Giovedì , 28 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos 
Il tempo in cui abitare non sarà mai Itaca
27 Aprile 2010
 

«l’uomo ha sempre qualcosa da essere»

Heidegger, Essere e tempo

 

«Abbandoneremo la voce, là, dove i significati si perdono inseguiti da un pensiero, lo stesso di sempre espresso tutto d’un fiato e fallito per troppa diligenza, o per assenza di canto»

(da Porto Palos)

 

 

Porto Palos è prosa poetica di un viaggio esistenziale che offre al tempo, la meditazione di sé e allo spazio, angoli dove la parola, tra il dirsi e il ritrovarsi, mantiene tesa e vibrante la corda nel coniugare, pur in un possibile sbilanciamento tra passato e futuro, l’essenza viva di “percepire se stessi nell’oggi”.

Porto Palos è anche dalla sua etimologia “palus”, palude, deriva della parola, sprofondamento, naufragio, immobilità, affissione del tempo-dolore all’anima muta, morte emorragica, svuotamento che spingono alla ricerca e scelta di “un altro andare” anche se cibati di dolore e nostalgia o “abissalmente” abdicati alla vita. «...tragittiamo incerti, trascorriamo, e così ci trasformiamo da confidenti distratti di ricordi in memoria pendenti nell’aria, sollevati appena».

Con un raccolto differimento del sé, l’autore rimanda a continue soste e successive partenze, “il raggiungimento della meta” e con vari registri poetici ne sottolinea la necessità. Egli si affida ad un intensa apertura esistenziale con graduale confidenza e viaggia con la parola nell’alterna vicenda umana dove il destino imperscrutabile è spesso disperso in una progettualità futura che sconcerta il passato e ignora “il conoscersi nel presente”. La casa del tempo, rifugio e verità, tentativo e meditazione, sfugge l’approdo, in un sincero convincimento di un succedersi “oltre il predefinito storico” in una poesia che «vede l’equilibrio tra l’istante che viene e l’istante che va, nell’istante che resta ma non basta a rassegnare conforto».

«…mentre la sera ci sorprende ancora intenti all’attesa di un senso che ci prenderà senza comprensione, noi vaghiamo e frughiamo buio e stelle, e impazienti e snervati scivoliamo in sogni che poi scordiamo».

Sfiniti dall’aspettativa di un miglior tempo, scoloriamo albe e notti e disegniamo progetti senza accorgerci che «non è tempo, non è più tempo per un’idea che sia la costruzione lenta di un deserto, il luogo aperto di un giardino, il fiorire sensato ancora di un’altra idea». Né leopardiana trepidazione dell’attesa, né fissità della memoria; sono due i binari che invece scorrono paralleli nel testo di Angelo Andreotti, una ricerca del presente come conoscenza dell’anima e una possibilità di stabilire un agito «calpestando orme già tracciate e previste nei passi che abbiamo sollevato». Dal porto dal quale decide di salpare nascono la percezione e cognizione del silenzio, consono a cercare “la parola seconda”, consapevole «di un ricordo che pian piano smette le sue ragioni».

Nell’accezione di poesia come costruzione dell’io, la raccolta del poeta suona di espressioni intense e febbricitanti di allontanamenti e distacchi, ammaraggi e riprese assieme alla lucida consapevolezza che la morte soltanto possa fermare il viaggio («a noi non è il finire a tormentarci, ma il pensiero dell’ultima scorsa prima di andare»). Nel caso capitasse in una qualche sosta rincontrare fantasmi di memorie, allora… «Sia leggero quel vuoto anziché cavo, e come volo innalzi ciò che resta agli occhi di chi resta, lasciando spazio all’idea che da terra spingiamo al largo per un viaggio senza racconto». Cammina piano l’anima, si lascia carezzare dall’aria, poggia piano sull’erba, lascia un’impronta di permanenza che avvolge e conforta il poeta-viandante «e nell’odore di una pioggia che arriva – ma non ancora – si scontorna il respiro largo di una serenità che attesa saprà raggiungerci, non appena sarà il tempo per gli occhi di saper vedere quel che sa sempre è lì, quantunque sfocato dal nostro sconsolato bisogno di dolore, che immobilizza il gioioso srotolarsi di una corsa in avanti» che con comprensione attraversa la strada e la suggerisce silenzioso al lettore.

Il testo si snoda da precedenti poesie a cui deliberatamente si è data forma di prosa poetica, diario di viaggio che conosce l’armonia della meditazione dell’essere e che ha ali per “rimanere a terra cercando Dio nelle pieghe dell’animo”.

Delle poche poesie del testo, due di esse (pagg. 58-59) ampliano il loro senso se lette specularmente. L’operazione-lirica non è stata voluta e, quando a dirmelo è stato lo stesso poeta, ho avvertito lo spaesamento insieme all’ampiezza della ricerca costante che informa il testo, esplodere in quelle due pagine, le cui parole si rincorrono “vicine di tempo e spazio”, in una melodia che veleggia perché i sogni non sfumino all’alba.

Respira forte infatti il sogno dell’uomo-autore ma prima che si dilegui, il poeta offre una sosta all’andare, chiara, una pausa breve che impronta di una profonda rifrangenza del cuore, l’indice del testo e differisce ancora la meditazione del pensiero, al prato dell’anima.

Nel tempo andiamo

inciampando nel senso

ogni qual volta

risuona il silenzio

all’ombra di un risveglio

 

(«è compito del poeta inesprimere l’esprimibile e trovare la parola seconda», Roland Barthes).

 

Angelo Andreotti è nato nel 1960 e vive a Ferrara. Saggista e scrittore di cose d’arte, attualmente è direttore dei Musei Civici d’Arte Antica della sua città.

Ha pubblicato Polaroid (Ferrara 1999) e La Faretra di Zenone (Ferrara 2008).

Una sua prosa è comparsa nel 2003 su Yip, la rivista di italinistica dell’Università di Yale.

 

Patrizia Garofalo

 

 

Angelo Andreotti

Porto Palos

Book, 2010, pagg. 96, € 12,00


Articoli correlati

  Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  Recanati Art Festival à la culture
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  Angelo Andreotti. Le viol
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  In libreria/ Giuseppina Rando. Il cuore segreto delle cose
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  “Il guardante e il guardato”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy