Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
È la lettura d’oggi: Etty Hillesum 
A cura di Barbarah Guglielmama
15 Agosto 2014
 

Dopo questa notte, ho ritenuto per un attimo, in tutta onestà, che si commetterebbe peccato, se in futuro si sorridesse ancora. Ma più tardi ho pensato che qualcuno è partito sorridendo, anche se non sono stati molti. E in Polonia, forse, qualche volta qualcuno sorride ancora, anche se in questo trasporto non sono in molti a sorridere.

 

 

La pubblicazione Una piccola voce a cura della casa editrice Via del Vento di Pistoia (traduzione di Francesca Degani e Ilona Merx), in 2000 esemplari numerati, ci indirizza una lettera di Etty Hillesum, scrittaci dal campo di transito di Westerbock, il 24 agosto 1943 dove la stessa autrice ‘collabora’ prestando il suo aiuto e il suo soccorso alle persone che lì vivono. Ci fa incontrare le persone che lei stessa ha incontrato, prima di essere a sua volta deportata ad Auschwitz il 7 settembre.

 

«Vi ho detto che le parole e le immagini non sono sufficienti per descrivere notti come questa. Ma devo provare a scrivere qualcosa per voi, perché siamo occhi e orecchie di un pezzetto di storia ebraica, e qualche volta sentiamo il bisogno di essere anche una piccola voce. Dobbiamo informarci reciprocamente di ciò che avviene negli angoli più reconditi di questo mondo, e ciascuno deve contribuire con un minuscolo frammento, per poter formare alla fine della guerra un mosaico che copra il mondo intero».

«Devo scrivere tutto rapidamente e alla rinfusa; più tardi non ne sarò capace, perché penserò che non sia stato vero, già ora sembra una visione che va allontanandosi da me».

«I lattanti erano la cosa peggiore. E quella ragazza paralizzata, che non voleva portare con sé nemmeno un piatto, e che trovava così difficile morire. E quel ragazzo spaventato: pensava di essere al sicuro, ma si sbagliava, improvvisamente gli era stato detto che doveva partire, aveva perso la testa ed era scappato. Gli altri ebrei hanno dovuto dargli la caccia, perché se non l’avessero trovato, sarebbero state deportate decine di altre persone al suo posto. Lo hanno trovato abbastanza in fretta in una tenda, ma nonostante questo..., nonostante questo anche altri hanno dovuto partire, per dare un’agghiacciante ammonizione».

«E perché non avrebbe potuto essere colpito un binario ferroviario, impedendo al treno di partire? Una cosa del genere non è mai accaduta, ma a ogni partenza tutti sperano con ostinazione».

 

«Ma questa notte vesto tutti i neonati, e parlo alle madri per calmarle, e lo definisco un ‘aiuto’; e potrei quasi maledirmi per questo, perché sappiamo che i nostri malati e i più indifesi dovranno sopportare la fame, il caldo e il freddo, la mancanza di un riparo e la rovina; e tuttavia li vestiamo e li accompagniamo ai miseri carri di bestiame, e se non riescono a camminare li trasportiamo in barella. Che cosa sta succedendo qui, in quale misterioso e terribile meccanismo siamo caduti? Non pensiamo di sbarazzarci di questa domanda semplicemente rispondendo che siamo tutti codardi. Non siamo così insensibili. Ci troviamo di fronte a questioni più profonde...»

«Una ragazza mi chiama. È seduta dritta sul letto con gli occhi sbarrati. Ha i polsi sottili e un visino magro e trasparente. È parzialmente paralizzata, aveva appena ripreso a camminare fra due infermiere, un piccolo passo dopo l’altro. “Hai sentito, devo partire”, bisbiglia. “Come, devi partire?” Ci guardiamo un attimo, senza parlare. Non ha più viso, ha soltanto gli occhi. Alla fine dice con una vocina atona: “È un peccato, eh, che tutto quello che hai imparato nella vita sia stato vano” e “com’è difficile morire, vero?” Improvvisamente l’innaturale rigidità del suo visino viene scomposta dalle lacrime...

Nell’angolo del lavatoio c’è una donnina che stringe fra le braccia una bacinella colma di biancheria gocciolante. Mi afferra. Ha l’aria stranita. Mi rovescia addosso una cascata di parole. “Non si può, com’è possibile, devo partire e per domani la mia biancheria non si sarà nemmeno asciugata”».

«Quando dico che quella notte mi trovavo all’inferno, che cosa significa per voi questa affermazione? Nel cuore della notte me lo sono detto ad alta voce, con una certa lucidità: “Ecco, ora sono proprio all’inferno”».

«Da ieri il treno divide il campo in due: una triste fila di vagoni merci desolatamente vuoti, con davanti e dietro una carrozza passeggeri per il plotone di accompagnamento.

“Mio Dio, gli sportelli si chiuderanno veramente tutti? Sì, si chiudono. Si chiudono sulla massa di persone schiacciate e spinte indietro nei vagoni merci. Attraverso le strette aperture in alto si vedono teste e mani, che quando il treno si mette in movimento fanno cenni di saluto”.

Mi guarda a lungo in silenzio con aria indagatrice, e poi esclama con voce accorata: “Come vorrei nuotare nelle mie lacrime verso un mondo migliore”».

 

E sono questi i versi della vita, che ci parlano...

 

E, come cantavano allora:

Ich kann es nicht verstehen daß die Rosen blühen

(“Non capisco perché le rose fioriscano”).

 

 

 

Etty Hillesum, Una piccola voce

Traduzione di Francesca Degani e Ilona Merx

Postfazione e note di Fabrizio Zollo

Via del Vento, pp. 36, € 4,00


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy