Venerdì , 10 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Antonia Sani. Un non-bianco alla Casa Bianca
09 Novembre 2008
 

Timeo danaos et dona ferentes. Continuo a temere, a diffidare, a essere, insomma, fieramente contraria a qualsiasi elezione diretta di qualsiasi carica monocratica al vertice delle istituzioni, anche in presenza di doni così cospicui come quello che ci ha gratificato in questi giorni. È innegabile l’enorme portata simbolica delle elezioni presidenziali statunitensi. Un risultato costruito nel tempo,col paziente lavoro di tecnici pubblicitari e delle tecnologie digitali legate al computer, guidati dall’intelligente intuito di menti esperte nelle diverse articolazioni della conoscenza, capaci di interpretare gli umori diffusi nei vari strati della popolazione convogliando, coinvolgendo, accrescendo le spinte antibush verso un obiettivo poliedrico in cui tutti (e tutte...) i fautori del cambiamento potevano riconoscersi. Gli afroamericani in primis: come si fa a non correre a votare? le origini comuni… la nonna… La scommessa: un “uomo nuovo”, apertamente contro la guerra in Iraq, apertamente per l’aborto, per i diritti civili, in camicia bianca, comunicatore di entusiasmo… ma afroamericano! Come questa scommessa poteva non infiammare i giovani facendo loro apparire estremamente vecchio, bushiano, nonostante ogni patetico tentativo di prenderne le distanze, il mondo di McCain? Queste atout erano del tutto interdette alla candidatura di Hillary, donna, sì, con elementi ben giocati di femminismo, ma complessivamente indeboliti dalla sua appartenenza a un establishment asessuato in quanto maschile. Hillary sarebbe andata bene se si fosse mirato al normale elettorato statunitense, limitato agli/alle appartenenti alla classe media, in assoluta prevalenza “bianca”. Ma queste elezioni dovevano essere “diverse”, perché troppo gravi erano state le scelte politiche dell’amministrazione Bush e troppo gravi le conseguenze di una politica economica che -non da oggi- aveva cominciato a tradire il sogno americano. Non solo gli stati, ma le persone -tutte- dovevano andare a deporre nell’urna il loro NO alla politica delle guerre, degli embarghi, delle torture consentite, della noncuranza dei vincoli ambientali, il loro SÌ a chi parlava del valore dell’istruzione per tutti, degli aiuti economici ai più deboli, di un’America che non intendeva più proporsi come padrona del mondo…

Alla campagna elettorale di Obama va riconosciuto questo grande merito: l’aver promosso la centralità di valori etici come la giustizia sociale, l’accettazione delle diversità, l’emancipazione legata alla propria formazione culturale, valori incarnati dalla sua persona, dalla sua famiglia.

I discorsi di Obama non erano in sostanza molto lontani da quelli pronunciati dai Kennedy, dai Clinton, dalla tradizione dei candidati del Partito Democratico, diversa e nuova fu però questa volta la loro credibilità…

Ma al di là dei consensi delle masse degli afroamericani e dei tanti giovani, a Obama sono andati anche i molti voti degli uomini e delle donne del Partito Democratico, di quel “centro borghese” abilmente convogliato verso la figura dell’uomo nuovo che, coi consensi portati in dote dagli altri strati della popolazione, avrebbe garantito una vittoria non scontata...

Si tratta di quel ceto chiamato ora a sostenere l’azione di governo del nuovo presidente, ceto rappresentato dai poteri forti su cui egli dovrebbe poter contare nella lotta coi poteri economici di marca repubblicana.

Si dice che un prezzo Obama si stia apprestando a pagarlo (ma si tratterà davvero di “un prezzo da pagare” o non piuttosto di decisioni in linea con una sua reale idea di un programma politico di cui finora non si è parlato apertamente?).

Koffi Annan e Nelson Mandela, in qualche modo, docent

Il fervido e tenace lavorìo per portare col voto popolare un uomo nuovo, non bianco, nella vecchia roccaforte del razzismo mondiale, è la testimonianza di una complessa iniziativa politica e culturale della cui esistenza negli USA non possiamo che compiacerci.

Resta tuttavia, il fondato timore dell’uso strumentale di masse allettate da un apparente protagonismo in merito a scelte di portata carismatica, ma sostanzialmente asservite al dominio narcotizzante dei linguaggi pubblicitari che determineranno sempre più nei tempi futuri ogni elezione diretta “nelle mani” dei cittadini.

 

Antonia Sani


Articoli correlati

  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Yoani Sánchez. Una visita più simbolica che politica
  Yoani Sánchez. Questo martedì potrebbe cominciare qualcosa
  Marco Lombardi. Abortirai con dolore
  Piero Capone. Il programma barackiano di Veltroni
  Wendy Guerra. Visite di primavera all’Avana
  Roberto Malini. Salvare il nostro pianeta
  Barack Obama. Il nuovo inizio
  Renato Pierri. Che cosa c'entra mai con la pace la posizione di Obama nei riguardi dell'aborto?
  Marco Zacchera. Le mine di Obama. Le protesi di Cairo
  Certi Diritti. Obama, Hollande, Cameron, Key: Sì al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E l'Italia?
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Moonisa: Abuja, 5.11.2008. Lo specchio della vittoria di Obama in Africa
  Reinaldo Escobar. Il carcere di Guantánamo
  Lidia Menapace. L'imperialismo USA nell'era di Obama
  Massimo Aprile. Dateci il voto e trasformeremo la nazione!
  Raniero La Valle. I cocci del Medio Oriente
  Marco Zacchera. Obama visto da destra (dal Texas)
  Dal Consiglio provinciale di Novara e su Obama
  Claudia Osmetti. Il Quarto emendamento di Obama
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Niccolò Bulanti. Presidenziali Usa. Novità è speranza, se l'apparenza non inganna
  Yoani Sánchez. Noi, il popolo
  Annagloria Del Piano. Obama è Presidente!
  Damiano Mazzotti. Stati Uniti, Crisi del’29 e Caos del 2009
  Bruna Spagnuolo: La lungimiranza-quasi chiaroveggenza di Tellusfolio su Barack Obama
  Il patriarcato gentile di Obama
  Il cambiamento alla Casa Bianca e il cambiamento di ognuno di noi
  Gino Songini. Barack Obama negli States, Licio Gelli da noi
  Adieu, Madame Thatcher
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy