Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Angelo Andreotti. A tempo e luogo 
“Passepartout” - Recanati, 18/02/2017: la presentazione di Renato Pasqualetti
(foto P. Garofalo)
(foto P. Garofalo) 
20 Febbraio 2017
 

Sono certo che l’incontro di questa sera in cui si presenta un autore e in particolare una sua opera, sarà certamente piacevole e di arricchimento culturale e umano per ognuno di noi.

Angelo Andreotti, uomo schivo e riservato, è, infatti, un intellettuale di tipo classico, di quasi sessant’anni, che si è laureato all’Università di Bologna in Filosofia seguendo l’indirizzo estetico, cosa che mi sembra di poter dire abbia influenzato tutto il suo impegno e le sue opere. E filosofia ha insegnato negli anni che hanno seguito la sua laurea.

Per tutta la vita, come dicevo, il suo lavoro e il suo impegno culturale si sono svolti essenzialmente su due terreni:

quello dei beni culturali materiali, alle arti figurative; Angelo, infatti, oltre ad altri incarichi e impegni in questo campo, dal 2014 è dirigente dei Musei di Arte Antica e Storico scientifici del territorio di Ferrara ed era già stato Direttore delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di quella città

e quello della letteratura, con un personale impegno nella scrittura creativa con importanti pubblicazioni, di cui hanno curato la critica e le recensioni numerosi autori. Le opere principali sono:

  • Porto Palos, Book, 2006 - prosa poetica

  • La faretra di Zenone, Corbo, 2008 - poesie

  • Nel verso della vita, Este, 2010 - poesie

  • Parole come dita, Mobydick, 2011 - poesie

  • Dell’ombra la luce, L’arcolaio, 2014 - poesie

  • Il guardante e il guardato, BookSalad, 2015 - romanzo

  • A tempo e luogo, Manni, 2016; di cui parleremo specificamente questa sera.

In 30 anni dal 1986 innumerevoli, poi, sono state le partecipazioni attive a Convegni, Seminari e Docenze e le pubblicazioni di saggi e monografie, che sarebbe troppo lungo elencare e che un luogo delizioso, ma raccolto come “Passepartout”, che ringrazio a nome di tutti per l’ospitalità, farebbe fatica a contenere.

Comunque, la sintesi della biografia dell’autore che incontriamo questa sera può essere così raccolta: una vita interamente dedicata all’arte e alla bellezza con grande professionalità e sincera passione, che in tempi di pressappochismo e disinteresse non è certamente poco…

 

Ciò detto, vi proporrei di organizzare l’incontro con A tempo e luogo, l’ultimo libro di poesie, pubblicato da Angelo, in questo modo:

  • dapprima sarò io a dire due parole per introdurre l’opera;

  • poi ascolteremo se ci sono domane e curiosità da rivolgere ad Angelo;

  • inoltre, lascerei a lui la parola per descriverci la sua opera, anche leggendone alcuni brani;

  • infine, se ne avremo voglia, potremo intrecciare una breve discussione.

 

A tempo e luogo è un libro di 60 componimenti poetici edito nel 2016 dalla casa editrice Manni di Lecce. Approfitto dell’Overture (proprio così si chiama…) del libro per introdurne il suono e i contenuti.

Dove il sole dal fiume al crepuscolo

Incendia l’orlo rose delle nubi,

mentre il v ento tra i campi si allarga

distrattamente oscillando riflessi

sull’acqua che trema di buio…

 

Dove gli istanti si rubano il tempo

Fuggendo in luoghi remoti,

e tutto bruciano, e nulla lasciano

a riposare, a prendere fiato

in quest’alba più antica del sole…

 

Dove le nuvole a picco sugli occhi

Sfilacciano in azzurra evanescenza

Scivolando in un mondo invisibile

Come dalla pienezza del tempo

Svanisce pl’attimo, la sua intenzione…

 

Dove la compostezza della quercia

Squarcia la quiete di quell’orizzonte

Abbreviando lo sguardo, e ferma

La dispersione nella lontananza

Di una pianura arresa all’infinito…

 

Dove la casa si sveglia di noi

E inizia il giorno che finì all’aurora,

riconoscendo negli occhi le mani

che tanto hanno pescato dal fondo della notte…

Premesso che non sono un critico letterario, quello che da lettore maggiormente mi ha colpito nel libro di Angelo, nei suoi versi è stata la presenza della casa, i suoi rumori, le voci, le sue stanze, le chiavi. Una casa come luogo della memoria e del presente, da cui, attraverso cancelli e giardini, escono sensazioni, sentimenti, stati d’animo, percezioni e in cui entrano la natura e il tempo che la circondano.

Una dimora con stanze ad arieggiare dove ancora

risuonano voci ad esclamare nomi chiamati,

e rimorsi

a chiudere sbattendo la porta.

Una casa che pianta più a fondo le radici, come l’albero che compare in altri versi sempre di questo libro, una casa che sembra essere l’anima, il pensiero di chi traccia questa composizione poetica, o addirittura lo stesso poeta che, immerso nel luogo e nel tempo, li osserva e si attrezza per ri/collocarli attraverso un attivo silenzio.

E il luogo è la natura, una natura selvaggia: un bosco, le nuvole, la pianura; e il tempo è fatto contemporaneamente di attimi e di momenti lunghi.

La natura è quella del piccolo pulsante particolare e quella immensa dell’universo mondo, ma da cui, comunque, sembrano scomparire la città moderna, il cemento, il traffico…

Il tempo è quello di uno scorrere pacato, mai frenetico o incalzante, capace di vivere gli uomini e gli eventi e non di consumarli voracemente. Un tempo che sembra passare e andare avanti, ma che forse è fermo in un eterno ritorno

E ciò che sintetizza meglio e di più tempo e luogo mi è apparso il fiume che, nel suo scorrere, tiene assieme le due cose.

È che in fondo tempo e fiume si assomigliano

Entrambi scorrono

Restando

Nel punto esatto da cui se ne sono andati.

E, oltre al suono affascinante che promana dalla poesia di Angelo, se ci può essere un pensiero che lega l’intera opera, questo mi è apparso la volontà di rimettere tutto in ordine ‘a tempo e luogo’, attraverso la stesura, il lavoro faticoso di versi silenziosi e densi di significati.

 

Ma ascoltiamo brevemente chi con più mestiere di me ha commentato A tempo e luogo.

 

Varie e impegnate, infatti, sono state le recensioni a A tempo e luogo, e vorrei in apertura proporvi quella della nostra comune amica Patrizia Garofalo, che, non potendo essere presente, mi prega di salutare tutti.

 

Sentita Patrizia, mi fa piacere esporvi alcuni dei passi che mi sono sembrati più significativi e che commentano ulteriormente il testo che stiamo presentando, delle numerose e autorevoli critiche e riflessioni che sono apparse sul libro di Angelo.

 

È una poesia sommessa, ricca di tonalità e di movimenti allegorici quella che segna l’ultima silloge di Angelo Andreotti A tempo e luogo, dice Pina Rando. Una poesia che lascia affiorare ricordi e riflessioni tra parola e silenzio, un colloquio ininterrotto di pensiero e liricità. Una poesia conscia dell’esistente, dell’essenza dell’esistenza e quindi rimandante a ciò che ci circoscrive, ci avvolge e ci domina: il tempo e lo spazio. Tempo e spazio coniugati nella dimensione personale dell’autore, dal suo giudizio ed esperienza umana e poetica.

 

C’è un pudore, una reticenza alla nominazione delle «cose», aggiunge Giorgio Linguaglossa (critico letterario e poeta a sua volta; fondatore, tra l’altro dell’autorevole quadrimestrale di letteratura Poiesis), giacché qui non ci sono veramente delle «cose» riconoscibili ma astrazioni, oggetti rarefatti… I testi del poeta ferrarese non dicono mai «ecco, questo è il problema», «questa è la cosa», «questo è ciò ch’io voglio» e così via, insomma, non dicono mai le cose in modo diretto.

 

E, infine, Lorenzo Spurio (poeta e critico letterario lui stesso, nostro corregionale di Jesi) annota che la poetica di Andreotti è un mare magnum di espressioni che con perizia e ricorrenza s'imperniano nella meticolosa resa di immagini e situazioni nella forma di un limite: un varco da passare, un baratro sconosciuto, un abisso provvidenziale, un'apertura potenzialmente salvifica.

Inoltre, nella poetica di Andreotti è evidente quanto il tempo, ossia la riflessione sul tempo, possa essere condotta in maniera serrata e vigorosa partendo dalla considerazione che esso c’è, non visto, anche per chi non se lo pone come dilemma o come costruzione astratta da discutere ed elaborare in termini razionali.

 

Ecco perché l'autore (e questa mi sembra la migliore conclusione di questa breve introduzione) non poteva rendere in termini sintetici al meglio del titolo che ha scelto per l'opera: A tempo e luogo.

 

Renato Pasqualetti


Articoli correlati

  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  “Il guardante e il guardato”
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos
  In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Angelo Andreotti. Le viol
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Recanati Art Festival à la culture
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Giuseppina Rando. Il cuore segreto delle cose
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy