Sabato , 08 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Primo Mastrantoni. Federalismo fiscale, ma quanto ci costerà? Di più!
Marco Cocceio Nerva
Marco Cocceio Nerva 
28 Gennaio 2009
 

Ma quanto ci costerà il cosiddetto federalismo fiscale? Di più di quello che spendiamo ora. Dopo le belle parole della legge delega si dovrà passare ai decreti attuativi, cioè a come redistribuire tributi, funzioni, strumenti di perequazione, costi e fabbisogni standard, ecc. Certamente l'autonomia dovrebbe indurre ad una maggiore efficienza nella spesa locale ma abbiamo serie difficoltà a crederlo. L'esempio della sanità calabrese è indicativo di come l'attuazione del federalismo peserà in misura maggiore sulle tasche del contribuente italiano. Il prefetto Silvana Riccio nella sua relazione sullo stato della sanità calabrese: così scrive «…la metodologia del disservizio risulta essere l'aspetto prevalente del sistema sanitario in Calabria...». Nei 39 ospedali, 36 sono risultati irregolari, nelle 63 strutture sanitarie (guardie mediche, laboratori di analisi, case di cura convenzionate, SerT, poliambulatori) 38 sono risultate irregolari, e le sei case di cura accreditate ed ispezionate sono risultate tutte irregolari. Chi si accollerà le spese per questi “disservizi” quando diminuiranno i flussi finanziari?

La Calabria invocherà la solidarietà nazionale e lo Stato allargherà i cordoni della borsa o gli enti locali dovranno imporre aumenti o nuove tasse. Questo succederà anche per buona parte delle regioni meridionali e insulari.

Dove si prenderanno i soldi? Dalle tasche del contribuente, ovvio. Invece di varare mega provvedimenti, di cui nessuno conosce i costi, meglio sarebbe stato iniziare con processi di razionalizzazione. Insomma è prevalsa la spettacolarizzazione della politica. Ci permettiamo di consigliare al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, di avere come punto di riferimento, se proprio vuole, l'imperatore romano Nerva1 piuttosto che Commodo.2

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

 

 

1 96-98 d.c.: saggio, fattivo ed equilibrato; abolì la persecuzione dei cristiani e fece rientrare gli esiliati. Rinnovò il Senato aprendolo anche a chi aveva origini plebee. Abolì i processi di lesa maestà, reintegrò il Senato nelle sue prerogative, prodigò le sue terre e i denari per soccorrere i poveri.

2 180-192 d.c.: amava i combattimenti dei gladiatori nelle arene, voleva essere adorato come un dio e trascurava completamente gli affari di stato mentre si dedicava ad un suo harem di circa 300 donne e giovani uomini. Incaricò i suoi amici di amministrare l'Impero e divideva con loro i soldi che questi rubavano. Si narra che si dilettasse nell'arena a uccidere le belve.


 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy