Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rosangela Pesenti. La scuola pubblica è uno dei fondamenti della democrazia
14 Ottobre 2008
 

La scuola è stata, in questo Paese, l’istituzione che ha realizzato più di tutte il dettato costituzionale dell’uguaglianza fra i cittadini, impegnandosi a rimuovere gli ostacoli alla sua realizzazione.

Pur nelle difficoltà dovute a riforme parziali e finanziamenti sempre insufficienti, e tenendo conto delle differenze tra i vari ordini di scuola, tra i quali l’eccellenza è certamente della scuola elementare, la stragrande maggioranza delle e degli insegnanti ha lavorato per quella promozione umana sociale e culturale che ha consentito a bambine e bambini, ragazzi e ragazze, di qualsiasi condizione, di crescere in un luogo in cui si sono sentiti uguali nella possibilità della differenza.

L’attacco alla scuola non riguarda solo i posti di lavoro degli insegnanti, ma in modo ben più grave è un attacco al patto costituzionale e al futuro delle nuove generazioni.

 

Oggi i problemi economici del nostro Paese non sono dovuti alle spese per la scuola, e certo tra queste non agli stipendi degli insegnanti, nei confronti dei quali la vergogna dei bassi stipendi si è unita all’elargizione di piccoli privilegi, oggi completamente cancellati, che in realtà favorivano il lavoro casalingo femminile non pagato e stupidamente mai considerato come fonte della ricchezza del paese.

La crisi economica è dovuta ai manager incapaci o furbastri o ladri, è dovuta all’incapacità di gestione o alle complicità dei politici che pensano agli affari loro contro il bene del Paese.

Se c’è assenteismo in certi settori pubblici la responsabilità è dei dirigenti che non svolgono la loro funzione e preferiscono la connivenza per loro utilità personale.

 

La scuola è l’unico luogo in cui è interamente presente tutta la popolazione dai tre ai diciotto anni con tutte le sue meravigliose potenzialità, straordinarie e quotidianamente faticose differenze, creatività e disagio, bisogni e desideri, voglia e paura di crescere.

La scuola è l’unico luogo in cui possiamo intuire le speranze e le minacce, aprire nuove strade e mettere ordine nelle valige dei patrimoni da portare nel viaggio che disegna la sua mappa di generazione in generazione.

 

Cancellare luoghi, le scuole di montagna e delle isole, ammassare le piccole persone, nelle aule e nei megaistituti, sostituire le relazioni umane con le tecnologie e soprattutto sottrarre la presenza di adulti competenti, che hanno il compito di trasmettere il patrimonio culturale perché diventi creativamente fruibile da tutte e tutti, non significa solo ridurre gli insegnanti a compiti di babysitteraggio o polizia, a seconda delle età e situazioni, ma considerare i nostri figli e figlie meno importanti delle banche, dei consumi, delle aziende che vengono salvate, del mutuo per l’auto, delle vacanze, significa non rispettarli nella loro dignità di persone che hanno diritto al meglio, se vogliamo che il dono della vita, che ci perpetua come specie, non diventi un peso insostenibile, e non perché mancano i beni, ma perché manca l’amore di un’intera società nei confronti dei suoi piccoli.

 

Nella scuola e in tutti i settori pubblici in cui prevale la cura delle persone sono presenti in maggioranza le donne che, come sappiamo, erogano anche la maggior parte del lavoro gratuito indispensabile per la crescita dei bambini, la cura degli anziani e delle famiglie.

L’attacco alla scuola è quindi una scelta politica che penalizza soprattutto le donne, soprattutto le famiglie, soprattutto le giovani generazioni.

Una politica che salva banche e società finanziarie, non considerando reati penali l’inquinamento e le dichiarazioni false, e toglie la sussistenza alla scuola, non è più politica, ma un abuso di potere che mira a smantellare le fondamenta della democrazia.

 

Rosangela Pesenti

insegnante Liceo “Don Milani”, Romano di Lombardia


Articoli correlati

  PD / Giulia Innocenzi. “No al referendum. Sì a Ddl che elimini sprechi dell'università”
  Angelo Saracini, Davide Dodesini, Sindacati. La Scuola Italiana di Atene chiude?
  Referendum contro il Decreto 137 della Gelmini? SI! Avanti tutta...
  Maria Lanciotti: la vergognosa controriforma di Mariastella Gelmini
  Simona Borgatti. La scuola fané di Mariastella Gelmini
  Aldo Martorano. Quattro domande al ministro Gelmini
  Donatella Poretti. Scuola: voto all'ora di religione?
  “Si tagliano le gambe alle generazioni future”. Alessandra Borsetti Venier intervista Vittoria Franco
  Simona Borgatti. La futura scuola pubblica federale
  Barbara Pojaghi, Preside di Scienze della Comunicazione scrive ai suoi ragazzi
  Aglaia Viviani: lettera ad Alessandra Borsetti Venier sull'intervista a Vittoria Franco
  Ecumenici. Una mozione anche a difesa della laicità della scuola
  Gaetano Barbella: Grembiuli a scuola grembiuli nella massoneria
  Giovanni Sabbatucci: Sulla breccia di Porta Pia. E rovelli di un docente sui programmi di italiano storia da insegnare
  La scuola che non c'è
  Patrizia Garofalo. Sulle facoltà “amene” di Mariastella Gelmini
  Scuola e Diritti. Riforma Gelmini (D.l. 137): dallo spezzatino della Moratti ora siamo alla... “frutta”
  Angela Nava. La scuola che perde la memoria, perde se stessa
  L'Ipotesi di Piero Calamandrei. (Come annientare la scuola pubblica...)
  “Riforma” Gelmini. Alcune iniziative sul territorio provinciale di Sondrio
  Silvia Minardi. Perché non risparmiamo sui caccia bombardieri, anziché sulla scuola?
  Anna Lanzetta: Il ruvido peso delle parole nel linguaggio di Mariastella Gelmini
  Valter Vecellio. Governo: confusionari, pasticcioni, pericolosi
  La coperta è diventata una sciarpa e il gatto è morto mordendosi la coda
  Redazione Tellusfolio-Scuola e Nadia: "Basta leggi vergognose contro la scuola pubblica"
  Marina Pensa. Diritti di carta e Diritti reali
  Per la Scuola della Repubblica/CGD. La Gelimini ci riprova?
  Davide Dodesini. Collasso dell'Italia. Colpa della scuola!
  Scuola e diritti di Valtellina per la scuola pubblica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy