Martedì , 19 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Miriam Della Croce. Precisazioni sulla verginità perpetua di Maria
Il Veronese,
Il Veronese, 'Nozze di Cana' 
04 Ottobre 2009
 

Ineccepibili, a mio parere, le considerazioni relative alla possibilità che Maria, dopo il parto avesse potuto avere rapporti coniugali con Giuseppe e generare altri figli.

Può invece generare qualche perplessità la mia considerazione ultima: «Ma perché la Chiesa tiene tanto a sostenere la verginità perpetua di Maria? L'unica vera ragione è che l'amore benedetto da Dio, anche tra due sposi benedetti da Dio, è sempre un po' peccaminoso, soprattutto per la donna. Una santa mamma è sempre un po' meno santa di una santa vergine...» (“I fratelli di Gesù e... la verginità perpetua di Maria”, 01/10/2009).

Voglio, infatti, precisare che mi riferivo alla posizione della Chiesa attuale, la quale preferisce non soffermarsi a ragionare un attimo su certi argomenti, affidandosi ciecamente a quanto stabilito in precedenza da altri uomini della Chiesa stessa. Non si chiede, tanto per fare un esempio, se S. Tommaso era nel giusto quando scriveva: «Senza alcuna esitazione dobbiamo condannare l'errore di Elvidio, il quale osò affermare che la madre di Cristo dopo il parto ebbe rapporti coniugali con Giuseppe e generò altri figli. Primo, perché ciò deroga alla dignità di Cristo: il quale come per la natura divina è “l'Unigenito del Padre” (Gv 1,14), quale suo “figlio assolutamente perfetto”, così conveniva che fosse anche l'unigenito della madre, quale suo frutto perfettissimo... Tale errore offende lo Spirito Santo, che nel seno della Vergine, divenuto suo santuario, formò la carne di Cristo: per cui non era decoroso che in seguito questo seno verginale fosse violato da rapporti coniugali». C'è bisogno di commenti? 

Ma perché la Chiesa si rifiuta di ragionare? Perché non mette in dubbio quanto dichiarato nel concilio Lateranense (649)? Semplicemente perché mentre non dà fastidio a nessuno pensare che Maria, non so, al banchetto di nozze a Cana, avesse gustato con vero piacere vivande prelibate, il pensiero che, dopo avere messo alla luce il Bambinello, avesse potuto gustare i piaceri dell'amore coniugale (come oso?) è sconvolgente per molti. Se ha un senso per un cristiano credere in concetti che, pur contrastando con la ragione (es. la risurrezione stessa del Cristo), appartengono al vangelo, non ha senso alcuno credere in concetti che contrastano con la ragione, e al vangelo non appartengono.

 

Miriam Della Croce


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy