Mercoledì , 12 Dicembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Il “caso” del giudice Luigi Tosti: ancora una volta, viva la Cassazione
19 Febbraio 2009
 

Ancora una volta: evviva la Corte di Cassazione. L’altro giorno ha stabilito che Luigi Tosti, il giudice di Camerino che in nome della laicità dello Stato da sei anni lotta perché il crocifisso sia rimosso da tutti gli uffici pubblici, a cominciare dalle aule giudiziarie, gli ha dato ragione; Tosti ha ottenuto la sua prima vittoria: la Cassazione infatti ha annullato senza rinvio la condanna che gli era stata inflitta dalla Corte d’Appello dell’Aquila, proprio per il suo rifiuto di celebrare udienze e in aule dove era presente il simbolo della religione cattolica. «È un passo importante», ha commentato Tosti, che ha annunciato che continuerà la sua battaglia. Battaglia che è anche la nostra.

La vicenda non è conclusa: Tosti infatti non tornerà subito a fare il giudice: da tre anni è sospeso dalle funzioni e dallo stipendio dal Consiglio Superiore della Magistratura, e su di lui pende ancora un procedimento disciplinare.

 

L’importante sentenza la dobbiamo alla Sesta sezione penale. Tosti era accusato di interruzione di pubblico servizio e di omissione di atti di ufficio, e per questo era stato condannato a sette mesi di reclusione e a un anno di interdizione dai pubblici uffici. Tosti (mai come in questo caso, nomen omen) ha annunciato che se tornerà in aula a fare il giudice è ovvio che continuerà la sua battaglia: «O me o i crocifissi in aula. L’obiettivo è ottenere il rispetto del principio di laicità che in Italia è violato soltanto dalla religione cattolica».

Anche se silenziata, la lotta del giudice Tosti non è una “bizzarria” isolata. Nel cuore della Sicilia, a Ragusa, qualche mese fa il presidente del Tribunale Michele Duchi ha respinto la richiesta, inoltrata dall’ordine degli avvocati nel 2005, affinché venisse riappeso il crocifisso in aula, attirandosi così anche i fulmini del vescovo Paolo Urso. La notizia la dobbiamo anche in questo caso al giudice Tosti: che aveva inviato una nota a tutti i presidenti di Tribunale per conoscere il loro orientamento. Duchi ha risposto, Tosti gli ha chiesto l’autorizzazione di rendere nota la risposta, l’ha avuta; e così la “notizia” è stata resa nota.

«La giustizia deve essere amministrata in modo laico», dice il presidente Duchi, «e non sarebbe rispettoso della Costituzione amministrarla con appeso alle pareti un simbolo religioso che potrebbe essere discriminatorio nei confronti di chi osserva un altro credo».

 

Piccola cosa, si dirà. Forse. Però è una “piccola”, grande, significativa cosa. Grazie, giudice Tosti, grazie presidente Duchi; e grazie Sesta sezione penale della Corte di Cassazione.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 19 febbraio 2009)


Articoli correlati

  Vincenzo Donvito. Crocifisso a scuola. Corte Strasburgo lo condanna. E ora che farà il nostro Stato?
  Ma Gesù è davvero esistito? ...e altri 'liberi pensieri'
  Criminale crocifisso. Cronaca di una condanna annunciata
  Appuntamenti Tosti... laici da non perdere. A L’Aquila e a Roma
  Mobilitiamoci tutti per difendere Luigi Tosti
  Antonia Sani. In difesa del professor Coppoli
  Vincenzo Donvito. Crocifisso e giudice Tosti. La fiera dell'ipocrisia. Aboliamo l'art. 7 della Costituzione
  Non è iscritto all’Associazione Nazionale dei Magistrati. Il Consiglio Giudiziario boccia Luigi Tosti, il giudice “anticrocefisso”
  Un David H. Thoreau a Rimini. È il giudice Luigi Tosti, che si batte per una giustizia autenticamente laica
  Il giudice Luigi Tosti denuncia i ministri Clemente Mastella e Roberto Castelli per discriminazione religiosa
  Il Giudice Tosti al CSM il 7 dicembre
  Cronaca di un crocefisso annunciato
  Le quotidiane ferite alla laicità dello Stato
  Vittorio Giorgini: Il Crocifisso
  Crocifissi nelle aule giudiziarie: per Cassazione e CSM sono illegittimi
  Scuola e Costituzione. Il giudice spagnolo, l'Avvenire, Calderoli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy