Sabato , 04 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pietro Yates Moretti. Drog@news, il portale dell'informazione scientifica sulle tossicodipendenze
24 Giugno 2010
 

Alcuni mesi fa, il Dipartimento politiche antidroga ha lanciato un nuovo sito Internet di 'diffusione di informazioni sia scientifiche che istituzionali sulle tossicodipendenze'. L'iniziativa, Drog@news, è svolta in collaborazione con il ministero della Salute e l'Unicri (United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute). Il sito si avvale di numerosi collaboratori, oltre 40:

1 addetto alla comunicazione istituzionale

5 membri della Direzione del progetto

1 direttore responsabile

2 coordinatori di redazione

18 membri del comitato scientifico

3 collaboratori tecnico-scientifici

12 membri dello staff di redazione

1 per lo sviluppo grafico

Accipicchia! Cosa produce questo esercito di collaboratori? Una o al massimo due 'notizie' al giorno (rigorosamente feriale). Dico 'notizie' perché in realtà sono 'traduzioni' degli abstract in lingua inglese di alcuni studi sulle tossicodipendenze. E dico 'tradotto' perché neanche la traduzione è sempre così fedele (vi lascio immaginare perché). E ovviamente gli studi in questione sono sottoposti a una selezione severissima: lo studio con 150 pazienti umani e sottoposto a peer-review sulle proprietà terapeutiche della cannabis verrà ignorato a favore dello studio su 20 topi pubblicato da una rivistina scientifica senza alcun processo di peer-review purché supporti la tesi che la cannabis 'buca il cervello'.

Per capire di cosa si parla, facciamo l'esempio con uno studio sottoposto al 'trattamento' della corposa redazione del Dpa e pubblicato proprio ieri.

 

La notizia su Drog@news:

I dottori G. Roberts e H. Garavan della School of Psychology and Trinity College Institute of Neuroscience di Dublino hanno analizzato l’attività cerebrale di alcuni tossicodipendenti che hanno utilizzato ecstasy in modo occasionale, monitorando la loro performance con la Risonanza Magnetica funzionale (fMRI) durante compiti di inibizione del comportamento. Il gruppo di studio ha compreso venti tossicodipendenti (10 femmine) che hanno fatto uso occasionale di ecstasy e cannabis, e venti controlli in persone sane. I partecipanti sono stati sottoposti a scansioni di fMRI durante l’esecuzione di compiti GO/NOGO per determinare la loro capacità di controllo dell’impulsività. Gli studi hanno mostrato che i soggetti che consumano ecstasy e cannabis hanno attivato le regioni cerebrali fronto-parietali di destra durante la corretta inibizione delle risposte, mentre hanno mostrato un’ estesa iperattivazione delle aree temporali, frontali e della corteccia cingolata in caso di errore. L’aumento dell’attività cerebrale nei tossicodipendenti dimostra che la loro inibizione del comportamento richiede un maggior livello di coinvolgimento cerebrale, uno sforzo neuronale per ottenere lo stesso livello di performance dei controlli sani. Questi risultati rivelano un alterato funzionamento delle aree cerebrali necessarie al controllo cognitivo anche nel consumo occasionale di droghe come ecstasy e cannabis, e rispecchiano i risultati già osservati nell’uso cronico di droga.

 

Questo il testo originale scritto dai ricercatori:

Evidence suggests that users of ecstasy (3,4-methylenedioxymethamphetamine) have behavioural and cognitive deficits and show increased impulsivity. Impulse control impairments have been shown to be common to a number of addictive behaviours and may constitute a risk factor for drug abuse and dependence. The aim of this study was to investigate brain activation during response inhibition and performance monitoring in current recreational drug users who predominantly used ecstasy. Twenty drug users (ten female) and twenty healthy controls were scanned during performance of a response-inhibition GO/NOGO task using functional magnetic resonance imaging. No performance deficits were evident. However, the drug user group revealed elevated frontal and parietal BOLD response during successful inhibitions, and temporal, frontal, and cingulate hyperactivity during commission errors. In addition, the users showed reduced deactivation in the default-mode network during task performance.

Whether contributing to or arising from drug use, these results reveal dysregulation in brain regions subserving cognitive control and default-mode processes in current recreational drug users mirroring effects previously observed for “harder” drugs of abuse.

 

Per chi non conosce l'inglese, ecco come la versione 'tradotta' differisce da quella originale:

1. La 'traduzione' di Drog@news utilizza la parola 'tossicodipendente' anche nel caso di consumo ricreativo e occasionale. Una contraddizione peraltro ovvia (evidentemente non al 'traduttore'). Se gli autori dello studio avessero davvero definito 'tossicodipendenti' i soggetti che consumano sostanze occasionalmente, sarebbe stato sufficiente questo a screditarli agli occhi della comunità scientifica. Infatti, i ricercatori utilizzano le parole “abuso” e “dipendenza” solo nella premessa per fare il punto su quello che già sanno su chi è dipendente da ecstasy. Adottando gli stessi metodi, i ricercatori cercano ora di capire se esistono simili ripercussioni non già sui 'tossicodipendenti', ma su chi consuma ecstasy in modo occasionale e ricreativo. È probabilmente un grossolano errore del 'traduttore'... a meno che il Dpa non abbia deciso che chiunque usa cannabis o ecstasy in modo occasionale e ricreativo diventa automaticamente 'tossicodipendente'.

2. Si omette uno dei due principali risultati della ricerca, che aveva anche lo scopo di valutare la performace (ovvero i risultati dei test a cui erano sottoposti i soggetti). Ebbene, i ricercatori (quelli veri) scrivono: «Non è stato notato alcun deficit nella performace». In altre parole, hanno superato i vari test allo stesso modo degli altri partecipanti 'sani'. Chissà per quale motivo questo risultato è stato omesso da Drog@news. Forse la redazione temeva che 'diffondere' questa informazione potesse costituire reato di istigazione al consumo?

3. Si equipara ecstasy e cannabis senza distinzione alcuna. L'abstract parla solo di ecstasy (non menzionando mai la cannabis, citata solo nel titolo). Inoltre i 22 consumatori analizzati «utilizzano prevalentemente ecstasy». Si presuppone quindi che i risultati riguardanti la sola cannabis siano relativi ad un numero ancora più ristretto di partecipanti, difficilmente rappresentativo.

 

Ovviamente la domanda sorge spontanea: quanto costano ai contribuenti tutti questi collaboratori e questo sito? Non bastava una persona, magari con una buona conoscenza dell'inglese?

 

Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc


Articoli correlati

  Roberto Malini. Droga a Genova: una piaga che colpisce i più giovani
  Droghe da strada o psicofarmaci: quali sono più pericolosi?
  Droghe/Ferrero: bene ma teniamo ben presente l'obiettivo della legalizzazione
  Vincenzo Donvito. L'irriverente. Tossicodipendente muore per overdose in carcere
  Marco Perduca. Adesso Renzi smantelli il Dipartimento politiche antidroga
  Radicali. Droghe: Napolitano ha parlato invano?
  Droghe: sistema nazionale allerta
  Pietro Yates Moretti. Il cacciatore che sceglie la vita
  Sulle droghe all'ONU son d'accordo di non esser d'accordo. Molto meglio così
  Rita Bernardini: Cambiamo verso alle politiche sulle droghe?
  Sergio Stanzani. Ministro Riccardi, si continua con la criminogena politica proibizionista alla Giovanardi?
  Vincenzo Donvito. Droga, droga delle mie brame, chi è il più diligente del reame?
  Vincenzo Donvito. Legalizzazione droghe: agire sul piano internazionale
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy