Lunedì , 22 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Flavio Ermini. Esistenza e libertà 
Va letto con grande attenzione l'ultimo libro di Giuseppina Rando
Flavio Ermini
Flavio Ermini 
15 Marzo 2017
 

Nell’opacità di questa vita ci muoviamo in preda allo smarrimento, tanto che risulta difficile approdare a un senso. Così numerosi sono gli ostacoli, che siamo indotti non ad affermare la vita, bensì a negarla, a ferirla continuamente con l’indifferenza e con la noncuranza. Niente sembra allentare la morsa della nostra solitudine e della disperazione.

Davanti a tanta sofferenza, Giuseppina Rando ci chiede, con Geometria della rosa, di aprire i nostri cuori alla speranza di un cambiamento, segnalandoci che una diversa realtà è a portata di mano ed è raggiungibile grazie alla conoscenza, che «rivela ed occulta / divino e umano / in veglia e sogno / vita e morte».

Con i suoi versi l’autrice illumina i paesaggi dell’anima nei loro aspetti perduti o semplicemente celati, rivelando ai nostri occhi una dimensione di eternità all’interno dell’unica vita di cui si possa parlare, nel suo alternarsi del giorno e della notte, e delle stagioni, e del desiderio d’amore che ritorna sempre con uguale intensità. Svela Giuseppina Rando: «Sono le parole che hanno il potere di condurre nelle prossimità dei segreti dell’anima».

I mortali si muovono perché non stanno bene dove stanno, e tendono a colmare i loro desideri con il cammino. Tra essi costantemente convergono, sfiorandosi e unendosi, e nuovamente sciogliendosi. Da questo movimento scaturisce il costante nascere e perire della vita; il fiorire e l’appassire, e ancora un nuovo risveglio dopo la rigidità invernale. È vero che la tendenza a cadere, a rovinare non è una situazione occasionale o accidentale della vita, ma che le appartiene, come una sorta di forza di gravità. Ma è anche vero che niente è stabile e permanente, così come non esistono, in sé, notte e giorno, cielo e terra. Queste divisioni non appartengono alle cose, ma alla nostra incapacità di vedere le cose stesse nel loro insieme.

Giuseppina Rando, nel suo rimpianto di un paradiso perduto, vuole impossessarsi fin da quaggiù, con il lavoro poetico, dell’innocenza che è stata rifiutata dall’essere umano. Ci dice che la vita non è divisibile perché ciò che è sempre in opera è tutta la vita, l’esistenza nella sua totalità. In Geometria della rosa il contenuto vitale è preminente. La vita qui ha l’unica esigenza di dare il benvenuto alla vita. E, con essa, a «una gioia // che vuole sopravvivere / al dolore».

Queste poesie non si costituiscono solo come la tessitura di una poetica, ma anche come il ritmo dell’esserci, l’avventura di un’emozione. Si precisano come un colloquio che s’istituisce tra prossimità e alterità.

Tale rovesciamento del senza fondo (ovvero del fittizio) in fondamento non si dà autonomamente, ma chiede una decisione: la decisione di sprofondare nell’esistenza. Ed è ciò che Giuseppina Rando ribadisce accanitamente in questo libro, testimoniando che il mortale è l’essere in cui l’esistenza precede l’essenza e la determina. Esistenza e libertà, pensate coerentemente insieme, ci impongono di inventare in ogni momento la nostra vita, decidendo che farne; ci espongono all’incombenza di un continuo progettarci. Insomma non è una libertà astratta, la nostra, ma è sempre calata – ci segnala l’autrice – nel mondo delle cose, in una condizione “in-sé”. L’atto di scegliere l’amore, per esempio, si contrappone al senso comune, convertendolo a nuovi perturbanti valori, «come a notte / nel disordine del sogno».

La poesia non è uno strumento d’illusione. Al contrario ci svela che sulla scena del mondo hanno fatto incursione tanti mostri che si propongono di fare scempio delle nostre vite. Sono i mostri dell’aggressività e della distruzione. La loro violenza ci spinge tra le «ombre di una notte che non ha inizio al tramonto né fine all’alba». Tanto da rendere legittima la domanda: «Risalirà mai l’umanità / dall’abisso nero delle croci?». La tecnologia sta trasformando il mondo in un grande campo di concentramento, dove l’uomo è condannato al conformismo e sta perdendo la capacità razionale di conoscere, di agire, di scegliere in modo autonomo.

La marcia trionfale della tecnica può essere interrotta solo dal nostro affidamento reciproco, affidamento che – lontano dagli schermi luminosi dei computer – nutre le profonde amicizie on abbracci e strette di mano, nella passione dei corpi, nello starsi accanto, nel reciproco -aver-bisogno.

Va letto con grande attenzione questo libro. Ci parla della modulazione più alta che può raggiungere una relazione d’amore: l’affinità nel sentire. Nell’amore per il prossimo e per l’Altro si diviene intimi al mondo, e molteplici sono i modi, le forme, le manifestazioni di questa intimità. Lo si è nel coltivare un giardino, nell’accudire un neonato, nel condividere un dolore prestando ascolto alla «voce dolente / dell’umano». Si sperimenta in tal modo come l’amore non sia possesso, ma al contrario un modo di rendere vivibile il mondo persino laddove è atroce vivere.

 

Flavio Ermini

 

 

Giuseppina Rando, Geometria della rosa

Aletti Editore, 2017, pp. 100, € 12,00


Articoli correlati

  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Pina Rando. A Patrizia
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Giuseppina Rando. Un clone
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Giuseppina Rando. Misura
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Milano: Le riviste letterarie. Un incontro
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  In libreria/ Aurelia Delfino. Danze
  Sulla danza
  Flavio Ermini. L’ascolto del testo
  La tâche terrestre des mortels. Poésies 2002-2009
  Patrizia Garofalo. “Essere il nemico” di Flavio Ermini
  Giulio Marzaioli: Sul libro “Plis de pensée” di Flavio Ermini recensito da Alessandro De Francesco
  Flavio Ermini. La persistenza dell’aurora
  Flavio Ermini. Il giardino conteso
  Franc Ducros: Prefazione a Flavio Ermini, Plis de pensée.
  Ivana Cenci: Sulla necessità della parola poetica.
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  La verità dell’ombra, l’ombra del dire
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Vetrina/ Flavio Ermini. Il totem che cade e cade
  Flavio Ermini. La poesia non è un genere letterario
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Per “Karlsár” di Flavio Ermini
  Rosa Pierno. “Il matrimonio del Cielo con la Terra” di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Su “Karlsár” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini, Plis de pensée. Recensione di Alessandro De Francesco
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Spot/ Cierre Grafica con Anterem Edizioni e Poesia2.0: Opera prima
  “La parola poetica, vicina alla verità”. Incontro con Flavio Ermini
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  Galleria Peccolo. “Action Poetry”: Conversazione con Flavio Ermini
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  In libreria/ Flavio Ermini, Il compito terreno dei mortali
  Lorenzo Montano: Viaggio attraverso la gioventù. Postfazione di Flavio Ermini. Moretti & Vitali editori
  Spot/ Flavio Ermini: L'esperienza poetica del pensiero
  “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Riviste/ Anterem 81. Poetiche del pensiero
  Flavio Ermini. L’altare dei sacrifici e il giardino destinato alla vita
  Giuseppina Rando. Impensato
  Giuseppina Rando. “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  L'esperienza poetica del pensiero. Il numero 80 di “Anterem”
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Eventi/ Roma: Ritratti di Poesia
  Della spiritualità della terra e del seme della parola. Duccio Demetrio e Flavio Ermini
  In libreria/ Patrizia Garofalo. L’abbaglio ideale delle rose
  Patrizia Garofalo. La parola numerosa di Flavio Ermini
  Patrizia Garofalo. Breve nota alla parte sesta de “Il giardino conteso” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. Riflessioni su una poesia di Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. “Della fine” di Flavio Ermini
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Flavio Ermini, Il moto apparente del sole. Storia dell’infelicità.
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy