Lunedì , 23 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Class Action. Dovunque vai, privato o pubblico, cenci in faccia ai cittadini
20 Giugno 2009
 

La class action del Governo che doveva entrare in vigore il prossimo 1° luglio verrà rinviata: le forze di maggioranza non fanno in tempo ad approvare le modifiche che addomesticherebbero questo strumento al potere delle banche, oltreché svilendo le possibilità di un uso diffuso.* La possibilità che entri in vigore quella approvata nella passata legislatura ed espressione della maggioranza del Governo Prodi, per gli sfascisti istituzionali che dominano le Camere e il Governo, è motivo sufficiente per preferire la continuità del vuoto ad una normativa che, magari, avrebbe potuto essere successivamente modificata: i sudditi e' meglio che rimangano tali piuttosto che far loro assaporare il gusto della Giustizia.

Ma proprio oggi si viene a sapere che la cosiddetta altra class action, quella contro le malefatte della pubblica amministrazione (escluse dalla class action di sopra), ha avuto il via libera dal Consiglio di Stato. Raggiunto quindi l'obiettivo del ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta: evitare che la mala amministrazione, oltre ai controlli a tappeto sui cosiddetti fannulloni di Stato, per la propria mancata efficienza debba pagare un danno a chi l'ha subito. Infatti non è prevista la possibilità di rivalsa economica. Poco è importato al nostro ministro che in Usa e Canada, Paesi di riferimento per l'azione giudiziaria collettiva, i cittadini possono farne uso anche economico nei confronti dei propri amministratori.

La politica istituzionale italiana, in materia di class action, per il momento, senza entrare qui nello specifico delle normative, registra peculiarità di impostazione che -crediamo- la rendano unica nell'ambito dei Paesi a cosiddetta democrazia occidentale in cui vigono simili norme:

- la divisione tra privato e pubblico, dove quest'ultimo non paga i danni che provoca;

- la conferma che viviamo in un Paese dove la giustizia è classista. Non tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge: nello specifico sulle possibilità di rivalsa per il rispetto della legalità;

- e non tutti coloro che violano le leggi sono uguali di fronte alla stessa: i crack finanziari sono esclusi dalla class action.

Lì dove il nostro Governo mette mano, con lo scombussolamento e la parcellizzazione delle norme, il risultato pare sia proprio garantito: dovunque vai, cenci in faccia ai cittadini.


Vincenzo Donvito, presidente Aduc



* www.aduc.it/dyn/comunicati/comu_mostra.php?id=263054


Articoli correlati

  Class action. Presentato disegno di legge per una profonda modifica
  Transazione 'class action' Parmalat: un piccolo risultato è meglio di niente
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Class action. Cosa teme la razza padrona
  Class Action. Non ha torto il ministro Claudio Scajola...
  Class Action. Ancora rinvio? Il terrore della giustizia nel mercato
  Class action. I diritti fondamentali che la legge voluta dal Governo non tutelerà mai
  Bertucci e Donvito: Class action. Nuovo testo va meglio, ma preoccupa l'ostracismo di Confindustria
  Class action. Da bandiera di ricatto politico a strumento concreto?
  Class action. No all'emendamento Manzione in finanziaria
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Class Action. A che gioco sta giocando il Governo?
  Class action. Verso il regime autoritario e sfascista con l'appoggio dei media?
  Class action. Verso il ritiro dell'emendamento?
  Class action. Confindustria allo sbaraglio
  Vincenzo Donvito. Class action, class action delle mie brame.... Così comincia il 2009
  Vincenzo Donvito. Pompieri al Senato per leggi già annacquate
  Emmanuela Bertucci. Ma quale class action mondiale...
  Class action: continueremo a vederla nei film americani
  Class Action. Bene l'emendamento del Governo
  Vincenzo Donvito. Class Action: non ci sarà mai in Italia!
  Guido Monti. La vera discriminante è tra europeismo o sovranismo
  Il pensiero ristretto sugli insegnanti di un grande ministro provocatore: Renato Brunetta
  Massimo Arcangeli: Renato Brunetta. Botta & Risposta (11)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy