Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
(foto di Tiberio Zucchini)
(foto di Tiberio Zucchini) 
30 Ottobre 2014
 

Nell’aria là non si giace stretti.

(Paul Celan)

 

Vengono gli angeli

e alla tua porta bussano.

(Angelo Andreotti)

 

Da che l’Angelo mio più non mi veglia,

da che lo espulse, dopo l’alba, il giorno,

il nostalgico volto ei spesso inclina

verso la terra: e più non ama il cielo.

(Rainer M. Rilke)

 

Il senso del volo non è dove andare, ma è come farlo.

Farlo senza più saperlo.

(Angelo Andreotti)

 

 

Nella poesia di Angelo Andreotti, l’esilio del vivere si apre alla ricerca continua di una parola rinnovante una meravigliata scoperta della luce che dall’ombra si delinea, prende forma, diventa aurora e rinascita, poiché già nel primo incontro con l’ombra «sentì mancarsi / e si mancò, / […] / si fece mondo / e per sempre incarnata fu anche spazio». Una sorta di capovolgimento del mito di Orfeo ed Euridice, così caro al poeta, dove l’amore nel quale ombra e luce convergono, sono sguardo che non sciupa, né vìola l’ordine dell’esistere.

Un poemetto d’amore che fa spazio al necessario silenzio “non detto” come luogo entro il quale si coniuga la tacita preveggenza dell’àugure, che poi è sguardo poetico in grado di accompagnarci e mostrarci “dell’ombra la luce”.

E non è oscura l’ombra ma il destino umano che ogni giorno ci apre al mondo nell’alba che “sgroviglia” la notte, che nel suo sopraggiungere ci riporterà a disfare la tela per nuovi orditi. Ogni giorno un mondo «nella parola imparata da capo, benché nulla sia prescritto, benché nulla venga aggiunto», che continua e «si intrattiene in silenzio» a mostrare lo scorrere del tempo nella sinergia perfetta di un indissolubile amore che dall’ombra riporta luce, profumi, colori, riverberi, screziature in una complicità tra ragione e cuore, cercata, voluta e trovata nel timore di smarrirsi («benché entrambe si stiano abbracciando / a parole spogliate nel buio»). Una sintesi che si «mèndica», tanto è forte l’esigenza al punto di meravigliarsene e quindi cogliere «l’errante profezia dell’alba». Essa più che metafora di vita è «corpo e carne» ai nostri risvegli, «dipana i sogni» (come già scrisse in Porto Palos, Book, Castel Maggiore 2006), rallegra la fine di notti insonni, consola l’inizio di un partire nuovo pur consapevole del limite, sosta sulle soglie, dove si apre lo spazio del silenzio che lì si trova in un’attesa insperata (ma forse neppure attesa) di essere detto. Fino alla coscienza del buio, quasi trepidante nell’indugio di «denudarlo», di guardarne anche il vuoto con lo smarrimento del tempo che passa. Una luce trema da una porta mal chiusa prima che proprio dal buio si delinei l’essenza silenziosa di altro da noi, eppur così tangente al nostro vivere.

«Di te le cose parlano», scrive Andreotti. Colori e musica e pittura quasi tacitano la parola, e alto e quasi sacrale è il ritmo di questo poemetto, uno scritto impregnato di silenzio, e dal silenzio sembra delinearsi il mondo del poeta che coglie il volo degli uccelli nelle sfumature di un tempo anche nostro. «Si potrebbe anche dire che se il finito è oggetto di conoscenza, l’infinito è invece oggetto di sentimento. E stupisce», scrive in Il silenzio non è detto. Frammenti da una poetica (Mimesis, Milano-Udine 2014), che fa da corollario a Dell’ombra la luce.

 

Patrizia Garofalo

 

 

 

Angelo Andreotti, Dell’ombra la luce

L’Arcolaio, Forlì 2014, pp. 95, € 11,00


Articoli correlati

  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  “Il guardante e il guardato”
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos
  In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Angelo Andreotti. Le viol
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Recanati Art Festival à la culture
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Giuseppina Rando. Il cuore segreto delle cose
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy