Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Teramo. Pillola del giorno dopo: ancora vincono le resistenze dogmatiche vaticane
17 Gennaio 2010
   

Le negano la pillola del giorno dopo e lei denuncia la Asl chiedendo un risarcimento di mezzo milione di euro.

Una donna della provincia di Teramo divenuta madre suo malgrado ha dovuto anche far fronte alla decisione del partner di non riconoscere il bambino nato da quel rapporto sessuale, durante il quale il preservativo si ruppe. Inutile il pellegrinaggio tra strutture sanitarie e ambulatori medici presso i quali ripetutamente la Norlevo le fu negata per ‘obiezione di coscienza’. Le resistenze dogmatiche e ideologiche di ispirazione vaticana hanno avuto la meglio vietando, ancora una volta, a una cittadina italiana di decidere sulla sua vita.

Da circa quarant’anni noi Radicali ci battiamo per un’educazione sessuale responsabile affinché la scelta di una maternità e paternità sia voluta e cosciente.

Ma Governo e istituzioni di turno continuano impererriti a far orecchio da mercante in merito a un tipo di contraccezione definita scientificamente ‘di emergenza’ (non è prevista perciò alcuna ricettazione specialistica) e considerata in gran parte dei paesi europei farmaco da banco, reperibile in tutte le farmacie. Nulla a che vedere con la ‘pillola abortiva RU486’, il cui uso è finalizzato, nell’interruzione di gravidanza, a evitare raschiamenti o altri interventi invasivi, la Norlevo agendo a monte impedisce il concepimento.

Del resto la piaga della ‘pillola negata’ è stata una realtà già messa a fuoco nel 2008 da una video-indagine dell’Associazione Radicali Roma, da cui si evincevano le clamorose difficoltà a cui numerose donne sono costrette ritrovandosi spesso vittime di umiliazioni gratuite, convenzionali e che di umano nulla hanno. L’ormai obsoleta scusa dell’obiezione di coscienza, prevista solo dalla legge 194 sull’aborto, non è la soluzione ma la negazione di una libertà individuale con cui a fare i conti sono i diretti interessati ma anche Governo, istituzioni, enti che irresponsabilmente continuano a promuovere politiche di regime tanto dannose quanto disonoranti.

 

Massimiliano Iervolino, Direzione Nazionale Radicali Italiani

e Liliana Chiaramello, Segretaria Radicaliperugia.org

(da Notizie radicali, 15 gennaio 2010)


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Moratoria aborto: ma di che stiamo parlando?
  A quando il test di gravidanza per l'aspirina?
  Contraccezione d'emergenza. Il Paese di Pulcinella
  Pillola del giorno dopo alle parlamentari: grazie, e che serva per abolire la ricetta!
  Marco Cappato. Il voto contro l'aborto è quello alla lista Bonino-Pannella
  Mozione per la procreazione cosciente e responsabile
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Pillola del giorno dopo e Ru486. Obiezione coscienza e farmacisti
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Pillola del giorno dopo. A Udine medici obiettori non vogliono rispettare la legge
  Domattina, conferenza stampa su consultori e “pillola del giorno dopo” a Roma
  Libertà della donna secondo Ruini
  Aborto. La contraccezione è l'unica moratoria
  Il presidente di Laziosanità ignora clamorosamente la differenza fra pillola del giorno dopo e pillola abortiva
  Poretti e Rovasio: «Inserire anche la pillola del giorno dopo tra i medicinali senza ricetta»
  Pillola del giorno dopo. Potrebbe presto divenire illegale?
  Contraccezione e procreazione responsabile. Bene la campagna della Puglia
  Pillola del giorno dopo. Aduc a Movimento per la vita: «Ecco perché fate disinformazione»
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Pillola del giorno dopo. Una volta le leggi le faceva il Parlamento, ora le fanno le Asl...
  Pillola del giorno dopo e obiezione di coscienza. Bene la Toscana
  Valter Vecellio. Il Vaticano impazzito
  Radicali Roma. Pillola del giorno dopo: soddisfazione per no ad archiviazione
  Mirella Parachini. Una proposta che contenta tutti
  Pillola del giorno dopo. Sempre più difficile riuscire a farsela prescrivere
  Pillola del giorno dopo. Ancora boicottaggi e reati penali da parte dei medici
  Vincenzo Donvito. Contraccezione emergenza: Ok Ue per pillola 5 giorni dopo senza ricetta
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Legge 194. Guerra ai diritti delle donne
  Obiezione di coscienza e farmacisti. Solo in un mercato libero si può pensare di scegliere i prodotti da mettere in vendita
  Pillola del giorno dopo. Guida pratica contro il fondamentalismo religioso
  Benvenuta anche alla Federazione degli ordini dei medici sulla pillola del giorno dopo!
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy