Domenica , 23 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. 13 Luglio. Un giorno di lutto per Cuba
12 Luglio 2008
 

Esiste un eccidio nascosto nella recente storia di Cuba, una cosa di cui si parla poco, occultata da troppe dichiarazioni propagandistiche e che insegna quanto sia difficile trattare con una dittatura.

È il 13 luglio del 1994, alle 3 del mattino, quando 68 cubani tentano di abbandonare l’Isola alla volta di Miami impadronendosi del rimorchiatore “13 Marzo”, appena restaurato e dotato di un motore nuovo. L’imbarcazione utilizzata per la fuga appartiene alla Empresa de Servicios Marítimos del Ministerio de Transportes.

Appena salpa dal porto cubano, il rimorchiatore viene inseguito da due imbarcazioni (“Polargo 2” e “Polargo 3”) della stessa impresa statale. Passano 45 minuti di viaggio, il rimorchiatore è a sette miglia dalla costa, viene accerchiato in prossimità de La Poceta dalle due imbarcazioni e da una terza, la “Polargo 5”. Le tre barche sono equipaggiate con grosse taniche e cannoni per sparare acqua. La “Polargo 2” blocca a prua il vecchio rimorchiatore “13 Marzo” e gli impedisce di proseguire nella fuga verso la libertà, la “Polargo 3” staziona in direzione della poppa e gli impedisce di muoversi. La “Polargo 5” si posiziona lateralmente e stringe la barca fuggiasca. Le tre imbarcazioni cominciano a fare pressione sul piccolo battello e a lanciare acqua con i cannoni sulle persone che si trovavano in coperta. I cannoni utilizzano acqua di mare, sparano a ripetizione e la pressione dei getti è enorme. Donne e bambini che si trovano a bordo cominciano a gridare, ma gli attacchi proseguono senza sosta, anzi, si fanno più intensi. Il rimorchiatore affonda. È una vera strage. Trentasette morti e tra questi diversi bambini innocenti.

Molti muoiono nel naufragio perché sono costretti a rifugiarsi in sala macchine per sfuggire alla pressione dell’acqua lanciata contro chi si trova in coperta. Le pilotine della polizia di frontiera sono poco lontane, ma non intervengono, si limitano a osservare la tragica scena. I sopravvissuti sono vivi per miracolo, perché mentre stanno per affogare compare una barca greca che presta soccorso. La polizia di frontiera avrebbe preferito non lasciare testimoni, ma grazie al provvidenziale intervento si contano 31 superstiti. Le tre barche statali non tentano di soccorrere le vittime e di recuperare i corpi, ma rientrano alla base. I sopravvissuti vengono portati al posto di polizia di Jaimanitas e in seguito alla prigione di Villa Marista, quartier generale della Seguridad del Estado. Le donne e i bambini sono subito liberate, ma gli uomini restano in galera.

Non finisce qui. Il governo cubano rifiuta di recuperare i cadaveri che si trovano in fondo al mare. Nei giorni successivi al naufragio, i familiari delle vittime annegate si recano dalle autorità cubane per chiedere i corpi dei loro cari. “Non abbiamo mezzi specializzati per tale operazione” è la risposta ufficiale. Il perito incaricato di redigere un rapporto tecnico sostiene che il rimorchiatore è affondato a 3,5 Km. di profondità e che è impossibile recuperarlo. In realtà si tratta di pura mancanza di volontà politica, perché all’Avana ci sono almeno due mezzi idonei per recuperare relitti affondati: la gru Pablo Sandoval e la Magnun XII.

L’organizzazione senza fini di lucro Hermanos al Rescate - che si dedica a recuperare i balseros che fuggono dall’Isola - chiede l’autorizzazione governativa a sorvolare il luogo dei fatti per aiutare a recuperare i cadaveri. La richiesta viene immediatamente respinta. Neppure un corpo degli annegati viene recuperato dalle autorità, anche se il fatto è accaduto nelle acque territoriali cubane.

Per saperne di più su Youtube esistono alcuni video in lingua spagnola.

 

Elenco dei morti assassinati dal regime:
 

  1. Hellen Martínez Enríquez – 5 mesi

  2. Xicdy Rodríguez Fernández – 2 anni

  3. Angel René Abreu Ruiz – 2 anni

  4. José Carlos Nicle Anaya – 3 anni

  5. Giselle Borges Alvarez – 4 anni

  6. Caridad Leyva Tacoronte – 5 anni

  7. Juan Mario Gutiérrez García – 10 anni

  8. Yasser Perodín Almanza – 11 anni

  9. Yousell Eugenio Pérez Tacoronte – 11 anni

  10. Eliecer Suárez Plasencia – 12 anni

  11. Mayulis Menéndez Tacoronte – 17 anni

  12. Miladys Sanabria Cabrera – 19 anni

  13. Joel García Suárez – 20 anni

  14. Odalys Muñoz García – 21 anni

  15. Yaltamira Anaya Carrasco – 22 anni

  16. Yuliana Enríquez Carrazana – 22 anni

  17. Lissett María Alvarez Guerra – 24 anni

  18. Jorge Gregorio Balmaseda Castillo – 24 anni

  19. Ernesto Alfonso Loureiro – 25 anni

  20. María Miralis Fernández Rodríguez – 27 anni

  21. Jorge Arquímedes Levrígido Flores – 28 anni

  22. Leonardo Notario Góngora – 28 anni

  23. Pilar Almanza Romero – 31 anni

  24. Rigoberto Feu González – 31 anni

  25. Omar Rodríguez Suárez – 33 anni

  26. Lázaro Enrique Borges Briel – 34 anni

  27. Martha Caridad Tacoronte Vega – 35 anni

  28. Julia Caridad Ruiz Blanco – 35 anni

  29. Eduardo Suárez Esquivel – 38 anni

  30. Martha M.Carrasco Sanabria – 45 anni

  31. Augusto Guillermo Guerra Martínez – 45 anni

  32. Rosa María Alcal de Puig – 47 anni

  33. Estrella Suárez Esquivel – 48 anni

  34. Reynaldo Joaquín Marrero Alamo – 48 anni

  35. Amado González Raíces – 50 anni

  36. Fidencio Ramel Prieto Hernández – 51 anni

  37. Manuel Cayol – 50 anni

 

È lecito parlare di strage di Stato?

 

Gordiano Lupi


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 10 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy