  Terremoto Abruzzo. Previsioni: falso allarme da denunciare o metodo scientifico da sostenere? Interrogazione
  Elisa Merlo. Più che 'l dolor potrà 'l timor?
  Terremoto. 8 o 5 per mille: la disinformazione degli zuavi delle gerarchie vaticane
  La tragedia in Abruzzo: avviare il piano di rottamazione del patrimonio immobiliare post-bellico privo di criteri antisismici
  Otto per mille. Rivedere il diabolico meccanismo
  Terremoto Abruzzo. Ripartire con investimenti in democrazia
  Doriana Goracci: Risposta a "Cavallotti" con coordinate per aiutare i terremotati dell'Abruzzo
  Primo Mastrantoni. Terremoto in Abruzzo. Lo Stato che non c'è
  Macerie di democrazia. SOS L'Aquila chiama Italia
  L’Aquila. Una sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia
  Vincenzo Donvito. Terremoto e soldi: Tremonti senza ritegno, conferma la sudditanza al Vaticano
  L’Otto per Mille per ospedali, asili nido, scuole, biblioteche, università in Abruzzo
  Doriana Goracci: L’altra verità sul terremoto in Abruzzo. Il caso Giampaolo Giuliani.
  Paola Mara De Maestri. Vedo il terremoto e ricordo l’alluvione
  L'Aquila/Napoli. Ospedali che crollano con il terremoto, e quelli da evacuare per le eruzioni?
  Valter Vecellio. La situazione: bene le prime case a Onna. Ma...
  Primo Mastrantoni. Terremoto ed election day. Il “pizzo” della Lega
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy