Domenica , 20 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Regime: Berlusconi è il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano 
In margine a un’intervista di Dario Franceschini
05 Maggio 2009
 

Si prenda l’incipit della lunga intervista che il segretario del PD Dario Franceschini ha rilasciato ad Aldo Cazzullo del Corriere della Sera: «Vorrei fare una domanda alla borghesia produttiva, agli imprenditori, agli intellettuali, ai moderati, anche a una parte delle gerarchie ecclesiastiche italiane: possibile che non vediate dove ci sta conducendo Berlusconi? Possibile che non vediate che ormai si considera al di sopra della legge e di ogni morale, che pensa di avere così tanto potere da permettersi tutto? Vorrei suonare un campanello d’allarme».

Ora si provi a sostituire Berlusconi con “il regime”. La “domanda” ora suona senz’altro meglio, è più appropriata, l’analisi più esatta. Per il leader del PD il modello perseguito da Berlusconi non è Peron, piuttosto «alcune delle repubbliche ex sovietiche dell'Asia centrale, dal Turkmenistan all'Uzbekistan. Paesi in cui il potere personale del capo è intrecciato con il potere dello Stato e i poteri economici». Esempio calzante, solo che Berlusconi non è l’uomo nero improvvisamente apparso nel nostro orizzonte; è piuttosto il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano.

Val la pena di segnalare altre due risposte di Franceschini. A Cazzullo che gli chiede dei risultati del sondaggio Ipsos-Sole 24 Ore, dove emerge che anche quell’elettorato fino a ieri tradizionalmente schierati a sinistra ora danno credito, fiducia e voto a Berlusconi, risponde ammettendo che si tratta di un problema serio: «Ma non è un alibi ricordare che, dal '94 a oggi, ogni partita elettorale è truccata, perché si svolge in condizioni totalmente anomale. Se McCain avesse affrontato Obama avendo il controllo delle tv e di una parte crescente dell’apparato finanziario e produttivo o cento volte in più di fondi perle campagne elettorali, avrebbe forse perso? Il problema non è solo la tv. In Italia si stanno assuefacendo anche i mondi che contano. Noi siamo ancora qui a contare i secondi che ci dedicano i vari tg, peraltro con un disequilibrio vergognoso, ma intanto la tv in questi vent’anni ha costruito un modello sociale: non ha solo informato, ha formato gli italiani a gerarchie di valore e di comportamento. Eppure a Berlusconi non basta: attacca Sky, blocca la concorrenza. Il degrado populistico si intreccia con il degrado morale, e comporta un forte rischio neoautoritario».

Ma non si può dimenticare che la televisione pubblica è stata (ed è ancora) considerata terreno di scorribanda e di conquista tanto dal centro-destra che dal centro-sinistra; e certamente il problema non è tanto (o solo) contare i minuti dei vari TG; ma per sapere: abbiamo già dimenticato la bella (si fa per dire) pagina scritta per quel che riguarda la Commissione Parlamentare di Vigilanza? Programmi di approfondimento politico come quelli di Michele Santoro o di Giovanni Floris, nelle loro scelte editoriali (e nelle loro discriminazioni, per le quali sono stati condannati), in cosa differiscono da altre, che vengono messe sul banco dell’accusa e indicate come esempi di faziosità e partigianeria? E se Antonio Di Pietro e l’Italia dei Valori hanno acquistato visibilità e popolarità al punto da preoccupare seriamente lo stesso PD che si vede erosi consensi fino a ieri “sicuri”, chi è responsabile? Ma Franceschini la legge l’Unità, che ogni giorno, da settimane e mesi tira la volata a Di Pietro?

 

Franceschini sostiene che il rischio, fra un mese, è di risvegliarci «davvero in una repubblica ex sovietica dell’Asia centrale. E se succedesse gran parte della colpa sarà di chi, da qui ad allora, sarà rimasto inerte o zitto. Per scelta o per paura». Non c’è bisogno di aspettare un mese. Come abbiamo documentato ne “La peste italiana”, le regole democratiche che i Padri Costituenti intesero porre alla base della Carta fondamentale dello Stato sono state, da subito ed in maniera ampia, disattese dai partiti, che si sono impadroniti del sistema politico-istituzionale del nostro Paese. Nei decenni successivi il processo degenerativo ha investito tutti gli organi e le istituzioni repubblicane, via via erodendo lo Stato di diritto per finire ai giorni nostri, dove il processo di svuotamento e di svilimento della Costituzione viene a compimento in maniera così eclatante, oltre che condivisa.

Il discorso, la denuncia, l’analisi, è da questo dato che deve partire. Il resto è fuffa.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 5 maggio 2009)


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Mi spiace che non ce l'abbiamo fatta
  I radicali presentano il documento su “La peste italiana”
  Tino Vittorio. Satyagraha 2009. Aderisco
  Aldo Loris Rossi. Un decalogo per l’Europa
  Lista Bonino-Pannella. Un appello (impegnativo) per la partecipazione alla campagna elettorale
  Rita Bernardini. “Con questo voto si onora il Parlamento”
  Chiusura della campagna elettorale della Lista Bonino-Pannella a Milano
  Tre appuntamenti per un giorno. Prossime iniziative radicali a Milano
  Emma Bonino inizia l'occupazione degli studi Rai
  Valter Vecellio. Più che la festa di Casoria a inquietare è che “papi” dilaghi in Europa
  Il succo di frutta di Pannella
  Enrico Peyretti. Che fare col Caimano?
  Lista Bonino-Pannella: sintesi delle proposte per l'immediato
  Pier Paolo Segneri. Pannella vuole radunare ciò che è sparso e spartire ciò che è stato radunato
  Valter Vecellio. Lettera aperta al direttore de “L’Espresso” Hamaui
  “Per una nuova Liberazione: dal sessantennio partitocratico ora, come dal ventennio fascista allora!”
  Europee. 4 liste chiedono la moltiplicazione degli spazi di informazione politica
  Lotta di Liberazione per restaurare la legalità democratica
  Per un’Europa senza nazionalismi
  Valter Vecellio. La “resistenza” non è una metafora
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
  Decine i personaggi che annunciano il loro voto radicale e, dei radicali, puntualmente subiscono la sorte: silenziati
  Stati Uniti d’Europa subito!
  Valter Vecellio. Indovina chi non c’è, tra i candidati impresentabili e invotabili di “Micromega”?
  Primo Mastrantoni. Europa. Che fare?
  Calendarizzato voto agli intrasportabili
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Rosangela Pesenti. Stare dentro o chiamarsi fuori: perché ho scelto di candidarmi nel PRC
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gianfranco Spadaccia. Auguri a Franceschini, con disponibilità e speranza e senza pregiudizi
  “Il voto non risolve crisi politica”
  Marco Pannella. Perché grido convinto: viva l’abominevole Santoro, e il suo insopportabile “Anno Zero”
  Rai. Videoappello del Psi a Santoro: “Su pluralismo non si fermi a Bertinotti”
  Luciano Martocchia. Da Annozero all'annozero
  Alice Suella: No a censure per Santoro e Travaglio
  Da Gramsci a Santoro. Col rischio di ripetermi...
  Marco Beltrandi. Rai: da Santoro tesi contro corrente
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy