Venerdì , 20 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pornotax. Bigotta e antimercato: infrazione Ue?
Joshua Held,
Joshua Held, 'La pornotax' (04/12/2008, www.aduc.it) 
05 Dicembre 2008
 

La Pornotax, introdotta come misura meramente estetica nella Finanziaria 2006, entra in vigore con il decreto 185 del 29 novembre 2008 in materia di misure anticrisi. Un decreto in cui il ministro ai Beni Culturali dovrà dettare criteri per determinare cosa si debba intendere per materiale pornografico, ossia quello «in cui siano presenti immagini o scene contenenti atti sessuali espliciti e non simulati tra adulti consenzienti» e i cui proventi avranno un prelievo fiscale aggiuntivo del 25% e un aumento al 120% degli acconti da versare al fisco.

Questo provvedimento sarà nei fatti il vero salasso per Sky che, secondo stime di operatori del mercato, sempre smentite da Sky che però non ha mai fornito i dati, ricava un terzo dei suoi profitti, fino a 900 milioni di euro all'anno, proprio dai 26 canali porno della pay tv.

Un provvedimento che se non è mai entrato in vigore dalla Finanziaria del 2006 ha un'unica spiegazione, che fornì allora il viceministro all'Economia Giuseppe Vegas alla relatrice Daniela Santanché, paladina della misura: attenzione, è di difficile applicazione e rischia di aprire un contenzioso con l'Unione Europea.

Una tassa perbenista e bigotta che in nome dello scandalo, della decenza e della morale giustifica un aumento di tasse in nome del mercato. Tantomeno di quello europeo dove operatori dello stesso mercato pornografico si troverebbero ad essere in concorrenza sleale tra di loro rischiando di aprire possibili procedure di infrazioni. Ogni Stato membro Ue può tassare come crede i propri prodotti a condizione che non si crei una turbativa della libera concorrenza. Se quindi si tasseranno prodotti stranieri sarà la Commissione Europea a chiedere chiarimenti al Governo.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy