Martedì , 25 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
18 Giugno 2009
 

Il 21 e il 22 giugno andrò a votare. Riconosco enorme importanza allo strumento referendario e non diserterò le urne, anche a rischio di far vincere i sì.

La seconda scheda elettorale che la Costituzione assegna ai cittadini con cui correggere l'operato dei legislatori, il referendum abrogativo, è stata bistrattata fin dall'inizio e non è un caso che per avere la legge che istituisce il referendum (1970) si siano dovuti aspettare tanti anni lasciando la carta costituzionale lettera morta. Poi quando si è iniziata ad utilizzare si sono trovate da più parti modalità diverse per umiliarla: sentenze della Corte Costituzionale che ammettevano alcuni quesiti e non altri per meri calcoli politici; ammissibili solo quesiti che non lasciassero un vuoto legislativo e che fossero applicativi; elezioni anticipate per spostarli e dare tempo al legislatore di modificare la legge; modifiche normative fatte in fretta per evitare che i cittadini si esprimessero; campagne referendarie fantasma in cui l'informazione scompariva; il quorum mancato grazie ai morti iscritti nelle liste elettorali; quesiti vinti e traditi dal Parlamento (Tortora e la responsabilità civile dei magistrati, il finanziamento pubblico ai partiti, il ministero dell'Agricoltura e del Turismo, le leggi elettorali...); non ultime le date scelte per le consultazioni sempre più in estate avanzata. Quest'anno poi con la sola eccezione in Parlamento dei radicali, modificando ad hoc la legge referendaria e prorogando di una settimana il termine previsto. Nulla impedirà la prossima volta di indirli in pieno agosto, o di spostarli per anni.


Il referendum abrogativo, non può essere considerato uno stimolo per il legislatore, una sorta di sondaggio qualificato che indica una strada da percorrere. Il referendum abrogativo cancella una legge o una parte di essa e risulta immediatamente applicativo. Ogni volta che il legislatore ci ha rimesso le mani sopra, lo ha stravolto o tradito.


Gli effetti dei tre quesiti referendari di oggi sarebbero di modificare la legge elettorale di Camera e Senato per consegnare al solo partito che ha preso più voti il premio di maggioranza (e non più alla lista di partiti che si è presentata come coalizione elettorale), mentre con la terza scheda si eliminerebbe la pratica delle candidature multiple che permette ad un leader di partito di presentarsi in più collegi e solo dopo di scegliere quello in cui risultare eletto. Una pratica che permette attraverso il gioco delle opzioni di far scattare un seggio in un collegio piuttosto che in un altro, facendo quindi dipendere l'elezione dalle scelte di un altro candidato e non dal voto degli elettori. Con l'approvazione del quesito si sposterebbe temporalmente questa scelta, ossia si anticipa a prima delle elezioni, ma sempre alle segreterie dei partiti spetterebbe, mentre all'elettore resterebbe solo la possibilità di ratificare. Effetti importanti si potrebbero avere solo per i piccoli partiti a leadership forte, come quello radicale ad esempio. Non si risolverebbe quindi il problema principale dell'attuale legge elettorale, che invece il referendum ratificherebbe, ossia dell'impossibilità per gli elettori di scegliere i candidati, né con il sistema delle preferenze, né con quello ancora più affidabile dei collegi uninominali maggioritari dove il candidato che prende più voti vince, principio su cui si basano le democrazie anglosassoni.


Gli altri due quesiti referendari, nati con l'obbiettivo di far governare chi vince le elezioni, quando il Governo Prodi si trovava alle prese di una coalizione di sette e più partiti, oggi hanno perso il loro principale obbiettivo, visto che il risultato di avere coalizioni fatte da uno o due partiti è già stato ottenuto. Non è a rischio la governabilità di Berlusconi, cioè di avere due partiti che lo sostengono in Parlamento e che oggi si sono spartiti il premio di maggioranza, invece di uno solo. Avrebbero potuto cambiare i rapporti di forza interni fra Pdl e Lega, ma non credo che sia per questo utile votare sì al referendum, mentre capisco perché la Lega inviti a votare no, come pure Berlusconi avesse fatto un pensierino a votare sì...

Ma oltre gli interessi dei singoli partiti, non si vede l'interesse per il cittadino per la modifica che uscirebbe dalle urne.

E siccome non credo al referendum stimolo, sondaggio che dia al legislatore una indicazione, ma credo che il voto e l'esito siano sacri, non vorrei che poi il Parlamento ci rimetta le mani. E se valuto la legge attuale e quella che uscirebbe dalle modifiche referendarie, il giudizio resterebbe invariato: una schifezza, o come l'ha definita il suo autore, il ministro Roberto Calderoli, una porcata.

Una legge che demanda alle segreterie la compilazione di liste bloccate, e all'elettore l'unica arma della ratifica. Gli eletti resterebbero nominati e il controllo dell'elettore potrebbe essere indirizzato solo al partito e alla segreteria che ha compilato le liste dei candidati. Un meccanismo volto a scoraggiare l'eletto a svolgere appieno il suo compito di parlamentare che, come indica la Costituzione, è senza vincolo di mandato, perché il mandato non gli viene affidato dagli elettori ma dall'oligarchia del suo partito, a cui interesserà avere parlamentari affidabili e fidati, disponibili anche a piegare gli ideali in nome dell'obbedienza e della eventuale rinomina.


Mi sono avvicinata alla politica militante attraverso un banchetto radicale che raccoglieva delle firme per i 18 referendum del 1995. Subito dopo aver apposto la mia firma ho iniziato a chiedere le firme passando dall'altra parte del banchetto radicale. Ammiro quei Paesi come la Svizzera e gli Usa che utilizzano questo strumento di democrazia diretta con costanza e dando il giusto rilievo.

Credo troppo allo strumento referendario per non andare alle urne e poi lasciare dire che agli elettori piace l'attuale legge (come è stato detto dopo l'astensionismo per la legge 40 sulla procreazione assistita); credo troppo allo strumento referendario per non valutare l'esito del referendum ed avere una legge elettorale che non risolva i nodi della rappresentanza e che per assurdo la confermerebbe!

Se poi qualcuno crede che l'attuale maggioranza parlamentare sarebbe in grado di migliorare la legge come conseguenza dello stimolo referendario, può già iniziare a documentarsi sui possibili effetti: dimezzamento del numero dei parlamentari-nominati, voto solo al capogruppo nell'ottica di uno svilimento sempre più aggressivo della democrazia, trasformazione di Camera e Senato in organi di ratifica del Governo di turno. Un presidenzialismo e un maggioritario con i pesi e contrappesi dei sistemi democratici anglosassoni o un regime partitocratico perfezionato?

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Referendum. Contro lo sfascismo, proposte di legge per la riforma
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Radicali Italiani impegnati per la riforma dell'istituto referendario
  Raniero La Valle. La legge beffa
  Nuovo sondaggio. Quella piccola ma urgente riforma costituzionale...
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Carlo Onofrio Gori. Battiquorum
  Si firma per “Ero straniero – L’umanità che fa bene”
  Farmacisti e referendum. Bene gli obiettivi ma attenti alle false sirene
  Piccoli esperimenti di democrazia
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  Enea Sansi. Referendari e referendum
  Elezioni. A Firenze le illegalità: induzione al non-voto referendario nei seggi
  Si firma a Sondrio, sabato in piazza e domenica nel carcere
  Sondrio. Di nuovo in piazza attivisti 5 Stelle
  Francesco Pullia. Se Pannella non mangia
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Lettera a Bertoldo n. 8
  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  A Morbegno e a Tirano incontri pubblici del M5S sul referendum costituzionale
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
  Referendum ‘costituzionale’. Manifestazioni del Partito Radicale davanti alle sedi RAI
  Le menzogne della Ministra Boschi e del Sen. Mauro Del Barba
  Lidia Menapace. Il referendum del 17 aprile
  Daniele Lugli. A Vicenza anche per tutti noi
  Paolo Diodati. Renzi all’ultima spiaggia: “Senza di Me… il diluvio!”
  Francesco Cecchini. Lorenzoni Anpi e Puppato Partito democratico
  RadicaliSondrio. 12Referendum: Domani a Chiesa in Valmalenco
  Autonomia di Valtellina e Valchiavenna: Vittoria del NO. La parola ora ai cittadini
  Claudia Osmetti. Le cose che ho imparato ai tavoli referendari
  In difesa della natura contro le trivellazioni petrolifere in mare
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  Enea Sansi. Combinato (in)disposto
  Sondrio Possibile. Una promettente sconfitta
  Referendum, campagna già fuorilegge
  Felice Besostri. Verso il Referendum: Perché No
  Luciano Angelini. FUKUSHIMA
  Benedetto Della Vedova sottoscrive a Caorle i 12 referendum radicali
  Riprende l'iniziativa referendaria: si firma nei comuni e, sabato, in piazza a Morbegno
  “Tutti alle urne per una nuova ventata di libertà, di equità e di giustizia”
  Claudio Protto. Il 17 vota e vota sì
  Sondrio Possibile. Sì al referendum del 17 aprile
  Referendum/PD. Staderini alla Festa democratica nazionale di Genova...
  Milano. Radicali d'aprile
  Morbegno, giovedì 14: aperitivo No-Triv e appello al voto
  Referendum costituzionale del 25 e 26 giugno 2006
  RadicaliSondrio. Referendum 2013, a Bormio sabato 3 agosto...
  TV. Informazione e referendum: tardi non è meglio che mai
  Anche Beppe Grillo a sostegno dei referendum radicali?
  Lettera VII. “Elezioni” pro­vin­cia­li: prove tec­ni­che di nuovo Senato
  Giuseppe Civati. Andare a votare e votare presto
  Rita Bernardini. Legalizzazione ad uso terapeutico della cannabis
  Fabrizio Ferrante. Droghe, il governo Letta conferma la linea Serpelloni
  Radicali Sondrio. 15.000 firme da 1.300 cittadini
  Marco Staderini. La politica impari da Papa Francesco
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
  Andrea Ermano. Chi dice instabile a chi?
  Renato Pasqualetti. Il dato che emerge è la confusione
  Lettera VII. Lontani dal mare, vicini all’Italia
  Simone Sapienza. L'Italia SÌ muova! Da Catania a Treviso
  Primo Mastrantoni. Padania e referendum
  Primo Mastrantoni. Terremoto ed election day. Il “pizzo” della Lega
  Mario Staderini. Dalle pagine dell'Unità un appello al PD
  Adesso tocca all'Azienda socio-sanitaria aggiornare il suo Poas
  Marco Gentili. Ospitalità (mancata) alla Festa Democratica di Trieste
  Referendum radicali 2013. A Chiavenna l'ultima occasione per Valtellina e Valchiavenna
  Mario Staderini. Referendum: il video della “rapina del voto degli italiani all’estero”
  Lidia Menapace. Periodo sismico
  Comitato Sondriese per l'acqua pubblica. Dov'è l'uffico d'ambito per il servizio idrico di Valtellina e Valchiavenna?
  17 Aprile: SÌ al tramonto delle trivelle!
  Enzo Orsingher. Referendum su Scuola, Italicum, Ambiente e Jobs act
  “Giù le mani dai referendum sull'acqua!”
  Lidia Menapace. La sovranità
  Emma Bonino. Con Pisapia una prima, vera, primavera milanese
  Adriano Celentano. Referendum: “Questo voto è l’unico mezzo per sopravvivere, fidatevi”
  Referendum, alla tribuna Rai riappare il fantasma della democrazia
  I-Lab. Chiavenna: Evento in-formativo sul Referendum costituzionale
  Giuseppe Civati. Decisamente no, contro le leggende metro­po­li­ta­ne, da qualsiasi parte esse provengano
  Vincenzo Donvito. Viva il referendum
  Sondrio. Possibile si presenta e parte coi referendum
  Referendum 12-13 giugno? Parliamone!
  Michele Governatori. Referendum “trivelle”: cosa votare?
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  CCCVa / PRC. Sulle conseguenze dei risultati del Referendum a Sondrio e provincia
  L'Anpi provinciale di Viterbo per il Sì al referendum del 17 aprile
  Cesare Salvi. Berlinguer e la riforma costituzionale
  Referendum 12 e 13 giugno. L'illegalità ha passato il segno
  Pietro Yates Moretti. Responsabilità civile dei magistrati, bene il voto alla Camera dei Deputati
  Marco Lombardi. Trivelle incombono sul potere dello Stato
  Pietro Yates Moretti. Proposte di legge di iniziativa popolare
  Referendum days 14 e 15 settembre: in piazza a Sondrio, Morbegno e Bormio
  “Re-nzi-ferendum”. Io voto NO perché...
  Pietro Yates Moretti. Referendum fallito? Nessuno scagli la prima pietra
  Movimento Nonviolento: Votare Sì il 17 aprile
  Carlo Forin. Italia 2016-Italia 1948
  Mario Lucchini. L’inghippo
  Dodici firme per salvare questa Democrazia
  Referendum Days e limitazioni alle iniziative referendarie
  Sondrio. Domenica banchetto informazioni 5 Stelle
  Giannelli. Prognosi riservata
  28-30 agosto: Referendum in Comune. Firma e fai firmare!
  Referendum in Comune: “Rai e Tv informino i cittadini”
  I Radicali iniziano una nuova raccolta di firme
  Intervallo/ Sillogismi e Casa Pound
  Enea Sansi. Franceschini, gli impegni, Pannella, il referendum
  Notizie Radicali. Referendum informato ma non troppo
  WWF: Perché votare il 17 aprile e perché votare Sì
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Enrico Borg. Giustizia: Se il Pd continua a fare spallucce sui referendum
  Lidia Menapace. Esercitare la sovranità popolare: e uno, e due, ecc.
  Carlo Forin. L’inferno dei viventi
  Quartu Sant’Elena. Il Sindaco firma i referendum radicali
  Sondrio. PD: 30 milioni per... catturare allodole
  Roberta De Monticelli. Ma perché dici sì a una riforma costituzionale sulla quale sputi?
  Referendum: “La par condicio non c'entra nulla”
  Lidia Menapace. Referendum
  Guido Monti. Quale federalismo?
  Valter Vecellio. Referendum: Il paradosso di una sinistra che c’è (ma non c’è)
  Nichi Vendola firma i referendum radicali
  L'irriverente e il Referendum trivelle
  Vincenzo Donvito. Referendum. Consigliamo di votare! E di votare due SÌ e due NO
  Lucia Salemi. Referendum: emergenza disinformazione
  Stefano Catone. Fuori dalle balle (del referendum lombardo)
  Piero Sansonetti. La chance di chiudere i conti col vero berlusconismo
  Andrea Ermano. Se voto “No” casca il mondo?
  Carlo Forin. Come votano i 'veri' partigiani?
  Liberodiscrivere regala un libro per il “referendum” 2011
  Cappato (Ass. Coscioni): “Bloccato servizio Iene su disabili con Renzi”
  Vincenzo Donvito. No tombale al nucleare? No...
  Vincenzo Servile. Dopo le amministrative i referendum!
  Lidia Menapace. Le priorità
  Acqua bene comune. Un grande risultato per la democrazia e la società civile
  Francesco Lena. Re­fe­ren­dum sull’au­to­no­mia della Lom­bar­dia. Il giorno dopo
  REFERENDUM. Maria G. di Rienzo: una riflessione sulla Costituzione
  Sondrio 5 Stelle. Vota Sì al Referendum e acqua pubblica
  Marco Morosini. Ma non basta limitare le trivelle in Italia
  “Nexus causalis”. Io voto NO perché...
  Valter Vecellio. Condanna di Berlusconi
  Vuoi votare per il referendum? Io voto SÌ perché...
  Carlo Forin. Perché voterei No in Catalogna
  Giuseppe Candido. Stato di diritto e Referendum sulle trivellazioni
  L'Azione Cattolica invita ad andare al voto per il Referendum del 12 e 13 giugno
  Enea Sansi. Della tesaurizzazione dei risultati del Refe­ren­dum del 4 dicembre
  Mario Staderini. Come nelle dittature
  La soluzione per la legge elettorale che aspettiamo da otto anni
  Uninominale e maggioritario. Il sistema elettorale radicale
  Lidia Menapace. Quale democrazia?: paritaria, di genere o rappresentativa?
  Lega per l'uninominale. I nuovi organi e le decisioni prese
  Ricette veloci. 1 - La legge elettorale
  ADUC. Tagliare il numero dei Parlamentari?
  Appello per l'uninominale
  I vescovi ci indicano la retta via proporzionale per le migliori istituzioni?
  Vincenzo Donvito. Contro il Parlamento dei nominati dal potere. Non mollare!
  Andrea Pertici. Il pasticcio sulla legge elettorale e le prospettive per l’immediato futuro
  Claudia Osmetti, Domenico Letizia. Doveri di Libertà
  Critica liberale. Riforme elettorali ed istituzionali
  Marco Pannella. L'uninominale secca
  MayDay! 'Allarme rosso' per la legge elettorale
  Anna Finocchiaro e Luigi Zanda. Forse non tutti pensano che il Porcellum vada archiviato
  Giuseppe Civati. Breve riflessione politica sulla legge elettorale
  Lidia Menapace. Oltre gli auguri: vi parlo del sistema elettorale
  Martina Simonini. Così è se vi pare (o anche se non)
  Amedeo Barletta. La bozza Vassallo - Ceccanti e l’eterno dibattito sul sistema elettorale
  Claudio Madricardo. “L’Italicum come il Porcellum. È incostituzionale”
  Vincenzo Donvito. Spending review ed election day
  Andrea Ermano. Il percorso misterioso
  A Roma il 20 febbraio, Assemblea per l'Uninominale
  Berlusconi e Veltroni favorevoli al maggioritario uninominale
  Benedetto Della Vedova. Difendere il bipolarismo
  Felice C. Besostri. Prepariamoci a battere il semi-presidenzialismo
  Francesco Verducci. Abrogare il Porcellum e tornare alla “legge Mattarella”
  LeG. Mai più alle urne con questa legge
  Maurizio Turco. Legge Elettorale: solo convenienze, mai convinzioni, tantomeno legalità
  Emanuele Rigitano. Sistema elettorale: i particolari faranno la differenza
  Legge elettorale. Sì all’appello di Italia Unica contro Italicum
  Giuseppe Civati. A proposito delle commissioni (e della legge elettorale)
  Felice Besostri. Un popolo “archepensevole” (in senso orwelliano)
  Radicali Italiani. I tagli possibili alla casta di cui nessuno parla
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  “Non lasceremo sopravvivere questa indegna legge”
  Valter Vecellio. Riforma americana e anglosassone
  Siamo su “Scherzi a parte”?
  Felice Besostri. Il gioco delle tre tavolette
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy