Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maurizio Bolognetti. Elezioni regionali fuori legge 
I Radicali non mollano e chiedono la commissione d'inchiesta anche per la Regione Basilicata
12 Maggio 2010
 

In occasione della prima seduta del Consiglio regionale della Basilicata, l’Associazione Radicali Lucani ha inviato al Presidente della Giunta regionale Vito De Filippo (foto) e ai Consiglieri regionali una lettera per chiedere l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sulle ultime elezioni regionali e, in genere, sulla negazione dei diritti civili dei cittadini durante la fase elettorale, anche allo scopo di promuovere tutte le azioni necessarie ad impedire che in futuro si faccia ancora strame di diritto e di democrazia.

Il Consiglio regionale, in aperto contrasto con le raccomandazioni del Consiglio d’Europa, ha modificato la legge elettorale il 19 gennaio e poi ancora il 4 febbraio 2010. Il Consiglio D’Europa, gioverà ricordarlo, suggerisce agli stati membri di «non modificare gli elementi fondamentali del diritto elettorale nell’anno che precede le elezioni». Il Consiglio regionale della Basilicata, con provvedimento tra l’altro valutato anticostituzionale, ha modificato la legge elettorale a pochi giorni dal deposito delle liste e a poco più di un mese dal voto.

Per l’ennesima volta la campagna di raccolta firme in calce alle liste è stata caratterizzata da numerose illegalità documentate dai giornali lucani. Clamorosa la denuncia del Consigliere De Lorenzo, che ha dichiarato che il suo nome è stato depennato dalla lista del PDL a poche ore dalla presentazione della stessa. Non meno incredibile quanto da noi documentato con un’inchiesta telefonica sul funzionamento degli uffici elettorali di numerosi Comuni lucani; in alcuni casi ci siamo sentiti rispondere che l’ufficio elettorale era chiuso. Dulcis in fundo resta tutta da chiarire la vicenda da noi denunciata sabato 27 febbraio, quando ci siamo resi conto che dal tribunale di Potenza si poteva entrare ed uscire liberamente ben oltre le ore 12:00, orario ultimo fissato per la presentazione delle liste. Lo stesso Tribunale di Potenza, con decisione contrastate con quanto disposto dai giudici di Milano, ci ha poi impedito di poter aver accesso alle liste depositate.

Ci auguriamo che il Consiglio regionale voglia onorare la sua funzione, istituendo una Commissione d’inchiesta che faccia luce su situazioni di illegalità da noi reiteratamente denunciate, che si sono tradotte nell’ennesima grave ferita inferta alla democrazia, ai diritti civili e politici dei cittadini italiani e nella negazione, di fatto, del diritto di elettorato passivo e attivo.

 

Maurizio Bolognetti
Direzione nazionale Radicali Italiani


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy