Martedì , 18 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Flavia Perina e il “Secolo d’Italia” parlano bene di Pannella e dei radicali? Censurati anche loro
11 Luglio 2008
 

L’occasione poteva essere golosa. L’altro giorno il Secolo d’Italia, il quotidiano di Alleanza Nazionale, ha pubblicato un articolo (lo si è riprodotto, per chi fosse interessato, su Notizie Radicali dell’8 luglio), nel quale la sua direttrice Flavia Perina (foto) ha saputo analizzare quanto si sta muovendo dentro e intorno alla “casa” radicale con una acutezza e un’attenzione rara, che altri, paludati analisti non hanno saputo o voluto; o potuto.

Rilevava, Perina, che ancora una volta Marco Pannella e i radicali gettano «un sasso nello stagno ipocrita del giustizialismo rilanciando un vecchio cavallo di battaglia di chi crede nei diritti civili: il garantismo ‘globale’…». Osservava che mentre tutti si scatenavano nel gossip pro o contro Berlusconi, Pannella e i radicali, coerentemente con la loro cinquantennale storia, si mobilitavano perché nessuno tocchi il Caino iracheno, Tareq Aziz. Pur dissentendo dal metodo (non si può avere tutto!), si dava atto dell’impegno generoso di Pannella impegnato nel nuovo digiuno. «Piacerebbe», conclude Perina, «confrontarsi con una sinistra così, anziché con gli strilli anti-caimano di Pancho Pardi: andiamocela a cercare, sicuramente esiste dalle parti dei Radicali e anche altrove. E magari, domani, chiuso il teatrino di Piazza Navona, troverà il coraggio di uscire allo scoperto».

 

Altre volte le originali e non conformiste “uscite” del Secolo d’Italia di Flavia Perina sono state riprese da giornali col gusto del “curioso”, hanno fatto “notizia”, sono state valorizzate ed enfatizzate, organizzando anche dibattiti e riflessioni sul piccolo “evento”. Maestro di questo “far notizia”, Il Corriere della Sera, che – à noto – spulcia con golosa attenzione i giornali di “nicchia” alla caccia appunto di questi spunti.

Non è andata così, questa volta. Nessuno ha trovato “curioso” o perlomeno inconsueto l’articolo su Pannella e le sue iniziative pubblicato dal Secolo d’Italia. E dire che spunti non ne mancavano. Per esempio: ci sono precedenti. In passato c’era un’altra brava giornalista della destra militante che guardava con simpatia a Pannella e ai radicali, e contravvenne alla linea del partito, anti-divorzista: si parla di Gianna Preda, colonna del Borghese di Mario Tedeschi, autrice del gustosissimo “Fiori per io?”. Perina, insomma, parlando (e parlandone bene) dei radicali, ha finito col subire e patire anche lei il destino solitamente riservato ai radicali.

 

Questo porta a una riflessione più generale. È da considerare “normale” un paese in cui la comunicazione politica ormai si limita a conversazioni più o meno piccanti da esponenti politici e manager della televisione di Stato e possibili beneficiarie di raccomandazioni, “spintarelle” e quant’altro? Certo: quello che si legge in queste ore sui giornali è un affresco di quella “commedia” e di quella società in cui viviamo. Possibile che la comunicazione politica si riduca a questo? Si può comprendere che le fotografie di politici sorpresi al di fuori dei loro ambiti istituzionali, e magari in atteggiamenti inconsueti, costituisca “notizia”. Molto meno si comprende che solo questo costituisca “notizia”.

Le Commissioni parlamentari sono in piena attività, e deliberano di cose importanti per tutti. Non se ne riferisce. Di quel che avviene in Aula si sa solo per quel che riguarda gli aspetti più pittoreschi e volgari. Da giorni i parlamentari raccontano di quello che vedono e apprendono nelle loro visite ispettive in carceri e centri di prima accoglienza. Non una parola. A parte il digiuno di Pannella, è in pieno svolgimento, in tutta Italia, una mobilitazione per il Tibet, a sostegno del suo popolo perseguitato; non una parola. Pannella ha lanciato il Satyagraha mondiale per la pace, la libertà e la democrazia, non una parola. Tutte le iniziative in corso contro le campagne demagogiche anti-Rom, le campagne per l’ampliamento dei diritti civili, tutto quello che si può conoscere solo ascoltando Radio Radicale o leggendo Notizie Radicali: non una parola. L’iniziativa politica di “Chianciano due”: non una parola. Tutte le iniziative legate alla giustizia, di cui i radicali sono animatori: non una parola.

 

D’accordo: quello che fanno e cercano di fare Pannella e i radicali non è “divertente”, non è “sexy”. Ma è un paese “normale” un paese dove l’einaudiano principio del “conoscere per deliberare” viene negato con tanta pervicacia e sistematicità?

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 10 luglio 2008)


Articoli correlati

  L’Abolizionista dell’Anno e Rapporto 2008 di Nessuno tocchi Caino
  “Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz”
  Newletter Ecumenici. Moratoria della pena di morta anche per Tareq Aziz!
  Pannella in sciopero della sete
  Maurizio Benazzi. In solidarietà a Tereq Aziz e ai detenuti italiani
  Moratoria della pena di morte anche per Tareq Aziz
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Franco Frattini: “Pronto a recarmi a Baghdad per evitare pena morte ad Aziz”
  Valter Vecellio. Del Governo Berlusconi, dell’opposizione, di noi stessi
  Valter Vecellio. Un articolo del “Foglio”, le riflessioni di Andreatta, un saggio di Walzer
  “E ora Chianciano”
  Marco Pannella. Convention di Chianciano. Come avevo temuto e previsto...
  Rino Formica. Chianciano e dintorni. Lettera aperta ai compagni socialisti
  Valter Vecellio. A Chianciano, perché
  “Assemblea dei Mille”. La relazione di apertura di Mauro Del Bue
  Valter Vecellio. Si comportano come i ladri di Pisa… Il diritto, la legalità, il rispetto della Legge
  “Assemblea dei Mille”. Dal 2 al 4 maggio a Chianciano, con Emma Bonino e Romano Prodi
  Verso la terza “Assemblea del Dopo Chianciano”
  Valter Vecellio. Sarà un bel congresso, compagni
  Carceri. Radicali su detenuto iracheno morto per sciopero della fame a L'Aquila
  Valter Vecellio. Allarme sicurezza, denuncia Manganelli. Ipocriti
  Novara. Corsi e ricorsi... Nulla di nuovo sotto il sole!
  Roma e sicurezza. L'Aduc scrive ad Alemanno
  Maria G. Di Rienzo. Sicurezza
  Maria G. Di Rienzo. Telefonini
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  Maria G. di Rienzo. Parliamo di sicurezza
  Il razzismo ci rende insicuri. Assemblea pubblica a Roma, martedì 17 giugno
  Gianluca Carmosino. Questa è divenuta l'Italia?
  Roma città sicura? Io aggredita in centro e forze dell'ordine disarmanti
  Sicurezza. Con Bossi-Fini clandestinità è necessità, non reato
  Stalking e decreto sicurezza: aggravanti solo per gli ex mariti ed ex fidanzati. E quelli attuali?
  Antonio Stango. Di luce, gioia, diritto e cittadinanza
  Gruppo EveryOne. Brutalmente aggrediti due ragazzi romeni e l'intera famiglia
  Maria G. Di Rienzo. Sondaggi
  Mao Valpiana. Verona. Militari e mendicanti
  Valter Vecellio. I tg e l'uso politico della paura
  Sulla guerra di camorra
  A Parma fotografata seminuda prostituta in cella: ma quanto sono bravi i nostri amministratori - sceriffi!
  Marco Lombardi. Allibiti (attori) di fronte al male
  Niccolò Bulanti. E ancora ci dividiamo...
  Maria G. Di Rienzo. Come esseri umani
  Mao Valpiana. Un gravissimo atto di discriminazione contro i Rom a Verona
  Le parole sono pietre
  Michelangelo Tumini. Alemanno il sindaco più creativo
  Rita Bernardini. Sicurezza non vuol dire strage di diritto e democrazia
  Stato di emergenza nazionale? Una trovata autopromozionale che decreta il fallimento della legge Bossi-Fini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy